Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeGeologia e Scienze della Terra · 10 anni fa

ricerca combustibili fossili?

3 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Gas naturale:

    "Il gas naturale è stata l'ultima fonte fossile di energia ad affermarsi a livello mondiale. Per più di un secolo, quando il gas veniva scoperto in siti lontani dai luoghi dove poteva essere consumato, si preferiva bruciarlo ai pozzi o liberarlo nell'atmosfera perchè imbrigliarlo in un gasdotto e farlo viaggiare per chilometri e chilometri costava troppo. La situazione è cambiata negli ultimi quarant'anni e oggi il gas naturale è al terzo posto nei consumi mondiali di energia ed è la fonte fossile con le migliori prospettive di crescita. Negli anni settanta con la nascita delle infrastrutture di trasporto per l'importazione del gas naturale, paesi produttori e consumatori definirono tipici accordi contrattuali che ancora oggi sono un modello di riferimento. Dagli anni settanta ad oggi il consumo mondiale di gas è triplicato, crescendo dai 100 miliardi di metri cubi ai circa 2940 miliardi di metri cubi del 2009. Dati aggiornati al 2009 indicano che l'Italia produce 7,4 miliardi di metri cubi all'anno di gas naturale e ne consuma 71,6 miliardi di metri cubi all'anno. (Fonte dei dati: BP Statistical Review of World Energy - giugno 2010)"

    Petrolio

    "Oggi al mondo si consumano ogni secondo 1.000 barili di petrolio, ovvero 159.000 litri. Ai nostri giorni il petrolio è la fonte energetica più importante e per alcune applicazioni è insostituibile, ma fino a quando riuscirà a far fronte alla crescente domanda di energia? Arriverà il giorno in cui la produzione di petrolio raggiungerà un picco per poi inesorabilmente diminuire con un conseguente aumento dei prezzi. C'è chi ritiene che il picco di produzione si raggiungerà tra una trentina d'anni, chi, invece, sostiene che sia stato già raggiunto negli anni tra il 2005 e il 2010 e chi considera l'esistenza di grandi quantità di petrolio a profondità sempre maggiori o crede nello sfruttamento, ad esempio, delle sabbie bituminose.

    La distribuzione dei principali bacini petroliferi nel mondo non è uniforme, ma non è nemmeno casuale. Dipende, infatti, dalle condizioni geologiche necessarie alla formazione di grandi giacimenti e dalle difficoltà di esplorazione e di ricerca in aree isolate e poco conosciute, come le zone caratterizzate da condizioni ambientali particolarmente severe (le vaste aree della Siberia, le aree di foresta pluviale del Sud America e aree offshore profonde).

    La storia geologica del nostro Paese è molto complessa e ha dato alla penisola un assetto strutturale e sedimentario complicato e assai poco "tranquillo". Questo non ha favorito la formazione di grandi ed estesi bacini petroliferi ma ha creato localmente situazioni favorevoli alla formazione di numerose province petrolifere di una certa importanza, anche se di non grande estensione. "

    Carbone:

    "l carbone ha dominato lo scenario energetico mondiale dal diciottesimo secolo fino al 1970 e nel 2008 ha coperto circa il 27% del totale dei consumi primari di energia (Fonte International Energy Agency (IEA) – Key World Energy Statistics 2010). Negli anni compresi tra il 2003 e il 2006 la sua domanda sia cresciuta di quasi il 67%: la Cina ha contribuito per il 73% e se consideriamo anche l'India, la percentuale sale al 82%. E' la Cina è il primo produttore e consumatore al mondo: nel 2008 il consumo di carbone da parte di questo Paese è stato di 1406 milioni di TEP contro una produzione di 1414 milioni di TEP all'anno (Fonte dei dati: BP Statistical Review of World Energy - giugno 2010).

    Il suo maggior limite è quello di essere la fonte di energia che inquina di più e incide negativamente sullo stato del clima. Rispetto al gas naturale, la produzione di un chilowattora di elettricità da carbone sprigiona più del doppio di ossido di azoto, otto volte la quantità di metalli pesanti, dieci volte quello di polveri sottili ed emette in gran quantità ossidi di zolfo."

    Ciao.

  • 10 anni fa

    Ciao vai in questo sito qui trovi tutto sui combustibili fossili :

    http://www.istitutomagistralepz.it/attivit%C3%A0%2...

    Se vuoi allegare qualche immagine carina vai qui:

    http://www.google.it/imgres?imgurl=http://archistu...

    Ciao spero di esserti stato d'aiuto!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.