Chi di voi mamme non lavora?

Ciao ragazze!!

Chi sono qui le mamme che non lavorano?

E per quale motivo sono spinte a stare a casa?

Avete intenzione di tornare a lavorare in un futuro?

Buon week end a tutte!!!!!

Alessia e Alice insieme

Aggiornamento:

@Alessia

Mi sa che scateni l'invidia di molte persone:=)

Anche la mia..ehehheheheh!!!!!

Aggiornamento 2:

@Chance

be',sono punti di vista,ovvio:=)

Ma sinceramente se io potessi crescermi i miei figli sarei super realizzata,anche perche' non e' detto che se nonlavori sei fuori dal mondo eh!!!

Una puo' crearsi tanti di qyei interessi!!! Molti di piu' che una che lavora!!

Io ribadisco,Invidio alessia!!! :=)

19 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    tesoro io non lavoro,come sai ho 21 anni e gianluca ha 13 mesi...

    sono rimasta incinta che avevo19 anni,andavo alla scuola serale e mi stavo per diplomare...

    a 18anni ho lavorato 1mese in un call center,mi piaceva,ma con gli orari scolastici non potevo + lavorare...

    finchè mio figlio non andrà all'asilo sicuramente non cercherò un lavoro...

    come dici spesso anche tu se una mamma può è sempre meglio stare con i figli nell'età da 0 a 3 anni...

    quando Gianluca andrà all'asilo detto con tutta sincerità rimango a fare la casalinga...non mi pesa affatto,anzi mi pesa dover lavorare x qualcuno...mi peserebbe essere sfruttata da qualcuno perchè magari non ho esperienza lavorativa...

    parlo sempre perchè io e il mio compagno facendoci due conti in tasca ci arriviamo a fine mese..anche se in passato ci sono stati dei periodi di lavoro brutti...

    ovvio che se facessimo fatica ad arrivare a fine mese,non appena mio figlio andrà all'asilo mi troverei un lavoro...tornerei al call center,oppure farei la baby sitter che ho fatto 3 anni fa ma x poco tempo...

    ecco,questa è la mia esperienza,bacione!

    @ dici?? e perchè invidia?? qui a molte piace andare a lavorare...parecchie volte ho letto così...

    @chance: guarda ciò che dici tu non fa davvero 1piega,io ho espresso soltanto il mio parere e sono stata spolliciata...va bene,amen,non posso piacere a tutti...

    io sono stata sincera,pur essendo giovane io mi sento realizzata come donna e come mamma...

    non mi serve un lavoro per sentrimi realizzata...non me ne volere,andrò pure contro corrente però almeno non faccio l'ipocrita come tante che dicono: Io amo il mio lavoro,io di qui ed io di la, quando invece non è vero niente,ma lo fanno giusto per far vedere che loro lavorano...

    ormai la società in cui viviamo è quasi tutto un dimostrare...

    bene,io non sono così,esprimo con sincerità quello che penso e condivido se qualcuno nn la pensa come me,ci mancherebbe

  • 9 anni fa

    Premetto che mai mi sognerei di spolliciare un'opinione, quindi comunque non condivido i pollici in gù di Alessia, però, credimi è tutt'altro che invidia... piuttosto è tristezza totale nel leggere come una ragazza così giovane non abbia alcun desiderio di realizzare anche se stessa come persona.

    Va bene fai la mammina e lucidi i pavimenti tutti i giorni, poi???

    Tu cosa impari, come ti confronti con il mondo, come cresci come persona, come ti rendi indipendente e non a totale carico di un uomo, che contributo dai alla società... che cosa insegni a tua figlia? A smettere di studiare, non avere alcuna ambizione e chiudersi in casa mantenuta da qualcuno?

    C'è proprio da invidiare...

  • Carmen
    Lv 4
    9 anni fa

    Quando sono rimasta incinta avevo un lavoro da 5 anni, mi hanno fatto il contratto apprendistato per 3 anni, poi per 2 anni a tempo determinato.

    Sono andata in maternità al settimo mese e mezzo, scaduto il tempo non mi hanno rinnovato il contratto.

    Allora visto che comunque ero senza lavoro, ho deciso di stare con mia figlia finché non fosse andata alla scuola materna.

    In realtà ho provato ad inserirla in un nido comunale per poter trovare un altro lavoro, non l'hanno mai presa e sono dovuta stare a casa.

    Adesso sono di nuovo in cerca di un impiego, sinceramente non mi va di stare a casa e se avessi potuto avrei ripreso il lavoro prima.

    Non è che non arriviamo a fine mese, sicuramente facciamo sacrifici, ma ce la caviamo.

