promotion image of download ymail app
Promoted

è iniziata la lotta di classe?

domanda provocatoria ma necessaria.

il monti arriva alla scala seguito dal fedele scudiero napolitano, contestazioni, striscioni e lancio di uova, da parte dei poracci in piazza, accolgono i salvatori dell italia.

entrano nel teatro, tutti in piedi, 14 ore di applausi, grandi ovazioni dimostrano i nobili spettatori tra cui si annoverano politici e vip.

grande monti sei riuscito dove nessuno era arrivato, a marcare un solco tra noi cittadini e loro intoccabili.

Aggiornamento:

ok tara ringrazio berlusconi e tutti i politici che l hanno preceduto per aver ingrossato il debito ma io non sto argomentando di chi ha provocato il disavanzo statale, che non sarebbe nemmeno cosa cattiva se fosse, e in parte lo è stato, concentrato per il benessere dei cittadini ma soprattutto generato in una nazione con moneta sovrana, come lo è in giappone in cui il deficit/pil è al 190% ma nessuno si straccia le vesti. io parlo di ciò che dovremmo fare ora, che facciamo?

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    In Italia una lotta di classe doveva esserci sin dal 1992, quando ci fu il Ribaltone e quando i "nuovisti" (l'odierno PD all'epoca PDS-DS, la Lega...) si insediarono nel Palazzo inziando a dire BEN CHIARO quale fosse il loro disegno. Dov'erano allora quelli che adesso dicono "rivoluzione" o "scendiamo in piazza"? Adesso parlano. Nel 1992 erano l'Italia ke plaudiva al nuovo, all'Europa nella quale entrammo con Maastricht. Adesso. C'è un detto dalle mie parti: "Finchè ghe n'è, viva ul Re; quant al ghe n'è pù, vada via ul cùùù". Non è risveglio della classe popolare, è solo scazzo: il vada via ul cùù.

    La lotta di classe non è mai finita, dato che la perpetra quotidianamente, diuturnamente ki ha i quattrini e li vuole non solo conservare, ma rendere + redditizi. E' una lotta perenne, ma segnatamente entra nella fase "capitale contro lavoro" (dopo la fase "lavoro contro capitale" durata dal primo '8oo fino al Sessantotto) in Italia nel 1980/81 con la vittoria Fiat sui sindacati. Solo che come ogni guerra ha dovuto aspettare di entrare nel pieno delle operazioni per essere percettibile, quindi gli anni '90. Percettibile da chi sappia e voglia osservare: per la massa bovina, anestetizzata da 20 anni di conquiste facili, di concessioni prese senza quasi lottare, dal benessere obnubilante del 1977/1990, non era e non è ancora facile. Adesso che il nemico è entrato nella piazzaforte, adesso che i buoi sono scappati e diventati bistecche, si fischia e si lanciano innocue uova.

    I commenti in Rete e della gente per la via, farebbero sperare bene un ingenuo. Io dico che sono solo chiacchiere. Certo, quello che descrivi è davvero una scena da 18° secolo: la plebe che lamenta la fame ed i nobili a teatro ad autocelebrarsi. Napolitano se mi faceva pena prima ora mi fa anche schifo: eccolo, uno dei "miglioristi", uno dei traditori dell'idea del PCI, di quelli del PDS-DS-Pd che ormai siede a destra del Pdl. Uno dei "nuovisti" del 1992. Uno che disse dopo l'esecuzione di Biagi (l'economista): "non si può ricorrere alle armi per difendere conquiste decotte che non sono più difendibili dinanzi a bla bla bla..". Sentire questo giò stomaca, ma da un ex comunista fa venire i pruriti alle mani. Come li fa il voto plebiscitario cho il Palazzo ha dato all'insediamento del governo dei bocconiani lakkè della BCE.

