Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 9 anni fa

Se Gesù Cristo è realmente esistito..?

Perché molti suoi storici contemporanei non ne parlano, nonostante la storia fatta di miracoli e altre cose assurde che avrebbe lasciato curioso qualsiasi storico e filosofo del tempo?

E sempre se Gesù è realmente esistito, che bisogno avevano i protocristiani di interpolare gli scritti di Giuseppe Flavio, Tacito, Svetonio e Plinio il Giovane?

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Seguimi attentamente: in realtà i documenti storici esistevano. Ma i cristiani li hanno fatti sparire perchè la figura storica di Gesù non coincideva anzi contraddiceva la sua figura evangelica. E' per questo motivo che noi abbiamo saputo chi erano gli esseni solo dopo il ritrovamento di Nag Hammadi. Ci sarà un motivo se qualcuno ha voluto nascondere quei documenti no?

    In realtà non è possibile tracciare un profilo preciso e incontestabile di ciò che avvenne nei primi secoli dell'era volgare. Le teorie sono molte, le posizioni anche. Sull' esistenza storica del personaggio di Gesù di Nazareth non esistono prove incontrovertibili; che il personaggio storico corrisponda en toto alla figura dei Vangeli, non esistono assolutamente conferme storiche.

    Tratto da “Inchiesta sul Cristianesimo” Corrado Augias, Remo Cacitti.

    “Lo storico ebreo romanizzato Giuseppe Flavio parla di tre principali correnti religiose e politiche: sadducei, farisei, esseni. I sadducei rappresentavano l'aristocrazia sacedotale; si caratterizzavano per una interpretazione arcaicizzante della Legge (Torah), che escludeva le dottrine non attestate nella Bibbia, tra cui la resurrezione dei morti nonché la tradizione orale… Una delle correnti fino a poco tempo fa meno conosciute era quella degli esseni, un gruppo di rigorosi osservanti che abbandonarono, almeno in parte, Gerusalemme in forte dissenso con il modo in cui il Tempio era gestito dai sacerdoti... Gli esseni costituivano una comunità di tipo monastico... nella quale si entrava dopo un giuramento... e si aspettava la fine di tutti i tempi, il giudizio universale, considerato imminente. Una setta apocalittica... persone molto pie in attesa del giorno in cui Dio avrebbe sradicato ogni male sulla terra... e di uno scontro definitivo con Satana...” pp. 7-8

    “In questa atmosfera avviene molto probabilmente uno dei più famosi episodi nella vita di Gesù: la cacciata dei mercanti dal Tempio... Ora non c'è dubbio che la cacciata in sé e per sé non abbia molto senso. Di fatto, i famosi mercanti erano o i cambiavalute o i venditori di animali per i sacrifici, entrambi indispensabili al funzionamento del tempio. Cacciarli significava bloccare la liturgia. Al gesto va dunque dato un significato più ampio: cacciare i mercanti voleva dire criticare il modo in cui il Tempio era gestito dalla casta sacerdotale al potere, i sadducei... gli storici concordano sul fatto che l'episodio dà violenta visibilità a una critica radicale della gestione del luogo. Anche questo avvenimento ha rafforzato l'ipotesi che Gesù facesse parte della setta degli esseni, critici, per l'appunto, verso la casta sacerdotale... ipotesi, questa, che trasformerebbe il gesto di Gesù in un atto di aperta sovversione politica.” p. 11

    Sulla base di At 11,26 “Rimasero insieme per un anno intero in quella comunità e istruirono molta gente; ad Antiochia per la prima volta i discepoli furono chiamati cristiani.”

    “Il termine “cristiani” è attestato qui per la prima volta. Ad Antiochia però si parlava greco e si è fatto osservare che i greci avrebbero chiamato questi seguaci non “cristiani” ma “cristei”, perchè l'aggettivo greco si forma con suffisso eios. Il suffisso ianos è invece latino. Ci si è chiesti: chi ad Antiochia poteva aver chiamato i seguaci di Cristo con un termine costruito alla latina? L'autorità romana, ovviamente. Ma l'autorità romana può essersi interessata a loro solo per ragioni politiche, cioè di ordine pubblico. Uno studioso tedesco, Joachim Molthagen, ha avanzato l'ipotesi che... questo suffisso, applicato ai discepoli di Cristo, stesse ad indicare un gruppo di persone che potevano essere anche armate, seguaci di un leader. Il nome conterrebbe così una connotazione politica, innovatrice rispetto agli altri termini con cui prima venivano indicati i discepoli.” p. 70

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.