Federico ha chiesto in AmbienteAmbiente - Altro · 9 anni fa

Potreste farmi un piccolo RIASSUNTO sulle foreste tropicali o sulla giungla? Urgente per domani!?

Ragazzi avrei bisogno di un RIASSUNTO veloce per domani. Voto tutti con 5 stelle sul serio! Per favore urgentissimo! Grazie mille!!!!!

Aggiornamento:

Riassunto! Non copiatura e incollatura da siti esterni come wikipedia -.-" C'è l'ha fanno tutti così u.u Un favore :/

2 risposte

Classificazione
  • Chad
    Lv 5
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Le foreste pluviali tropicali si localizzano nella fascia equatoriale. Sono comuni in Asia, Australia, Africa, Sud America, America Centrale, Messico meridionale e in numerose isole del Pacifico. [1] Rappresentano il bioma terrestre con la massima biodiversità, dato che ospitano da sole circa una metà delle specie viventi animali e vegetali terrestri.[2] Le foreste pluviali tropicali sono considerate "la più grande farmacia del pianeta" in quanto circa un quarto dei principi attivi impiegati in medicina deriva da vegetali.[3] Le foreste pluviali tropicali hanno uno scarso sottobosco, in quanto la luce del sole difficilmente raggiunge il livello del suolo.[4] Questo rende più agevole il movimento in foresta per uomini e animali. Quando il tessuto forestale è interrotto, il suolo è rapidamente colonizzato da piante pioniere e da un fitto intreccio di liane e giovani alberi, denominato giungla.[5]Il clima della foresta pluviale tropicale è stabile per tutto l'anno e caratterizzato dall'assenza di variazioni stagionali. La temperatura media è costante e l'escursione termica annuale si mantiene entro i 2-3 gradi.

    Le grandi foreste pluviali ospitano più specie o popolazioni di tutti gli altri biomi messi insieme. Circa l’82% della biodiversità conosciuta è rilevabile nelle foreste tropicali.[6] Le fronde degli alberi - si innalzano fino a 50 - 85 metri dal suolo della foresta. La materia organica cade al suolo e si decompone rapidamente a causa della temperatura e dell’umidità, in un rapido ciclo dei nutrienti.

    Le foreste pluviali sono caratterizzate da abbondanti precipitazioni. Il suolo è quindi spesso povero di nutrienti dilavati dalle piogge torrenziali, mentre la rapida decomposizione della materia organica da parte dei batteri impedisce l’accumulo di strati di humus. L’alta concentrazione di ossidi di ferro e alluminio produce il caratteristico colore rosso del suolo. In aree di più recente formazione geologica, come nel caso di terreni di origine vulcanica, il suolo tropicale può risultare più fertile, così come nel caso della foresta inondata, in cui la piena annuale deposita un fertile strato di limo.Gli animali presenti nella foresta tropicale sono molti, fra i più importanti troviamo i pipistrelli e numerose specie di uccelli fra i quali pappagalli, colibrì e l'uccello del Paradiso; numerosi serpenti e altri rettili quali le iguane, i camaleonti e i gechi o anfibi come i rospi giganti e le rane; varie specie di scimmie quali il mandrillo, lo scimpanzé, il gorilla e l'orango; infine grossi carnivori quali il giaguaro e il leopardo e tigre.Le foreste pluviali tropicali ospitano numerose comunità indigene [11] L’alta biodiversità determina una forte dispersione delle risorse alimentari, e le popolazioni di foresta, soprattutto se composte da cacciatori-raccoglitori, conducono spesso uno stile di vita seminomadico, su base stagionale, alternando talvolta la vita in foresta a quella in savana. Altri gruppi vivono commerciando i preziosi prodotti della foresta.[12]

    Giungla (definizione): 1) Foresta tropicale indiana, propria di zone paludose o con acqua salmastra o anche delle regioni montane monsoniche. È costituita specialmente da bambù e Ficus, con particolare ricchezza di liane, che la rendono impenetrabile; cresce in un clima dove, per un breve periodo dell'anno, la stagione è secca, per cui vi si osserva una parziale caduta delle foglie.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.