    Che facciamo? Dimmi quando si inizia a sparare, ed arrivo di corsa. Ma chi ci organizza? Quale Comitato di Liberazione Nazionale ci dirige, ci dà un disegno, stila la strategia post rivoluzionaria o post guerra civile (x ki scioccamente nn ami la parola "rivoluzione"). Perkè ci sono 2 cose da fare:

    -sparare, ma non serve che esca io col mio Ar70sport a fare il teatrino, le iniziative singole o di piccoli gruppo di esasperati sono solo clamore. Occorre un governo ombra, che dia appunto delle direttive sia militari che politiche

    -e/o, almeno come incipit prima di sparare (se no che ci vado a fare al poligono la domenica? Per imparare solo a fare "10"?), o come tentativo di risolvere le cose "legalmente" (per il valore che ha ormai la legalità...) votare finalmente NON PIU' i soliti due/tre partiti assisi da 18 anni in Parlamento: PDL ex fogna itaglia, la Lega ladrona, il PD ex Ds ex Pds. Lo sbarramento al 3% è stato un chiaro segnale di come quei 4/5 seduti laddentro siano in realtà UN SOLO partito, che simula inesistenti diatribe. Ci sono fuori dallo sbarramento sia una destra sociale che una sinistra vera. FN, Fiamma, la Federazione della Sinistra che si avvia a ritrovare unità dopo le microframmentazioni dei confusi anni 90. Diamo fiducia ad essi: smettiamo di pensare che "opposizione=PD" o che Casini o Idv siano alternative. No, non lo sono e li dicono i loro programmi. Adesso fingono di gridare, ma leggete i programmi, leggeteli: dicono le stesse cose che dice adesso Monti e che disse Berlusca. E' una finta lotta.

    Certo: forse qualcuno fra loro avanza dei distinguo, pur nella generale pecoresca accettazione dei diktat dei nazisti e dei napoleonici europei. Ki dice non si tocchino le pensioni, chi dice non si tokkino i diritti dei lavoratori o non se ne tocchi questa o quella parte: la bottega elettorale è sempre aperta, plaudono al lacchè della finanza ma tengono d'okkio il calendario. Adesso la gente è scazzata, quindi raccogliamone le rimostranze, pensano, così al redde rationem raccogliamo i voti. Come il Pd assertore sino a ieri di ogni privatizzazione, schieratosi contro quella dell'acqua avendo fiutato l'aria ke puzzava di morto. Domani al potere, Bersani la tirerà ancora fuori.

    Quindi o sparare o votare. Sparare, dentro al parlamento, ki si cojje si cojje nn si sbaglierebbe mai. Votare, fuori dal parlamento: ki voti voti, non sarebbe lontanamente mai peggio di questa feccia.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • se devo pensare a un personaggio che si é fatto uno scudo al di sopra delle regole penso a berlusconi che si é fatto delle leggi per aggiustarsi i processi camminando sulle teste di chinque.

    la lotta di classe,non é mai finita,non inizia certo con con monti e non finira con monti.

    in sole 2 settimane siete diventati dei catastrofisti mostruosi voi berlusconiani,fino a 2 settimane fa andava tutto bene?

    ma adesso che potreste,perché invece di starnazzare non ne approfittate per farvi un esame di coscienza,tanto berlusconi é finito come é finito,e capire i vostri errori in questi non dico 17,ma almeno 10 anni.o almeno ultimi 3 anni.

    basterebbe anche un anno guarda,con quello che hanno combinato.

    il disavanzo pubblico era una condizione risaputa per i paesi europei e rimanere nell'area euro,berlusconi lo spaeva benissimo ma ha governato a debito quando non poteva permetterselo per risolvere i suoi problemi e dare una parvenza di benessere a un paese che non se lo poteva permettere.

    una specie di conte mascetti al potere,una follia.

    e poi portare come esempio di economia di riferimento il giappone,ma come si fa?

    non esiste paese piu lontano dal giappone ,come efficienza e valori comuni, dell'italia.

    un popolo di formiche capaci di dormire nei formicai dentro letti-forno e poi tornare a lavorare.