    Ma dato che mia figlia va scuola fino alle 16.00, cosa faccio tutto il giorno a casa?

    Per me una donna oltre che madre deve essere anche una donna indipendente, a prescindere che il marito guadagni bene o meno.

    Poi sinceramente lavorare come contabile mi piace, appena ne avrò la possibilità mi voglio anche laureare in economia ed aprire uno studio mio.

    Non voglio passare la vita a fare la casalinga.

  • Quoto chance,mi ha tolto le parole di bocca...e aggiungo che mi prende tanta tristezza anche nel leggere la risposta di mamma Lena,davvero...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Eccomi!

    Ho lavorato finchè non sono rimasta incinta di Diego,poi sono restata a casa perchè in studio mi hanno fatto capire che non ero più la benvenuta (nonostante avessi un contratto a tempo indeterminato),per cui ho dato le dimissioni e arrivederci.

    Diego ha iniziato la materna quest'anno...tempo fa pensavo che dopo mi sarei cercata un lavoro,ma ora ho deciso di stare a casa definitivamente...mio marito nel frattempo ha fatto un bel salto di carriera e stiamo benissimo a livello economico anche senza il mio lavoro,cioè intendo dire io prendevo mille euro al mese col mio lavoro di prima e diciamo che 1000 euro in più al mese non ci cambiano la vita...oltretutto se lavorassi dovrei spendere quasi interamente il mio stipendio per una baby sitter,per cui preferisco starci io coi miei figlli piuttosto che lasciarci un'estranea.

    ------------

    Vorrei fare una precisazione sul concetto di mantenere: io non ho reddito,per cui è vero mi mantiene mio marito,però io in casa lavoro,eccome se lavoro... ho 4 figli,due alle elementari,due alla materna, li vado a prendere,li porto chi a danza,chi a nuoto,li seguo nei compiti, cucino per loro,preparo le loro cose,insomma è un lavoro,non vengo pagata ma lavoro! Se andassi a svolgere queste attività presso una famiglia come baby sitter verrei pagata fior di soldi per curare 4 bambini..ovviamente sono i miei figli e non mi paga nessuno,però essere casalinga non equivale a passare tutto il giorno a girarsi i pollici. Faccio un lavoro che mi soddisfa (al contrario di quello che facevo prima che detestavo) e mi appaga,nonostante io non abbia uno stipendio i miei figli hanno una vita agiata e non manca loro niente,per cui non capisco perchè provare pena per una ragazza che fa questa scelta

  • Anonimo
    9 anni fa

    Mamma Lena, ma si opponga con tutte le tue forze alla prepotenza di suo marito! Tiri fuori il carattere (se ce l'ha). Faccia valere i suoi diritti. Lo metta davanti al fatto compiuto. Tutta l'audacia, la forza di quelle donne che nell'arco della storia hanno combattuto per far valere i loro diritti è stata inutile?

    La verità è che gli uomini-padroni dovrebbero essere mandati a fanculo prima di costruirci una famiglia. Molte donne senza carattere però non hanno la forza di farlo. Se fosse per queste donne oggi non avremo ancora alcun diritto. Meglio soli che con uomini così. Che rabbia!

    Quoto Chance!

  • Anonimo
    9 anni fa

    presente!!!!

    non lavoro perchè prima di rimanere incinta ero a casa (la ditta per cui lavoravo è fallita) e per il momento dato che i nido costano tanto e il lavoro è quasi inesistente e le paghe son da fame preferisco crescere mio figlio dedicandomi a lui!!

    certo che non appena andra all'asilo cerchero' qualcosa magari part-time!!!

  • Fanfa
    Lv 6
    9 anni fa

    ciao!

    Io sono a casa in maternità "forzata", nel senso che non c'è lavoro e il mio capo mi ha obbligato a fare tutta la facoltativa e tutte le ferie. A conti fatti, dovrei tornare a metà febbraio! Sempre se c'è lavoro, altrimenti cassa integrazione...

    Cmq io sto già cercando un altro posto, e nel frattempo sto studiando per l'esame di abilitazione professionale, in modo da mettermi in proprio in un futuro spero non molto lontano.

    Io ho sempre detto che sarei stata a casa fino ai 6 mesi del piccolo, e poi al lavoro. Questo "imprevisto" ha sconvolto un po' i miei piani, ma mi sto dando da fare per sistemare la questione.

    Io voglio lavorare.

    Con un solo figlio lo stipendio di mio marito potrebbe anche bastare, ma punto primo io di figli ne voglio almeno 2, punto secondo io ho bisogno di lavorare, è proprio un mio desiderio, punto terzo con tutti i soldi e il tempo che ho speso per la laurea, mettermi a fare la casalinga sarebbe davvero uno spreco!!! ;)

    Scherzi a parte, non sento di togliere nulla a mio figlio andando a lavorare, l'importante è ricordarsi le priorità, e per me la priorità resterà sempre la famiglia!

