Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 9 anni fa

I cristiani dovrebbero festeggiare Halloween?

Il nome “Halloween” deriva dall’inglese All Hallows Even, ovvero “vigilia di Ognissanti”. Questo nome apparentemente cristiano, però, nasconde origini tutt’altro che sante. Secondo gli studiosi le origini di Halloween risalgono a un’epoca molto anteriore al cristianesimo, e precisamente al tempo in cui i celti abitavano la Gran Bretagna e l’Irlanda. Seguendo un calendario lunare, i celti dividevano l’anno in due stagioni: i mesi invernali e bui e quelli estivi e luminosi. Durante il plenilunio più vicino al 1° novembre i celti celebravano la festa di Samhain, che significa “fine dell’estate”.

Samhain potrebbe non essere, come spesso si sente dire, il nome del dio celtico dei morti, bensì il nome della festa. Secondo Jean Markale, esperto francese di studi celtici, in occasione di Samhain si onorava probabilmente Lug, il dio della luce

Questa festa, che per i celti segnava l’inizio dell’anno nuovo, cadeva alla fine dell’estate, quando le messi erano state raccolte e greggi e mandrie erano state portate dai pascoli nei recinti. I celti credevano che man mano che i giorni si accorciavano fosse necessario rinvigorire il sole per mezzo di vari riti e sacrifici. Per simboleggiare la fine dell’anno vecchio tutti i fuochi venivano spenti, e l’anno nuovo veniva inaugurato con falò sacri da cui tutti i membri della comunità attingevano la fiamma con cui riaccendere il focolare. Questi falò, di cui oggi rimane traccia in Gran Bretagna durante la “festa di Guy Fawkes” e in Brasile nelle feste di giugno, dovevano servire anche a scacciare gli spiriti malvagi.

Si credeva che durante la festa di Samhain la barriera tra il mondo umano e quello soprannaturale cadesse e che gli spiriti, sia quelli buoni che quelli malvagi, vagassero sulla terra. Si pensava che le anime dei morti tornassero alle proprie case, e le famiglie lasciavano fuori cibo e bevande per questi spiriti sperando di placarli e di evitare disgrazie. Perciò i bambini vestiti da fantasmi o streghe che oggi vanno di casa in casa a chiedere un dolcetto minacciando altrimenti di combinare qualche scherzetto poco piacevole senza rendersene conto perpetuano gli antichi riti di Samhain. Jean Markale spiega in un libro dedicato a Halloween: “Ricevendo un dono istituiscono, su un piano simbolico che a loro sfugge, uno scambio fraterno tra il mondo visibile e quello invisibile. È per questo che le sfilate in maschera di Halloween . . . sono in realtà cerimonie sacre”. — Halloween, histoire et traditions.

Visto che si credeva che le barriere tra il mondo fisico e il reame soprannaturale fossero abbattute, ne conseguiva che gli esseri umani potevano entrare con facilità nel mondo degli spiriti. Samhain era dunque un momento particolarmente favorevole per svelare cosa riservava il futuro. Mele e nocciole, frutti di alberi considerati sacri, venivano usati a scopo divinatorio per ottenere informazioni su matrimonio, malattie e morte. Ad esempio, in una vasca piena d’acqua venivano messe varie mele contraddistinte per mezzo di appositi segni. Se un giovane o una giovane riuscivano ad addentarne una senza aiutarsi con le mani, si credeva che questo identificasse il loro futuro coniuge. Questa pratica divinatoria sopravvive oggi nel gioco, comune in occasione di Halloween, in cui bisogna afferrare con i denti mele sospese a un filo o che galleggiano sull’acqua.

Samhain era caratterizzata anche da gozzoviglie, da ubriachezza e dall’abbandono di ogni inibizione. “I valori tradizionali venivano, se non messi in ridicolo, perlomeno ribaltati”, afferma Markale. “Ciò che era proibito diventava lecito, e ciò che era lecito diventava proibito”. Tuttora Halloween riflette questo spirito, il che è senz’altro uno dei motivi principali della sua crescente popolarità. Commentando questo fatto, l’Encyclopedia of Religion definisce l’odierno Halloween “un’occasione in cui anche gli adulti possono infrangere barriere culturali e per una sera accantonare la propria identità abbandonandosi senza inibizioni ad attività frivole. Pertanto, la fondamentale caratteristica celtica della festa come occasione annuale per evadere dalla realtà e dalla normalità si è conservata fino al XX secolo”.

Queste feste che onorano le “anime dei defunti” come se fossero vive in un altro reame sono contrarie alla descrizione biblica della morte come stato di assoluta incoscienza.

— Eccl. 9:5, 10; Sal. 146:4.

E voi che ne pensate?

Un cristiano dovrebbe festeggiare Halloween, una festa di origine spiritica?

23 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    no! non dovrebbe.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Ho letto l'inizio dei tuoi dettagli aggiuntivi. Non vado oltre perché so bene che se dovessimo stare alle feste cristiane, dovremmo festeggiare solo la Pasqua e la Pentecoste. O magari rimanere nella tradizione ebraica per le feste e fare anche la festa delle capanne e altre simili. Il fatto è che con la predicazione ai pagani sappiamo bene che molte feste pagane si sono trasformate in feste cristiane. Dal punto di vista sociale e folcloristico, non è un male, il male sta se si prendono con serietà e si fanno diventare veri e propri giorni di adorazione che necessariamente non sono rivolte a Dio proprio per il loro originario carattere Pagano.

