quali sono gli obbiettivi specifici della manifestazione del 15 ottobre?

non mi sono affatto chiari gli obbiettivi,li trovo a dir poco nebulosi...come dovremmo strutturare la società?Che tipo di modello di democrazia vorremmo attuare?Mi pare che dire "liberiamo il mondo dal male" sia un pò vago,quasi fumettistico in effetti..

3 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    È una manifestazione contro l'attuale sistema economico occidentale, principalmente europeo. Non ci sono rivendicazioni comuniste (o meglio, magari c'è anche la componente marxista, ma non è la totalità o la maggioranza), ma soprattutto di contrasto al dominio dei poteri finanziari, quindi si protesta contro le politiche di austerity dell'Ue, contro il ruolo a-democratico e dannoso di QUESTA Bce che, anche per via del trattato di Maastricht, ha reso pericolosissima la crisi del debito e dannosissime le misure imposte per rispettare quei parametri assurdi. Si protesta per l'asservimento della politica ai "mercati", cioè banche e speculatori. Ogni manovra economica viene fatta per rassicurare i mercati, mai per i cittadini (e vado oltre il concetto di classe, poiché ad essere danneggiati sono operai, studenti, impiegati, piccolo e medio borghesi, insomma diverse classe sociali). Quest'Europa è stata costruita per servire lobby economiche e finanziarie. Punto. Si poteva costruire un'europa che quanto meno valorizzasse i diritti sociali, invece li umilia.

    Quindi in comune si hanno questi obiettivi, che sono omunque temporanei. Non contro le auto blu o le indennità parlamentari (specchietti per le allodole), ma contro la grande finanza.

    Poi, essendo una protesta interclassista, arriverà a prospettare diversi finali. C'è chi vorrebbe superare il sistema capitalista e arrivare al comunismo, chi vorrebbe tornare al capitalismo keynesiano e cacciare via i neoliberisti a calci in cùlo, chi vorrebbe riaffermare il capitalismo reale, produttivo, su quello finanziario,,,

    Ma per adesso si lotta per le follie asfissianti delle forze finanziarie. Come sarà il Dopo? Ah, non lo so.

    Comunque a me non piace il termine "indignados/indignati". È troppo riduttivo e potrebbe servire per lotta alla corruzione o cose del genere, cioè per delle sbavature del sistema. Ci si indigna quando si assiste ad atti deprecabili all'interno di un istema sano, ma quando è l'intero sistema ad essere marcio, fetido, non ha senso indignarsi. Uno può indignarsi se il politico è corrotto, non se c'è un sistema macro-economico che anche se agisse nel pieno rispetto delle leggi (da esso prodotte) farebbe comunque schifo.

  • 9 anni fa

    se è davvero quello l'obiettivo : liberare il mondo dal male .

    Allora conviene chiamare l'esorcista.

    Sta faccenda puzza di attivismo cattolico. Sono loro che vedono nell'uomo cattivo ed egoista la spiegazione di tutti i problemi.

    Non hanno o non vogliono capire che il problema sta nella natura del modo di produzione capitalistico.

    Quando un miliardo di umani lavora collettivamente, ma tutto quel lavoro viene sottratto da pochi umani, non si tratta di egoismo, ma di leggi che regolano i rapporti socio economici.

    Togliamo la proprietà dei mezzi di produzione, quello è il fattore negativo. L'unico!

  • 9 anni fa

    Credo che in linea di massima le manifestazioni siano sempre gestite e gli slogan studiati servano a calmare gli animi di chi non ne può più Liberare il mondo dal male e chi non lo vuole, ma se il male si genera per egoismi di una classe politica che dice di fare gli interessi comuni e ti si rigira dandoti la speranza che cambia. Sono solo illusioni occorrono fatti.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.