Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

help!!!!i miei pesciotti hanno preso l'influenza, come comportarmi?

si tratta di jack e fiocchetto, due pesciolini d'acqua fredda a tre code e gli occhietti sporgenti...uno nero e l'altro rosso. da un po di giorni restano appisolati nei pressi della piantina (finta) o del filtro senza sguazzare come al solito. la situazione tra ieri e oggi xo si è aggravata: fiocco galleggia da un lato respirando lentamente e jack a preso a nuotare a su un fianco proprio come faceva l'altro qlc giorno fa. cosa devo fare??il mio rivenditore mi ha consigliato di sciogliere nell'acqua un cucchiaino di sale ma non hanno reagito in alcun modo.. non mangiano e non si riprendono... il tipo mi ha anche detto kè è dovuto allo sbalzo termico di questiultimi giorni...non so che fareeeeeeeeeeee!!!!antibiotici???altro sale???piselli bolliti????

Aggiornamento:

caro ?,

tanto per cominciare, li ho trovati per terra quindi hai poco da aggredire così senza sapere: meglio in una vaschetta gestiti poco bene che su un marciapiede dentro un coccio di bottiglia!!!!

coooooooomunque....grazie mille per le mille informazioni, le seguirò al dettaglio!!

speriamo si riprendano presto.

3 risposte

Classificazione
  • Pixel
    Lv 5
    10 anni fa
    Risposta preferita

    Scusa, answers è talmente pieno di imbecilli che comprano pesci a caso senza informarsi che parto prevenuto e dò per scontato che chiunque inserisca simili domande abbia fatto la stessa cosa, a meno che non venga specificato diversamente.

    Cooooomunque.

    La causa del malessere dei tuoi carassius auratus di varietà ornamentale non può certo essere l'influenza, che è trasmissibile solo fra umani ed in rari casi anche fra mammiferi. Piuttosto sembra un'infiammazione della vescica natatoria, la cui causa è SEMPRE una dose eccessiva di cibo: i carassius hanno un apparato digerente che necessita di piccole quantità di cibo ma di numerosi pasti ogni giorno; se mangiano troppo non riescono a digerire, il mangime fermenta e causa infiammazioni agli organi interni, prima fra tutti la vescica natatoria, che se si infiamma impedisce al carassius di controllare il nuoto.

    La cura consiste in due giorni di digiuno seguiti da una settimana di dieta a base di piselli bolliti e spappolati, il sale in questo caso fa solo danni, inoltre la salinità dell'acqua va calcolata in milligrammi/litro, non basta buttare dentro cucchiaiate a caso, si rischia di uccidere i pesci.

    Tornando alle esigenze dei tuoi pesci, ti faccio un breve elenco di regole che se non rispettate UCCIDONO i carassius:

    -SPAZIO

    Ai pesci rossi, anche a quelli di varietà ornamentale, serve tantissimo spazio. Nell'arco della loro vita crescono fino a 20/40 centimetri a seconda della varietà, gli occhi a bolla e quelli simili arrivano a 25 di solito. Per questo motivo ai tuoi pesci servono ALMENO cento litri d'acqua ciascuno, in tutto 200 litri, anche se ora sono piccoli. In mancanza di spazio per crescere e nuotare il loro sviluppo si arresta, e questo conduce ad una morte rapida e dolorosa.

    Se non puoi permetterti un acquario da 200 litri completo di accessori compra quello che ti pare, anche un mastello per l'uva o una tanica in plastica, basta che tu dia ai tuoi pesci almeno 200 litri d'acqua sviluppati orizzontalmente.

    -ACQUA

    L'acqua deve essere rigorosamente limpida e pulitissima. Quella di rubinetto contiene cloro e altre sostanze nocive, che se non vengono eliminate aggiungendo all'acqua prima di usarla coi pesci un apposito biocondizionatore (lo trovi in vendita nei negozi) possono causare diversi problemi: innanzitutto indeboliscono le difese immunitarie dei pesci esponendoli a malattie, e il cloro oltre ad essere lievemente tossico può causare perdita di colore, perdita di squame, e in concentrazioni elevate anche ustioni chimiche.

    Anche i cambi totali dell'acqua sono pericolosi, creano squilibri chimici che stressano il pesce, un pesce stressato è vulnerabile alle malattie e può anche morire. L'acqua va tenuta pulita usando un filtro molto potente che permette la decomposizione delle feci al suo interno e assorbe l'ammoniaca che ne deriva, ed i cambi devono essere sempre parziali (il 20% del totale) ogni due settimane.

    Senza un filtro le feci dei pesci rilasciano ammoniaca decomponendosi, la quale si sparge per tutta la vasca perchè non viene trattenuta da nessun filtro, e avvelena i pesci lentamente.

    Cambiare l'acqua tutti i giorni ovviamente non si può fare per via degli squilibri chimici, quindi serve per forza il filtro.

    Riguardo all'alimentazione ti ho già spiegato quasi tutto, volendo puoi integrare il mangime con verdure bollite e spappolate come zucchine o piselli, che si usano come cura ma vanno bene anche come cibo occasionale.

    Un pesce rosso allevato in questo modo vivrà almeno vent'anni, in casi rari alcuni arrivano anche a 50.

  • come nn essere daccordo con ? ..... scusa il cinismo... ma nn sopporto questo tipo di domande... totalmente sprezzanti nei confronti della vita animale...coooooooomunque... direi che insieme alla tipa che cercava un canile per pesci abbandonati perche i suoi erano morti per il viakal, ti aggiudichi il secondo posto di furbizia... tu cosa preferiresti? una lenta agonia o una morte rapida? coooooooomunque... il sale funziona solo coi pesci di acqua salmastra che resistono a cambi graduali di conducibilita (mi sembra ovvio....) come guppy, corydoras e pochi altri che vivono alle foci dei fiumi... il problema di "jack e fiocchetto" (un nome pero glielo hai dato... senno si sentivano sperduti...) è avvelenamento da no2\3, infiammazione degli organi interni ed in particolare della vescica natatoria.. crescendo in 10 litri il loro scheletro è rimasto piccolo, ma gli organi interni sono cresciuti.... sale, piselli, medicine varie nn fanno una funcia... neanche metterli in una vasca da 200 litri servirebbe.. ormai i loro scheletri sono seriamente compromessi... fossi in te, se veramente gli sei grata della compagnia che ti hanno dato, li andrei a liberare in un laghetto di un parco... almeno 2 giorni di vita degna glieli darai... ma visto che so quanto sia ostinato il popolo acquariofilo di answer so gia che gli farai le peggio cose nel tentativo di aiutarli... penso di parlare anche a nome loro.... lascia stare, hai fatto fin troppo...

  • 10 anni fa

    Togli l'acqua e metti nella boccia 50% latte tiepido e 50% vecchia romagna (è un brandy),vedrai che staranno subito meglio!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.