    A me la tua domanda fa venire in mente le parole di Gesù » prenderanno in mano serpenti e non subiranno alcun danno ». Voglio dire che non bisogna essere contrari al carattere festivo di all'ween, ma al fatto che uno lo festeggi convinto seriamente della sacralità del giorno. Quindi un po' di respiro su queste cose, di non andarci troppo dietro anche se è giusto che qualcuno ricordi che è solo una festa, col tempo spero che il carattere religioso sparisca o che almeno non lo vivano come festa religiosa i credenti. E' questo in fondo il modo di prendere in mano i serpenti e non subire danno. Ricorda le parole di Eliseo a Naaman sul suo ritorno alla corte del Re. Naaman si preoccupava di diversi inginocchiare davanti agli idoli quando accompagnava il suo re, ed Eliseo gli rispose: « Vai in pace » Perché aveva guardato alla purezza del cuore di Naaman che lo avrebbe fatto solo per assolvere ai suoi doveri di sottoposto al suo sovrano, am nel cuore da quel momento avrebbe avuto il Dio di Eliseo. Quindi Dio guarda alla purezza dei nostri cuori e non alle esteriorità, per cui non attacchiamoci troppo a cose piccole quando ci sono cose molto grosse da risolvere, e il problema della cattiva interpretazione sul discorso del sangue, credimi quello è molto più dannoso agli occhi di Dio, perché dimenticate quanto è scritto: « Chi sparge il sangue dell'uomo dall'uomo il suo sangue sarà sparso perché ad immagine di Dio Egli ha fatto l'uomo » La giusta interpretazione di questo passo è quella dell'omicidio, e cos'è l'omicidio se non decidere tu per la vita di un altro uomo e farlo morire anticipatamente per una tua errata interpretazione delle scritture? Alloween non uccide nessuno, rinunciare alle cure mediche interpretando male la Parola di Dio, porta a farvi uccidere i vostri fratelli, i vostri figli i vostri amici.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    I vespri di Ognissanti si perché no?

    Ma Halloween no.

    Come viene vissuta oggi è solo una festa commerciale senza senso.

    I morti fanno paura e li si tiene a bada con dolciumi...

    Ma roba da antichi romani che sputavano le fave per allontanare le larvae dei morti..

    E' vero che agganci con le nostre tradizioni ci sono: da noi si regalano torroni ai bimbi.

    In qualche luogo li chiamano "ossa dei morti", ma l'aggancio è con la commemorazione dei defunti, non con Ognissanti, festa della chiamata a santità del popolo di Dio.

    I miei figli sanno che è una festa pagana e non la festeggeranno. Viceversa, Ognissanti sarà un momento per ricordare coloro che vivono oltre la morte nel Signore in attesa di ricongiungersi con noi.

    I morti non possono farci del male, da doverli tenere a bada con dolci. Sono morti. Tuttavia, la loro speranza riposa in Dio da cui attendono la risurrezione e la vita eterna.

    E questo noi celebriamo, la chiamata alla vita eterna.

    No Halloween. Si, Ognissanti!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    ma sai quanto ce ne frega di halloween?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    Da pagana mi da' fastidio che una nostra festa sia stata demonizzata o ridicolizzata a seconda del periodo e delle persone... Sono arrivati a dire che Samhain è in realtà è il Dio della morte celtico... cosa assolutamente non vera!

    Samhain è la festa in cui si fanno i conti di fine anno, riflettendo su cosa abbiamo guadagnato e su cosa abbiamo invece perso. E' un'occasione per onorare i defunti. Per ammirare questo periodo meraviglioso e magico che è l'autunno. Samhain è, insieme a Yule, la mia festa preferita! :)

    Fonte/i: Wiccan
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Caro Don Vituccio,

    devo dirti una cosa che ti farà molto dispiacere.

    Qualche ora fa sono passato davanti alla tua Parrocchia di Casoria. Davanti al portone della Chiesa c'era molta gente: chi rideva, chi sghignazzava, chi era fuori di sè dalla collera. Il tuo sacrestano Carlucciello ti ha fatto una gravissima offesa e ha dissactaro la Chiesa e la religione.

    Questo cattivo soggetto ha preso una zucca, l'ha vuotata e ha dipinto su di essa la tua testa, baffi e occhi neri compresi, poi ha appeso la tua testa al portone come se fosse una delle tesi eretiche di Marin Lutero, attaccate al portone della Cattedrale di Wittenberg.

    Dopo qualche minuto è arrivata una macchina nera e ne sono scesi il Vescovo di Casoria e il Cardinale Sepe. Erano infuriati e cercavano il tuo sacrestano, Carlucciello.

    Ti consiglio di lasciare subito il PC e di correre alla tua parrocchia per evitare guai peggiori.

    Ciao.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Mannaggia ai sandali de Cristo..

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    forse non hai capito che per i cristiani si tratta di una festa di commemorazione e di suffragio per i defunti, ovvero serve a dare sollievo alle anime sofferenti dei defunti.

    Ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    NO,non dovrebbe, questa festa è di origine satanica....

    io NON lo festeggio

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    9 anni fa

    Si ma come mostri bisognerebbe travestirsi con le immagini della madonna

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.