Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 9 anni fa

Poichè voi veg avete più buon gusto: se friggo le crocchette nell'olio di semi mica fanno schifo?

Aggiornamento:

blume tu confermi quanto ho detto, ma a questo punto se qualcuno lo fa forse posso azzardare di ripiegare sull'olio di semi

Aggiornamento 2:

le cipolline stanno ancora lì qualcuno

il discorso è diverso: se qualcuno lo usa nella cucina è perchè non lo trova schifoso perchè di masochisti alimentari non ne conosco

6 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 7
    9 anni fa
    Risposta preferita

    io le friggo sempre nell'olio specifico per fritture, e non sono manco vegetariana, figurati vegana

    p.s

    che i vegani e vegetariani abbiamo dei loro ben saldi principi, non si discute, ma che abbiano più buon gusto, io aprirei un sano dibattito.

  • Maria
    Lv 5
    9 anni fa

    io le ho sempre fritte nell'olio di semi, quello d'oliva è troppo forte, non lo trovo adatto.

  • 9 anni fa

    Le poche volte che friggo uso l'olio e. v. d'oliva. Tiene meglio la cottura e sviluppa meno sostanze tossiche.

  • Anonimo
    9 anni fa

    le crocchette del gatto?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Blume
    Lv 5
    9 anni fa

    Si consiglia quello di oliva per le fritture.

    Se hai quello di semi, non dovrebbe arrivare a 130 gradi sennò è pure dannoso. Comunque, non farlo arrivare al punto di fumo, ecco tutto.

    I veg che hanno più gusto per la vita.(tanto da non mangiarsi quella degli altri!)

    All'utente qua sopra: de gustibus non disputandum est.

    _________"fra gli oli di semi (mono-seme o semi vari) ne esiste una terza tipologia, chiamata specificatamente “olio per friggere” o “olio da frittura”. Si tratta di un olio di semi con aggiunta di materia grassa frazionata. Di cosa si tratta? Di un olio che contiene una parte liquida e una parte solida, generalmente ricavata dal grasso (alimentare) di palma."

    |

    |

    |

    v

    non era per te questo.

    Comunque, ripiega sull'olio di semi fermo restando che "se qualcuno lo fa...posso azzardare".

    Anche "qualcuno si getta dai ponti", "qualcuno beve acido" ecc ecc

    Sì lo so ho azzardato troppo.

    Niente, alla prossima spesa, ricordati l'olio d'oliva.

    Ma credo poi che tu sia indistruttibile se ti sei mangiata quelle cipolline non identificate e dei funghi che avevi scordato nel frigo...:)

    Quindi l'olio di semi ti fa 'na cippa insomma.

    Però non abusarne ecco, mi sento vivamente di dirti questo!

    che qui su answers ci teniamo a te

    Ma da quando i masochisti alimentari si confessano? ;-p

    Ok, libera scelta dell'olio.

  • Sasha
    Lv 6
    9 anni fa

    il parametro fisico discriminante per gli olii da frittura è il punto di fumo che è la temperatura alla quale l'olio emette fumi visibili e oltre la quale le molecole di trigliceridi e glicerina in esso contenute iniziano a denaturarsi e a produrre sostanze tossiche.

    Maggiore è questo punto di fumo, migliore è la qualità dell'olio.

    In sintesi, per le fritture, sono da preferire l’olio extravergine di oliva (170°) e quello di arachide (220°) che come vedi hanno un punto di fumo molto alto

    Considera poi che anche la qualità di acidi grassi contenuti è fondamentale, quello extravergine, pur avendo un punto di fumo inferiore a quello di arachidi, è però più ricco di acidi grassi monoinsaturi (che sono i più stabili) e di sostanze antiossidanti, oltre a essere meno ricco di acidi grassi polinsaturi (meno stabili), e pertanto più resistente alle alte temperature.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.