L'Infedele: Stò guardando l'Infedele...ma non trovate che...?

...stì "indignados" italiani siano vagamente ridicoli?

Lerner fa loro una domanda e si lamentano perchè non si erano potuti preparare e quindi la portavoce poteva parlare solo per sè...e vabbè...poi un intervento per spiegare il giochetto con le mani...e a conclusione dicono "ne parleremo in un altro intervento"...poi le commissioni...

Francamente, in uno scenario tragico, mi sembrano branchi di bambinoni che giocano col Didò chiamandolo "politica"...non vi fanno questa impressione?

Aggiornamento:

X Marco: Io sono comunista e ritengo che la storia delle "rivoluzioni non violente" sia una cosa da cerebrolesi. Riguardo ai cosiddetti "Black Bloc" francamente la mia perplessità riguarda il fatto che bruciare macchine, edifici, rompere vetrine e fare altre cazzate da teppista non porta avanti di un millimetro la lotta politica...

...ma in questo caso parlavo degli "indignados pacifici" che vengono intervistati all'Infedele. In tutta onestà, al di là della propaganda, che impressione ti fai di gente che passa il suo tempo a "fare i giochini con le manine", a darsi da soli importanza etichettando "commissioni" una revisione dei vecchi "collettivi" e che non è manco capace di accorgersi che *ora* sono l'argomento del giorno, ma domani non se li cagherà nessuno?

A me francamente mi fanno pensare ai bambini all'asilo che giocano col pongo o col Didò...peccato che da gente di vent'anni, trent'anni ed oltre mi aspetterei la capacità di accorgersi di quanto ci si rende ridicoli...

Aggiornamento 2:

X Tahar: Bravo...hai colto l'essenza. Più che "ingenui" li definirei "fessi"...ma sì...stanno lì a mendicare al potere di dare retta ai loro problemi e non sono manco in grado di capire che il "potere" è nella posizione in cui si trova e gli equilibri della ricchezza sono quelli che sono perchè il "potere" SE NE FOTTE che loro sono poveri ed oppressi!! La violenza del potere è subdola...non è la macchina che ti investe ad alta velocità...è la macchina che ti passa sopra lentamente e ti frantuma le ossa...lentamente...senza fracasso...in modo molto civile.

Non per niente una delle canzoni politiche degli anni '60...Contessa...dice "Voi gente per bene che pace cercate, la pace per fare quello che voi volete, ma se questo è il prezzo vogliamo la guerra,

vogliamo vedervi finire sottoterra"!

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Intelligente amico mio (non credevo fossi comunista!!!), dici sempre cose molto interessanti. Devo dirti che la penso come te riguardo la consistenza politica degli indignados pacifici: sono degli smidollati. Sono i frutti della società capitalistica che le si stanno ritorcendo contro, persone assolutamente spente, progettate per essere apatiche e che a furia di non reagire umanamente agli stimoli dai quali sono circondati si sono trasformati in zombies non autosufficienti che costituiscono un peso morto, un costo fisso. Continuando così il capitalismo finisce per mancanza di esseri umani idonei allo sfruttamento. ciao.

  • Anonimo
    9 anni fa

    sono delle persone per bene ma ingenue, che si muovono pacificamente contro gli eccessi del capitalismo, perché in qualche modo dell' idea (o addirittura convinte!), non si sa come, non si sa quando, che ci possa essere un capitalismo più giusto.

  • 9 anni fa

    Si, sono ridicoli e deprimenti.....

  • ?
    Lv 6
    9 anni fa

    ma che ci interessa, pensiavo a fatti veri, o no??

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Diciamo innanzitutto che i Black Blocks sono persone che hanno un nome e un cognome, e soprattutto che sono persone che hanno un loro radicamento nei movimenti della sinistra antagonista, nonché in certe frange organizzate del cosiddetto "popolo della rete".

    Inoltre la loro violenza non nasce dal nulla ma è il risultato di una vera e propria cultura della violenza rivoluzionaria, la quale gli è stata inculcata fin dall'adolescenza, soprattutto nelle scuole, ad opera di certi insegnanti che hanno avuto il posto non in virtù di loro meriti o di una loro attitudine all'insegnamento, ma grazie soltanto alle loro frequentazioni in ambienti della sinistra politica e della Cgil.

    L'espressione "Black Blocks" è solo un espediente per non riconoscere che c'è una responsabilità politica di tipo diffuso a causare le violenze di certe persone, che oltretutto non dovranno rispondere di nessuno dei loro reati in quanto la stessa cultura dominante che li ha forgiati farà in modo che la condanna nei loro confronti sia solo una condanna retorica, e che all'atto pratico si tramuterà in una vera e propria "soliderietà ai compagni", da parte di certi magistrati che anch'essi fanno riferimento alla stessa cultura, e che probabilmente hanno avuto il posto allo stesso modo degli insegnanti di cui sopra.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.