Titti ha chiesto in Arte e culturaStoria · 8 anni fa

Domande di storia sull'economia e società nel medioevo?

1)Descrivi le caratteristiche dell'economia romana. Perchè si può definire un'economia monetaria e urbana? Come cambiò il quadro economico con le invasioni barbariche? E come cambiò nuovamente intorno all'anno Mille?

2)Spiega come si intersecarono espansione economica e demografica e che effetti ebbero.Come mutarono le città in seguito a tali trasformazioni?

Potete rispondere per favore:)?

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    8 anni fa
    Migliore risposta

    Esiste la seziond compiti -.-"

    Allora dopo le invasioni barbariche , all’organizzazione politica fondata sul feudo Carlo Magno affiancò l’organizzazione economica fondata sulla “curtes”, il complesso che comprendeva il castello, i territori e gli immobili presenti nel feudo, nonché la comunità delle persone dedite ai vari mestieri.

    La curtes si articolava in questo modo:

    la "pars dominicia", cioè la parte del signore, costituita dai campi che egli amministrava direttamente, dalla sua residenza privata, dalle attrezzature e dalle case dei servi della gleba e degli schiavi;

    la "pars massaricia", i campi (mansi), le case e le attrezzature dei coloni che sebbene sottoposti al banno signorile erano liberi. Per tre giorni alla settimana i contadini dovevano prestare le corvée, cioè dovevano lavorare le terre del signore, negli altri giorni si occupavano delle proprie, escluso il riposo domenicale.

    Obblighi feudali dei massari, oltre alle corvée:

    pagare al re una tassa annua per persona

    pagare al feudatario un affitto annuo per la casa e il terreno coltivato

    pagare al feudatario una o due volte all’anno una tassa variabile richiesta in casi di necessità

    Inoltre: dare al feudatario un decimo del raccolto

    pagare l’uso del forno e del mulino

    pagare per poter pescare, cacciare, pascolare nei terreni del feudatario

    pagare un dazio per ogni merce venduta al mercato

    pagare una multa se il figlio fosse andato in seminario, perché il castello avrebbe perso due braccia per il lavoro

    pagare il ripatica per transitare sulla riva di un fiume

    pagare il pontatico per attraversare un ponte

    pagare il rotatico per il danno recato alle strade dall’uso dei carri

    pagare il polveratico per il fastidio arrecato al signore dalla polvere sollevata dai veicoli.

    Cosa dava in cambio il feudatario? Il banno lo rendeva padrone assoluto della vita dei suoi sottoposti, lo impegnava però alla loro protezione e a concedere di rifugiarsi entro le mura del castello in caso di pericolo.

    Infine i coloni dovevano pagare la decima alla Chiesa, cioè dare la decima parte del raccolto per il mantenimento della stessa.

  • 8 anni fa

    domanda su wikipedoa: storia dell' antico medioevo

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.