Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Domanda per i TdG.mi aiutate per favore?

Ho fatto delle ricerche, ma vorrei uguaalmente un vostro aiuto...

Dovrei spiegare, i tempi dei gentili.....e mi é stato chiesto se si riferiva a due periodi diversi, cioé:

- i tempi dei gentili o fissati tempi delle nazioni che iniziarono nel 36 con la conversione di Stefano

-e i tempi dei gentili che terminarono nel 1914, con l'intronizzazione di Cristo......

ora la mia domanda a cui dovrei rispondere é: sono due periodi diversi, che non hanno nessun collegamento fra loro ?

Grazie......a chi mi aiuta.

5 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Un elemento chiave per capire quando il Regno inizia a dominare si trova in queste parole di Gesù: “Gerusalemme sarà calpestata dalle nazioni, finché i tempi fissati delle nazioni non siano compiuti”. (Luca 21:24) Su tutta la terra Gerusalemme era l’unica città direttamente associata al nome di Dio. (1 Re 11:36; Matteo 5:35) Era la capitale di un regno terreno approvato da Dio. Doveva essere calpestata dalle nazioni nel senso che il dominio di Dio sul suo popolo doveva subire un’interruzione ad opera dei governi del mondo. Quando sarebbe iniziato quel periodo?

    All’ultimo re che sedette sul trono di Geova a Gerusalemme fu detto: “Rimuovi il turbante, e togli la corona. . . . Certamente non diverrà di nessuno finché venga colui che ha il diritto legale, e a lui lo devo dare”. (Ezechiele 21:25-27) La corona doveva essere tolta dalla testa di quel re e il dominio di Dio sul Suo popolo doveva essere interrotto. Ciò accadde nel 607 a.E.V., quando i babilonesi distrussero Gerusalemme. Durante i “tempi fissati” che sarebbero seguiti, Dio non avrebbe avuto sulla terra un governo che rappresentasse il suo dominio. Solo alla fine di quei tempi Geova avrebbe dato il potere di governare a “colui che ha il diritto legale”, Gesù Cristo. Quanto sarebbe durato quel periodo?

    Una profezia del libro biblico di Daniele dice: “Tagliate l’albero, e rovinatelo. Tuttavia, lasciatene il ceppo stesso con le radici nella terra, ma con un legame di ferro e di rame . . . finché passino su di esso sette tempi stessi”. (Daniele 4:23) Come vedremo, i “sette tempi” menzionati qui hanno la stessa durata dei “tempi fissati delle nazioni”.

    Nella Bibbia gli alberi possono rappresentare individui, governanti e regni. (Salmo 1:3; Geremia 17:7, 8; Ezechiele capitolo 31) Quell’albero simbolico “era visibile sino all’estremità dell’intera terra”. (Daniele 4:11) Perciò il dominio rappresentato dall’albero che doveva essere tagliato e legato si estendeva sino all’“estremità della terra”, abbracciando l’intero regno del genere umano. (Daniele 4:17, 20, 22) L’albero raffigura quindi il supremo dominio di Dio, specialmente in relazione alla terra. Questo dominio fu rappresentato per un certo periodo dal regno che Geova aveva istituito sulla nazione di Israele. L’albero simbolico fu tagliato e intorno al suo ceppo vennero messi legami di ferro e rame per impedirne la ricrescita. Era un’indicazione che il dominio rappresentativo di Dio sulla terra avrebbe temporaneamente cessato la sua funzione, cosa che accadde nel 607 a.E.V. L’albero sarebbe rimasto legato finché non fossero passati “sette tempi”. Alla fine di quel periodo Geova avrebbe dato il dominio al legittimo erede, Gesù Cristo. È chiaro che i “sette tempi” e i “tempi fissati delle nazioni” si riferiscono allo stesso periodo.

    La Bibbia ci aiuta a determinare la durata dei “sette tempi”. Equipara 1.260 giorni a “un tempo e dei tempi [cioè due tempi] e la metà di un tempo”, per un totale di tre “tempi” e mezzo. (Rivelazione 12:6, 14) Quindi il doppio, cioè sette tempi, equivale a 2.520 giorni.