    non ci siete proprio,siete come dei tossicomani che si rendono conto che si devono riprendere ma sono ancora attratti dall'ultima dose,forse letale.

    se si é creata una situazione del genere,ma un motivo ci sarà o no?

    se lo stesso partito che ti sforzi a difendere pone la fiducia a monti,forse vorra dire che tutti i dati che ci hanno dato e le politiche che hanno fatto erano falsi e insostenibili.

    o no?

    o vogliamo ancora illuderci che si poteva ancora andare avanti cosi?

    l'italia non é gli usa che col suo esercito puo permettersi di non pagare il debito e invadere le nazioni piene di materie prime.

    l'italia deve svegliarsi.

    svegliatevi.

    che l'italia era comunque il paese europeo con maggiore disoccupazione e evasione fiscale e economia mafiosa d'europa gia 2 settimane fa.

    che l'italia aveva già un solco incolmabile tra cittadino e potente.

    o adesso con monti in 2 settimane si é creato questo solco tra cittadino e uomo di potere che prima non esisteva?

    ma per favore,per favore basta.

    fatelo per voi stessi,fatevi un regalo.

    ma non vi é mai passato un dubbio per la mente in tutti questi anni?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Vengo a portare un po' di uova fresche anche io !!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Tara
    Lv 7
    9 anni fa

    Devi solo ringraziare chi ci ha condotti per mano al default, non l' ultimo arrivato. E non mi dire che parteggio,se ho una priorità è l' ITALIA.

    Che facciamo? Bella domanda, alla quale però non so rispondere.Credo che un pò tutti siamo nel panico.Quasiasi cosa si pensi di fare, pare non vada bene.Siamo nelle mani dell'Europa e dei mercati.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Il problema è radicato e di difficile discussione. Il fatto è che l'equità non è sinonimo di sostenibilità. L'equità potrebbe non essere sostenibile e viceversa.

    Dal mio modesto parere ciò che si potrebbe attuare è una politica in cui il divario tra i differenti redditi non superi certe quote e ciò si potrebbe progettare dando mano agli stipendi. L'ultimo degli operai non può essere così distante dal primo dirigente in quanto a stipendio. Inoltre utilizzerei pugno di ferro con gli evasori esattamente come in USA dove chi evade finisce dentro per un pò di anni.

    Utilizzerei un sistema fiscale che tassi il netto facendo detrarre tutte le spese al 100%. In questo modo i consumatori sarebbero i primi a richiedere la ricevuta.

    Inutile dire che eliminerei ogni privilegio e farei pagare l'ICI o IMU a tutti (chiesa compresa). a costo di finire in un fantomatico inferno.

    In ogni caso non sono Monti e dunque tutto resterà la ***** di sempre..........

    Fonte/i: Più di 20 anni di Italia ho vissuto.... Non vi basta???
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Linus
    Lv 5
    9 anni fa

    Ma cosa vuoi fare, parli come se ci fossero 59 milioni e mezzo di proletari sfruttati e lanciatori di uova marce e 500 mila privilegiati e intoccabili. Non ti accorgi che il Paese è spaccato in quattro o cinque fazioni, ognuna delle quali ha una visione della società diversa o addirittura opposta e portatrice ognuna di istanze diverse, non solo economiche?

    Ti chiedi cosa dovremmo fare ora, ma non dici chi dovrebbe farlo e contro chi.

    Ma non ti chiedi per quale motivo, se i poveracci sono la maggioranza, non hanno saputo avere degna rappresentanza in parlamento dopo le ultime elezioni?

    Ti dimentichi che fino a 10 giorni fa si paventava la catastrofe?

    Infine, in che cosa Monti è peggiore di chi lo ha preceduto, e tu da quale parte stai, perchè mica si capisce sai.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    Monti??.. Ma anche no!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 9 anni fa

    sinceramente non l'ho capita la domanda...........

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.