    (anzi, se devo essere sincera, nella mia professione il fatto di essere mamma dà un valore aggiunto...)

  • 9 anni fa

    io ho 21 anni e Alessandro ha 7 mesi, ho lavorato fino al 6 mese di gravidanza e poi sono entrata in maternità anticipata. Ad aprile mi è scaduto il contratto, così ho preso i 3 mesi di maternità dopo la nascita e poi sono entrata in disoccupazione, e così sono tutt'ora, fino a marzo sarò retribuita, così potrò stare con il mio bimbo. Mi piacerebbe tornare a lavorare, ma preferirei un part-time di mattina, così potrei mandare Alessandro al nido e io riprendermi un po la mia vita, poi secondo me è anche giusto che un bimbo si confronti con i suoi coetanei. Se avessi però le possibilità di stare a casa ovvio che non andrei a lavorare!

    Fonte/i: veronika e alessandro 7 mesi insieme
  • Ciao tesoro... io sono una di quelle che ha sempre detto che fino ai 3 anni sarebbe stata con la bambina e poi a lavorare la mattina mentre andava alla scuola materna anche se non avessi trovato niente di meglio che andare a pulire le scale...

    Ma il lavoro mi è piovuto dal cielo...è il "capo" che aprendo l'agenzia voleva me perchè conoscevo già il lavoro avendolo fatto in passato... se ricordi non volevo accettare... ma fatti 4 conti in tasca con i 1100 euro del mio fidanzato non riusciamo nemmeno a comprarci le mutande quindi ringrazio il cielo che questo lavoro sia arrivato...

    Dovevo iniziare i primi di settembre ma ancora non sono riusciti ad aprire, ma è questione di giorni... può darsi pure che non regga i ritmi e dopo un mese mollo tutto... ma lo faccio per mia figlia, per garantirle un presente migliore e una speranza per il suo futuro (mettendole un gruzzoletto da parte)... e poi vorrei tanto sposarmi e di questo passo nemmeno a 50 anni...

    Quindi come vedi non sono scelte, ma mezzi obblighi...

    Baci...

    Fonte/i: mamma da 14 mesi
  • Anonimo
    9 anni fa

    Io quand' ero incinta la prima volta mi sono licenziata per tornare in Italia ( stavo in Spagna), quando mia figlia aveva 6 mesi ho cominciato a lavorare nei week end, con la speranza di trovare al più presto un lavoro a tempo pieno (ero una mamma single) ma niente. 1 anno dopo oltre quello che avevo ho trovato lavoro come baby sitter. Nel frattempo ho conosciuto mio marito e, quando abbiamo deciso di avere un altro bambino, e sono rimasta incinta, ho dovuto mollare i 2 lavori. Ora quindi faccio la mamma a tempo pieno, il piccolo ha 5 mesi, ma anche se stando a casa gestisco i bimbi molto più facilmente e posso dedicarmi alla mia famiglia, ai miei hobby, alle mie amiche con tranquillità, devo dire che spero di trovare un lavoro tra non molto!

    1 perché coi tempi che corrono è meglio metter via un po' di soldi che non si sa mai

    2 perché uno stipendio in più mi permetterebbe di realizzare i miei progetti personali senza "pesare" sulla mia famiglia, adesso faccio qualcosa, ma sempre cercando di contenere le spese.

    3 perché tanto la casa mica riesco a tenerla in perfetto ordine! Anzi! E a questo proposito mettero presto una domanda per le mamme casalinghe! Forse sono io.. in quel caso tanto vale lavorare che almeno c'ho la scusa :)

    Dimenticavo una cosa importante. Mi considero davvero fortunata perché tornare a lavorare e dover lasciare i bimbi al nido o con altre persone e non godere pienamente dei loro progressi per me sarebbe stato davvero frustrante, infatti non prenderei un lavoro che mi faccia stare fuori tutto il giorno. Preferisco andare a far le pulizie poche ore al giorno, perché non cerco la mia realizzazione nel lavoro (a meno che non trovi qualcosa che centri coi miei hobby, ovvio!), perché il lavoro sarebbe solo il mezzo. Ci sono diversi modi di sentirsi realizzati, l'importante é andarli a cercare, per non "impantanarsi", per continuare a crescere, il ché fa bene sia a noi che a chi ci circonda. Io adoro vedere la mia bambina che mi osserva e si interessa a ciò che faccio, e a volte mi aiuta.. sono bellissimi ricordi che la accompagneranno sempre!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.