Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaPoesia · 9 anni fa

Mi potete fare l'analisi della poesia SERA D'OTTOBREE!!?

soprattutto: - figure metriche - Figure retoriche

2 risposte

Classificazione
  • Grazia
    Lv 6
    9 anni fa
    Risposta preferita

    vedi ridere in realtà dovrebbe essere senti ridere: questa figura retorica è una sinestesia perché il concetto unisce sfere sensoriali diverse; inoltre ridere le vermiglie bacche è una personificazione, perché in realtà le bacche sembrano sorridere con loro colore vermiglio ma non hanno in sè la capacità vera e propria di ridere

    tornano al presepe tarde le vacche è un'anastrofe, perché l'ordine naturale delle parole è invertito (ovviamente per ragioni metriche e stilistiche, dove il Pascoli era veramente il numero uno!): si dovrebbe dire infatti tornano tarde le vacche al presepe

    il lento / passo è un enjembement veramente riuscito, in quanto il ritmo dà veramente l'idea della lentezza con cui procede il mendicante

    passo tra foglie stridule trascina è un'allitterazione ma anche un'onomatopea, in quanto dal suono delle parole si percepisce quasi il fruscio dei passi sulle foglie secche (siamo in autunno, lo si capisce dai campi arati

    presepe inteso come recinto di vacche è una catacresi, in quanto viene usato un termine oltre il suo significato letterale

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    La poesia “Sera d’ottobre” di Giovanni Pascoli è ambientata in campagna durante un tramonto d’autunno.

    Facendo una panoramica dell’ambiente che il poeta trova davanti a sé, cita degli elementi caratteristici come le siepi di bacche rosse, le vacche che pascolano nei campi, le foglie appassite che scricchiolano lungo il cammino di un uomo anziano e una fanciulla che canta una canzone popolare.

    Il poeta immagina che le bacche stiano ridendo quindi simboleggiano la vivacità, mentre le vacche, la stanchezza, perché camminano lentamente per raggiungere la loro stalla.

    Nella seconda parte vengono contrapposti metaforicamente il vecchio e la fanciulla: il primo cammina con un passo tranquillo e strascicato, che smuove le foglie intorno producendo un suono secco; la fanciulla invece, ritrae il volto della spensieratezza e della vita.

    La poesia segue uno schema di rime alternate ed i primi tre versi delle due strofe sono endecasillabi, mentre gli ultimi due di entrambe sono di cinque sillabe. Sono presenti anche alcuni enjambement che separano le parole dei versi.

    Una metafora particolare è quella delle bacche ridenti che il poeta ritiene vivaci per i loro colori accesi.

    E' composta da due quartine in rima alternata. I versi delineano un paesaggio e un’atmosfera autunnale sul far della sera; i primi soggetti su cui si sofferma il poeta nei primi quattro versi, sono le bacche e le vacche. Si stabilisce così il confronto tra questi due elementi: infatti nel secondo verso è presente una metafora,“ridere a mazzi”, riferita alle bacche, che esprime un senso di vivacità e allegria, rafforzato anche dalla scelta del colore vermiglio e dal loro raggruppamento. Mentre, con le “tarde vacche”, all’idea di positività subentra la stanchezza e la fiacchezza per la giornata ormai trascorsa al pascolo.

    DICO SOLO CHE LA HO TROVATA SU UN'ALTRA DOMANDA DI YAHOO ANSWER MA MI E' SEMBRATA FATTA MOLTO BENE QUINDI TE LA HO INCOLLATA. CMQ SU INTERNET NE TROVI ALTRE. SCEGLI COME TRACCIA QUELLA CHE PREFERISCI E CHE PENSI SIA FATTA MEGLIO E POI CAMBI UN PO' PAROLE E FRASI E LA RENDI PIU' PERSONALE ;D

    Baciiiiiiiiii

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.