mary
Lv 6
mary ha chiesto in Arte e culturaStoria · 9 anni fa

date a Cesare quel che è di Cesare: chi l'ha detto, quando e perchè?

grazie

5 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    é di gesù

    ''Ma gli mandarono alcuni Farisei con degli Erodiani, per sorprenderlo nei lacci di una questione. Or, giunti, gli dissero: "Maestro, noi sappiamo che tu sei sincero e non hai riguardo a nessuno, poiché tu non guardi in faccia agli uomini, ma insegni la via di Dio secondo verità. E' lecito pagare il tributo a Cesare o no? Dobbiamo pagarlo o non pagarlo?". Egli, conosciuta la loro malizia, disse: "Perché mi mettete alla prova? Portatemi un denaro, che lo veda". Essi glielo presentarono. Egli domandò: "Di chi è questa effige e l'iscrizione?". Gli dissero: " "Di Cesare". Allora Gesù rispose: "Date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio". E rimasero meravigliati di lui".

    La frase è in Matteo 22, 16-22 che in Marco 11, 13-17

    Praticamente i farisei e gli erodiani volevano mettere alla prova Gesù per vedere se egli fosse un sovversivo e un anti-romano. Ma Gesù non era interessato alle cose materiali, così dette questa risposta che ha il significato di: lasciamo le cose materiali a chi spettano (in questo caso pagare i tributi a Cesare), ma rivolgiamo l'anima a Dio.

  • 9 anni fa

    - Lo ha detto Gesù, per non cadere in contraddizione...gli chiesero...."bisogna pagare le tasse?"....e lui rispose con la frase testè ricordata.....che si concludeva....e dà a Dio quel che è di Dio...

  • Anonimo
    9 anni fa

    Lo ha detto Gesù ...

  • Anonimo
    9 anni fa

    Ciao, lo ha detto Gesù in un passo della Bibbia per far capire o meglio distinguere quelli che sono il potere dello stato e quello della fede e della religione.

    Se hai tempo passa qui, grazie :)

    http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ar...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    é di gesù

    ''Ma gli mandarono alcuni Farisei con degli Erodiani, per sorprenderlo nei lacci di una questione. Or, giunti, gli dissero: "Maestro, noi sappiamo che tu sei sincero e non hai riguardo a nessuno, poiché tu non guardi in faccia agli uomini, ma insegni la via di Dio secondo verità. E' lecito pagare il tributo a Cesare o no? Dobbiamo pagarlo o non pagarlo?". Egli, conosciuta la loro malizia, disse: "Perché mi mettete alla prova? Portatemi un denaro, che lo veda". Essi glielo presentarono. Egli domandò: "Di chi è questa effige e l'iscrizione?". Gli dissero: " "Di Cesare". Allora Gesù rispose: "Date a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio". E rimasero meravigliati di lui".

    La frase è in Matteo 22, 16-22 che in Marco 11, 13-17

    Praticamente i farisei e gli erodiani volevano mettere alla prova Gesù per vedere se egli fosse un sovversivo e un anti-romano. Ma Gesù non era interessato alle cose materiali, così dette questa risposta che ha il significato di: lasciamo le cose materiali a chi spettano (in questo caso pagare i tributi a Cesare), ma rivolgiamo l'anima a Dio.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.