    Contando 2.520 giorni letterali a partire dal 607 a.E.V. arriviamo al 600 a.E.V., ma i sette tempi durarono molto di più. Ancora non erano finiti quando Gesù parlò dei “tempi fissati delle nazioni”. I sette tempi perciò sono profetici. Dobbiamo allora applicare la regola scritturale “un giorno per un anno”. (Numeri 14:34; Ezechiele 4:6) Così i sette tempi in cui le potenze mondiali hanno dominato la terra senza interferenza da parte di Dio ammontano a 2.520 anni. Contando 2.520 anni a partire dal 607 a.E.V. arriviamo al 1914 E.V. Quello fu l’anno in cui finirono i “tempi fissati delle nazioni”, o sette tempi. Ciò significa che Gesù Cristo iniziò a governare quale Re del Regno di Dio nel 1914.

    “Venga il tuo regno”.

    Fonte/i: www.watchtower.org
  • Anonimo
    9 anni fa

    Come è riportato in Luca 21:24, Gesù disse: “Gerusalemme sarà calpestata dalle nazioni, finché i tempi fissati delle nazioni [“i tempi dei Gentili”, Ricciotti] non siano compiuti”. Gerusalemme era stata la capitale della nazione ebraica, dove governavano i re della dinastia davidica. (Salmo 48:1, 2) Comunque, rispetto ai sovrani delle nazioni, quei re erano unici. Sedevano “sul trono di Geova” quali rappresentanti di Dio. (1 Cronache 29:23) Gerusalemme era quindi un simbolo della sovranità di Geova.

    Come e quando, però, la sovranità di Dio cominciò a essere “calpestata dalle nazioni”? Questo accadde nel 607 a.E.V., quando i babilonesi conquistarono Gerusalemme. Il “trono di Geova” rimase vacante e la discendenza regale di Davide fu interrotta. (2 Re 25:1-26) Questo ‘calpestamento’ sarebbe durato per sempre? No, poiché la profezia di Ezechiele disse a proposito dell’ultimo re di Gerusalemme, Sedechia: “Rimuovi il turbante, e togli la corona. . . . Certamente non diverrà di nessuno finché venga colui che ha il diritto legale, e a lui lo devo dare”. (Ezechiele 21:26, 27) L’unico che ha “il diritto legale” alla corona davidica è Gesù Cristo. (Luca 1:32, 33) Quindi il ‘calpestamento’ doveva finire quando Gesù sarebbe diventato Re.

    Quando si sarebbe verificato questo avvenimento grandioso? Gesù indicò che i Gentili avrebbero governato per un determinato periodo di tempo. In Daniele capitolo 4 troviamo la chiave per sapere quanto sarebbe durato questo periodo. Viene descritto un sogno profetico di Nabucodonosor, re di Babilonia. Questi vide un albero immenso che veniva abbattuto. Il suo ceppo non poteva ricrescere perché era stretto da legami di ferro e di rame. Poi un angelo dichiarava: “Passino su di esso sette tempi”. — Daniele 4:10-16.

    Nella Bibbia gli alberi sono a volte usati per rappresentare il dominio. (Ezechiele 17:22-24; 31:2-5) Perciò l’abbattimento del simbolico albero indica il modo in cui il dominio di Dio, rappresentato dai re di Gerusalemme, sarebbe stato interrotto. Tuttavia la visione avvertiva che ‘Gerusalemme sarebbe stata calpestata’ solo temporaneamente, per un periodo di “sette tempi”. Quanto doveva durare quel periodo?

    Rivelazione 12:6, 14 indica che tre tempi e mezzo equivalgono a “milleduecentosessanta giorni”. “Sette tempi” sarebbero durati il doppio, cioè 2.520 giorni. Ma le nazioni non smisero di ‘calpestare’ il dominio di Dio solamente 2.520 giorni dopo la caduta di Gerusalemme. Evidentemente la profezia riguarda un periodo di tempo molto più lungo. In base a Numeri 14:34 ed Ezechiele 4:6, che parlano di “un giorno per un anno”, i “sette tempi” dovevano durare 2.520 anni.

