Anonimo
Anonimo ha chiesto in SportSport - Altro · 8 anni fa

FREQUENZA CARDIACA E ALLENAMENTO AEROBICO?

Ovviamente la frequenza cardiaca aumenta a seconda dell'intensità dell'esercizio ma fino a che punto diventa rischioso? è giusto una mia curiosità (dettata anche dalla mia ignoranza sull'argomento purtroppo :/) Durante un allenamento, ad un certo punto una mia amica sbirciando la mia frequenza cardiaca sul monitor mi ha praticamente trascinato giù dal tapis roulant a forza, spaventatissima, temendo che collassassi: la mia frequenza era arrivata a 168 ma onestamente non ero stanca, non avevo il fiatone e non mi sentivo nemmeno male (ormai mi stavo allenando da circa 1 ora e mezza ma fosse stato per me sarei andata avanti ancora un bel po' anche ad una difficoltà maggiore d'allenamento prima di arrivare al mio limite) quindi non capivo il perchè della sua preoccupazione... mi ha detto che una vipera come me (perchè ho la pressione un po' bassina ma neanche esageratamente bassa) non avrebbe dovuto superare i 145/150 ma è davvero così? avrei rischiato qualcosa continuando ad allenarmi con quell'intensità? alla fine non mi ha nemmeno permesso di continuare l'allenamento :/ Grazie a chiunque sprecherà il suo tempo per rispondermi! 10 punti al migliore :*

1 risposta

Classificazione
  • 8 anni fa
    Migliore risposta

    Devi guarda a quanto corrispondo quei battiti nella tua % di frequenza cardiaca.

    La frequenza cardiaca massima si trova facendo 220- la tua età , poi guardi che % è quel 168. In un tipo di allenamento aerobico per stimolare al massimo la lipolisi si dovrebbe stare sul 70% circa della F.C. max.

    Il cuore è fatto per sopportare anche pulsazioni molto elevate per un certo periodo di tempo. Certo è che rimanere su frequenze troppo alte per troppo tempo non è un bene ma se tu stavi bene e non eri affaticata evidentemente stavi lavorando bene.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.