Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Qual'è la temperatura ambientale minima di sopravvivenza per un essere umano ?

Qual'è la temperatura minima che in maniera prolungata (1-2 settimane) puo' sopportare un essere umano ??

Ovviamente mi interessa sia la temperatura con indumenti pesanti come maglioni, ecc ma senza giacca sia con tutto il possibile per disperde meno calore corporeo.

P:S:

Io ho letto + 8 gradi celsius ma con indumenti normali come maglione, ecc

Il mio record personale provato questi giorni è appunto 8 gradi celsius e devo dire di essere andato al limite dato che quando ero in casa sentivo il freddo fare "male", ma non era continuativo e usavo docce riscaldanti e andavo in altri posti + riscaldati.

A me interessa perchè devo prepararmi per spedizioni/viaggi in terre con clima estremo e devo essere preparato ad affrontare il freddo e a controllarlo minimizzando lo spreco di calore e energie.

Parlo di temperature di -40 gradi ma vorrei essere preparato nache per temperature di - 60 celsius ovviamento con tute goretex isolanti estreme e ben equipaggiato.

Aggiornamento:

X Chi è come dio

Grazie,

quindi secondo te devo disciplinare corpo e mente.

Pero' anche se penso al fuoco e all'inferno mentre c'è il gelo, esso mi fa male a una certa temperatura, ho paura di entrare in ipotermia a certe temperature, l'unica cosa e fare molta attività fisica a basse temperature per riscaldarsi.

3 risposte

Classificazione
  • 10 anni fa
    Risposta preferita

    Come testimoniano alpinisti di fama, e casi anche recenti di alpinisti morti di freddo seduti sulle corde, quando si sente molto freddo si tende a lasciarsi andare alla morte, anche perché, dicono, non si sente male.

    Ci sono scienziati che passano lunghi periodi di studio e di esperimenti in Antartide, dove le temperature non scherzano, ma con indumenti protettivi idonei riescono a restare vivi e attivi, anche se periodi di esposizioni controllati.

    Io ho sperimentato temperature non occasionali e molto basse (anche di - 29 C°) a Chicago quando, ero giovane.

    Allora non ero particolarmente attrezzato e ricordo di aver perso sensibilità in varie parti del corpo, che dolevano forte quando rientravo in ambienti a temperatura "normale".

    Per contro, ho sperimentato temperature non occasionali fino a + 57 C° all'ombra in Iraq, con una umidità inferiore al 10% e devo dire che, tutto sommato, dal caldo ci si può difendere ma dal freddo molto intenso e prolungato è più difficile.

    Quanto al riscaldarsi facendo molta attività fisica bisogna fare attenzione alla temperatura dell'aria che si inspira e che arriva diretta in bronchi e polmoni; può creare gravi danni al sistema respiratorio.

  • 10 anni fa

    La temperatura ambientale minima non è l'unico parametro da tenere presente, ce n'è infatti un'altro ugualmente molto importante ed è la dispersione di calore. Sono due cose diverse. La temperatura corporea dell'uomo è orientativamente compresa nell'intervallo tra i 36 ed i 37°C e questo vale sia in inverno sia in estate, cioè vale indipendentemente dalla temperatura esterna. Quando la temperatura esterna è bassa il corpo umano produce calore per mantenere la propria temperatura in quell'intervallo di 36 o 37°C, viceversa quando fuori è molto caldo ci sono dei meccanismi per disperdere calore. Nel primo caso, quando fuori è freddo, il corpo produce calore, ma se nonostante ciò non riesce a mantenere la temperatura nell'intervallo 36-37°C, perchè c'è una notevole dispersione di calore (gli indumenti non riescono a trattenere il calore), la temperatura corporea scende. Io non penso che possa scendere molto al di sotto dell'intervallo 36-37°C senza riportare danni a vari organi, primo tra tutti il cervello, che non ha affatto una massa muscolare e ossea tali da contenere le dispersioni di calore.

  • Adriel
    Lv 7
    10 anni fa

    il problema è che quelle popolazioni ci sono dalla nascita, per questo resistono.. Ma ti dico una cosa: devi più preparare la tua mente che il corpo. Ti spiego: una volta io sentivo freddo in inverno, sempre, poi mi sono scocciata di vestirmi pesante, così ho disciplinato il mio cervello alle basse temperature. Adesso vesto sempre di cotone anche a gennaio, e uso giubbotti primaverili in pieno inverno. Come fare?Anche qundo senti freddo, devi dire a te stesso che nn ne hai, e se hai un maglione devi pensare d aver caldo.

    se hai la possibilità mettiti dentro un frigorifero quelli dove tengono le carni...

    personalm. adesso sto benissimo alle basse temperature, ma soffro moltissimo in estate...il fatto è che, se riesci a convincere il tuo cervello anche il tuo corpo obbedisce. Se hai visto quel tipo in televisione che correva sul ghiaccio a piedi nudi, beh, quello è un esempio di disciplina mentale. Lo stesso per chi cammina sul fuoco...

    @

    beh la mia temperatura normale è 35.2°-35.5°. Non so se dipende da questo...a 36° ho già la febbre!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.