    I 2.520 anni iniziarono nell’ottobre del 607 a.E.V., anno in cui Gerusalemme cadde in mano ai babilonesi e il re della discendenza di Davide fu deposto. Finirono nell’ottobre del 1914. Fu allora che terminarono “i tempi fissati delle nazioni” e Gesù Cristo venne insediato da Dio quale Re celeste. — Salmo 2:1-6; Daniele 7:13, 14.

    Proprio come predisse Gesù, la sua “presenza” quale Re celeste è stata contrassegnata da una situazione mondiale drammatica: guerre, carestie, terremoti, pestilenze. (Matteo 24:3-8; Luca 21:11) Questa situazione è una potente testimonianza del fatto che il 1914 ha segnato effettivamente la nascita del celeste Regno di Dio e l’inizio degli “ultimi giorni” del presente sistema di cose malvagio. — 2 Timoteo 3:1-5.

    Fonte/i: Chiaramente gli uomini si renderanno conto di ciò che avverrà alla “rivelazione” (gr. apokàlypsis) di Gesù Cristo “con i suoi potenti angeli in un fuoco fiammeggiante, allorché recherà vendetta su quelli che non conoscono Dio e su quelli che non ubbidiscono alla buona notizia intorno al nostro Signore Gesù”. (2Ts 1:7-9) Questo però non esclude una presenza invisibile di cui, prima di quella rivelazione, si accorgono solo i fedeli. Si ricordi che Gesù, nel tracciare un parallelo fra la sua presenza e i “giorni di Noè”, dichiara che all’epoca di Noè gli uomini “non si avvidero di nulla” finché su di loro non si abbatté la distruzione, e “così sarà la presenza del Figlio dell’uomo”. — Mt 24:37-39.
  • 9 anni fa

    Interessante ma non so risponderti

  • 9 anni fa

    Scrittura chiave per la Commemorazione dei Testimoni è quella di Paolo in I Corinti 11:26 “Poiché ogni volta che mangiate questo pane e bevete questo calice, continuate a proclamare la morte del Signore, finché egli arrivi (greco: ERCHOMAI).”

    La domanda semplice, semplice è : perchè continuare a commemorare la morte di Gesù , se Gesù è arrivato ?

    Secondo la dottrina della Watchtower è già arrivato ben due volte.

    1) Nel 1914 scadevano i 2520 e ha cominciato a regnare (La Torre di Guardia 1979 1/7 p. 5 All’erta da 100 anni *** Sin dall’inizio, La Torre di Guardia ha mostrato che alla seconda venuta di Cristo la sua parousia sarebbe stata un’invisibile presenza come potente creatura spirituale.

    2) Nel 1918-1919 è arrivato il suo tempio e ha scelto lo Schiavo Fedele e Discreto per dargli i suoi averi sulla terra. (La Torre di Guardia 1984 1/3 p. 19 par. 19 “Un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo” - Poiché il “signore”, quando arrivò per l’ispezione nel 1919, trovò i rimanenti di questo gruppo impegnati a distribuire fedelmente e accortamente ‘provviste di cibo’, li costituì “sopra tutti i suoi averi”.)

    Ne consegue che la Commemorazione avrebbe dovuto essere sospesa o nel 1914 o nel 1919.

    Un TdG preparato obietta che la dottrina distingue tra PAROUSIA e VENUTA per il 1914, e concediamoglielo.

    Ma nel 1919 mi pare innegabile che sia arrivato. Sennò come sceglieva lo Schiavo ?

    Mi sfugge qualcosa ?

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    TDG

    http://www.youtube.com/watch?v=CJc-MFXiPYM

    http://www.youtube.com/watch?v=LYLbdi5BcRA

    http://www.youtube.com/watch?v=D5ECHPc_PZs

    http://www.youtube.com/watch?v=AGg7eVMUGng

    Se avete qualcosa da dirmi fatelo su: prendialdo@yahoo.it

    Oppure mandami un messaggio su: facebook, Aldo Prendi (la foto è uguale)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.