Esiste il castigo di Dio?Perchè mi è successo questo?

Salve.Ogni tanto mi capita di pensare alla mia vita e sempre più spesso mi chiedo se Dio mi abbia punito e cosa posso fare per cambiare un pò le cose.Sono nato 25 anni fa in un paese del Sud in una famiglia dove c'è grande differenza d'età tra miei genitori(12 anni di differenza),mio padre persona autoritaria e "padre padrone",ateo,ma molto legato a noi(ho anche un fratello più grande),lavoratore,ma dai modi brutali,mia madre religiosa ma bloccata nella sua vita da quest'uomo,i miei nonni al fianco morti pochi anni fa e che mi hanno cresciuto.Da bambino ho avuto un'infanzia difficile con continue discussioni tra i miei e tra i miei nonni e mio padre,nonni che non sopportavano le sue urla e il modo nel quale trattava mia madre,alle scuole elementari e medie mi prendevano in giro,offendendo anche mia madre in varie occasioni,ma non sono mancate soddisfazioni scolastiche.A 10 anni ebbi il mio primo episodio depressivo e di ossessioni:alla vista di un anziano la sua immagine mi ossessionava nella testa e piangevo,non sapevo di soffrire di un disturbo mentale scoperto poi dopo.Adolescenza poi burrascosa con il padre padrone,volevo il motorino e non me lo comprò,e poi discussioni su tutto,anche sulle lezioni private,abbigliamento e altre spese che dovevano pagare i miei nonni,ma nonostante tutto al liceo mi impegnavo,era un momento molto bello dove riuscivo ad avere buoni risultati a scuola,in amore e in amicizia.Ma a 18 anni è cambiato tutto:tornato dalla gita dell'ultimo anno sono caduto nel vortice della depressione,poi curata in pochi mesi,ma con il fiatone sul collo del padre che non ha voluto mandarmi all'università lontano da solo,non mi vuole prestare l'auto,non vuole aiutarmi in nulla,mi ha fatto cambiare varie università stando fuori casa ma al patto che venissero anche loro nelle città dove ho studiato,oggi non ha più soldi e mi ha fatto ritornare di nuovo casa,ho ancora alcuni amici ma non esco con loro perchè ogni volta che esco mi viene l'agorafobia,ai problemi psicologici si sono aggiunti alcuni problemi fisici e ora non so più che fare...cerco di studiare ancora,ma con difficoltà,cerco lavoro e non lo trovo,quando lo trovo non mi pagano,i problemi economici ci sono perchè lavora solo mio padre,vicini di casa molesti,insomma spesso mi chiedo se Dio mi abbia castigato per sempre e come fare per rimediare(quando stavo bene andavo spesso a messa con gli amici,ora mi è difficile anche pregare):come fare?10 pt!

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Lascia stare a questo povero demente demagogo, con la stella ebraica nel nick "CH", é un poveraccio, io dico che i tuoi problemi sono dovuti al tuo carattere troppo remissivo, devi cercare di organizzarti per uscire da questa situazione, non dare il tempo alla depressione di arrivare perche´ la tua mente deve essere troppo impegnata ogni giorno a trovare un lavoro a cambiare citta´ e a sistemarti. Dio esiste ma "Aiutati che il ciel ti aiuta", tutti hanno i loro problemi io sono vissuto in una situazione familiare non "normale" ma non mi sono lasciato mai sopraffare ingiustamente da niente e nessuno. Fai uscire il tuo vero carattere e renditi indipendente. Tu sei depresso perche´ sei assogettato al volere di qualcun'altro, spezza le catene.

  • 9 anni fa

    Dio ha creato l'uomo libero di scegliere e lo ha messo nel mondo, dove regnava l'amore e non esisteva il male. Ci ha detto come comportarci e le conseguenze che sarebbero sorte se avremmo fatto il male. Noi che abbiamo preferito seguire Satana facendo il male, abbiamo portato la sofferenza nel mondo. Dio non può che, nonostante tutto, liberarci da essa alla fine dei tempi. Quindi tutto questo male non è opera di un castigo divino, ma conseguenza del peccato. Dio, però, "approfitta" di questo male per aiutarci a crescere e maturare, per provarci sino a cambiare. Devi solamente riconciliarti a Dio, magari inizia a leggere la Bibbia dai Vangeli, e prendendo Gesù come esempio d'afflizione, vai avanti e cerca di vincere la vita facendo il bene, con la speranza di un gloria futura. La vera vita non è questa, quindi vai avanti. "Beati gli afflitti perchè saranno consolati", ci dice ancora oggi Gesù.

    Fonte/i: Cristiano, Bibbia
  • Anonimo
    9 anni fa

    Dio non c'entra niente.

    Lasciatelo fuori dalla vostra vita, ricorrete al suo aiuto solo dopo essere caduti sperando in una mano per rialzarvi.

    Dio è un'entità (per me) inesistente.

    Per tutti i credenti invece non è altro che un capro espiatorio. Un qualcosa a cui attribuire le colpe.

    Io sono cristiana battezzata, atea divenuta col tempo dopo aver capito che la mia vita non dipende da nessun'entità suprema.

    Dio non ti aiuterà mai. Alcuni credenti hanno la certezza di un aiuto supremo ma in realtà è solo la loro coscienza a contribuire al realizzazione della cosa desiderata.

    La tua vita è solo un po' burrasca, ma cosa dovrebbero dire quelli che magari in famiglia hanno un genitore/parente/fratello con una qualche malattia cronica? Oppure quelli che magari stanno sul lastrico?

    Tu pensa che in altri paesi le mogli non solo vengono maltrattate verbalmente ma anche picchiate brutalmente.

  • 9 anni fa

    la bibbia dice che con i mali Dio non prova nessuno.. quindi non è lui la fonte dei tuoi mali..

    può essere che adesso sia un tuo momento no.. e che poi ne uscirai..

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    lascia stare dio, preghiere e altre menate. Hai già problemi a sufficienza, ricorri se puoi ad uno psicologo e vedrai che ne esci! in bocca al lupo!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.