promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 9 anni fa

i dieci comandamenti.........?

versione de andrè, non credete siano + umani degli "originali":

Non avrai altro Dio all'infuori di me,

spesso mi ha fatto pensare:

genti diverse venute dall'est

dicevan che in fondo era uguale.

Credevano a un altro diverso da te

e non mi hanno fatto del male.

Credevano a un altro diverso da te

e non mi hanno fatto del male.

Non nominare il nome di Dio,

non nominarlo invano.

Con un coltello piantato nel fianco

gridai la mia pena e il suo nome:

ma forse era stanco, forse troppo occupato,

e non ascoltò il mio dolore.

Ma forse era stanco, forse troppo lontano,

davvero lo nominai invano.

Onora il padre, onora la madre

e onora anche il loro bastone,

bacia la mano che ruppe il tuo naso

perché le chiedevi un boccone:

quando a mio padre si fermò il cuore

non ho provato dolore.

Quanto a mio padre si fermò il cuore

non ho provato dolore.

Ricorda di santificare le feste.

Facile per noi ladroni

entrare nei templi che rigurgitan salmi

di schiavi e dei loro padroni

senza finire legati agli altari

sgozzati come animali.

Senza finire legati agli altari

sgozzati come animali.

Il quinto dice non devi rubare

e forse io l'ho rispettato

vuotando, in silenzio, le tasche già gonfie

di quelli che avevan rubato:

ma io, senza legge, rubai in nome mio,

quegli altri nel nome di Dio.

Ma io, senza legge, rubai in nome mio,

quegli altri nel nome di Dio.

Non commettere atti che non siano puri

cioè non disperdere il seme.

Feconda una donna ogni volta che l'ami

così sarai uomo di fede:

Poi la voglia svanisce e il figlio rimane

e tanti ne uccide la fame.

Io, forse, ho confuso il piacere e l'amore:

ma non ho creato dolore.

Il settimo dice non ammazzare

se del cielo vuoi essere degno.

Guardatela oggi, questa legge di Dio,

tre volte inchiodata nel legno:

guardate la fine di quel nazzareno

e un ladro non muore di meno.

Guardate la fine di quel nazzareno

e un ladro non muore di meno.

Non dire falsa testimonianza

e aiutali a uccidere un uomo.

Lo sanno a memoria il diritto divino,

e scordano sempre il perdono:

ho spergiurato su Dio e sul mio onore

e no, non ne provo dolore.

Ho spergiurato su Dio e sul mio onore

e no, non ne provo dolore.

Non desiderare la roba degli altri

non desiderarne la sposa.

Ditelo a quelli, chiedetelo ai pochi

che hanno una donna e qualcosa:

nei letti degli altri già caldi d'amore

non ho provato dolore.

L'invidia di ieri non è già finita:

stasera vi invidio la vita.

Ma adesso che viene la sera ed il buio

mi toglie il dolore dagli occhi

e scivola il sole al di là delle dune

a violentare altre notti:

io nel vedere quest'uomo che muore,

madre, io provo dolore.

Nella pietà che non cede al rancore,

madre, ho imparato l'amore".

Aggiornamento:

pulciotta, infatti lui diceva che chi fa le leggi le fa a sua immagine e somiglianza, senza curarsi poi del fatto di chi a problemi a rispettarle. Se li leggi attentamente vedrai che tutti sono opinabili.

5 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    FABER non era ateo!

    « Probabilmente ne La buona novella i personaggi del Vangelo perdono un po' di sacralizzazione; ma io credo e spero soprattutto a vantaggio di una loro migliore e maggiore umanizzazione »

    « Io mi ritengo religioso e la mia religiosità consiste nel sentirmi parte di un tutto, anello di una catena che comprende tutto il creato e quindi nel rispettare tutti gli elementi, piante e minerali compresi, perché, secondo me, l'equilibrio è dato proprio dal benessere diffuso in ciò che ci circonda. La mia religiosità non arriva a ricercare il principio, che tu voglia chiamarlo creatore, regolatore o caos non fa differenza. Però penso che tutto quello che abbiamo intorno abbia una sua logica e questo è un pensiero al quale mi rivolgo quando sono in difficoltà, magari dandogli i nomi che ho imparato da bambino, forse perché mi manca la fantasia per cercarne altri »

    « Durante il rapimento mi aiutò la fede negli uomini, proprio dove latitava la fede in Dio. Ho sempre detto che Dio è un'invenzione dell'uomo, qualcosa di utilitaristico, una toppa sulla nostra fragilità... Ma, tuttavia, col sequestro qualcosa si è smosso. Non che abbia cambiato idea ma è certo che bestemmiare oggi come minimo mi imbarazza.[83] »

    ----

    Si sono molto più umani,perchè Fabrizio da umano sapeva come la pensava chi doveva rispettarle queste regole...

    Fonte/i: guarda il mio avatar e nick
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Io invece ho trovato la versione dei dieci comandamenti secondo il punto di vista di un bambino. Questo accadde quando un alunno della terza elementare, durante l’ora di religione, si è lamentato che ci sono tante regole per i bambini ma nessuna per i grandi, allora l’insegnante ha chiesto alla classe di scrivere ciascuno la propria versione dei Dieci Comandamenti per gli adulti.

    E su un foglio lui scrisse:

    1. Non siate ingiusti.

    2. Non sgridateci troppo.

    3. Dateci tempo.

    4. Non disturbateci sempre.

    5. Non ridete di noi.

    6. Non fateci fare le cose per forza.

    7. Ammettete che una volta ogni tanto abbiamo ragione noi.

    8. Non stabilite le vostre regole.

    9. Andate d’accordo fra voi.

    10. Andate anche voi in chiesa, e non mandateci solo i bambini”.

    Sono interessanti tanto quanto quelli di De Andrè, ma non assolutamente più umani di quelli originali. Quelli di De Andrè tendono a giustificare delle azioni condannate dai comandamenti originali, affatto permissivi secondo le norme di Dio.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Il testamento di Tito comunque finisce con:

    Ma adesso che viene la sera ed il buio

    mi toglie il dolore dagli occhi

    e scivola il sole al di là delle dune

    a violentare altre notti:

    io nel vedere quest'uomo che muore,

    madre, io provo dolore.

    Nella pietà che non cede al rancore,

    madre, ho imparato l'amore".

    Non trovi forse che Faber Qui racconti una sorta di pentimento?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    de andrè era un ateo ce credo che diceva ste cose!

    è ovvio, toccano e sono un interpretazione singola, però i comandamenti sono delle ottime regole di vita. CHI OSEREBBE SOSTENERE CHE SONO REGOLE SBAGLIATE?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    o.O cosa intendi dire?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.