Kenya zanzare !? È alto a gennaio il rischio malaria ?

Il 10 gennaio devo partire per il Kenya precisamente a malindi ! In questo periodo è alto il rischio malaria ?? Come mi posso proteggere ? Aiutatemi

6 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Parti dal presupposto che se tu vai alla ASL la profilassi te la fanno fare di certo, non perchè siano degli esperti, ma perchè consultano il prontuario, vedono che il Kenya è paese malarico e quindi vogliono tutelare prima di tutto se stessi più che te. Mi spiego: se ti dicono che non c'è alto rischio ma poi tu te la becchi sanno che rischiano la denuncia quindi qualsiasi medico te la fa fare per evitare problemi.

    Premesso questo, devi valutare i pro e i contro: la malaria in Kenya è fortunatamente in continua diminuzione e a Malindi è quasi scomparsa. Se io fossi nei tuoi panni non la farei, anche perchè il farmaco che è quasi gratuito dal servizio sanitario è il Lariam, e il Lariam ha un casino di effetti collaterali, è un farmaco fortissimo! L' alternativa è il Malarone, che ha molti effetti collaterali in meno, ma costa la bellezza di 58 Euro a scatola per 12 pastiglie. Considerato che va preso 1 giorno prima di partire e sette giorni dopo il ritorno ti ci vogliono almeno due scatole. Vedi tu la spesa ( questo farmaco non te lo passa il servizio sanitario).

    Tra qualche settimana sono in partenza anche io per una zona malarica (molto più della tua e ti dico che io non mi prendo il Lariam, anche se è quasi gratis, ma purtroppo spendo i soldi per comprarmi il malarone, perchè ci tengo alla mia salute).

    Io faccio la profilassi quando il rischio c'è effettivamente, non sottovaluto mai comunque il pericolo, però nel tuo caso il rischio è piuttosto basso. Questo significa che se non la fai devi comunque stare attenta: se quando sei lì cominci ad avere sintomi tipici di una influenza non sottovalutarla e corri subito da un medico! Ricorda che i medici locali sono espertissimi nel saper cogliere i sintomi della malaria perchè sanno che è sempre in agguato. A meno che non sia quella fulminante, per la quale neppure la profilassi basta, si può curare, basta non fare i pirla ed andare immediatamente dal medico in caso di sintomi sospetti. La malattia viene diagnosticata con una semplice analisi del sangue.

    Ovviamente anche quando torni, per un mese buono, allarmati se hai sintomi del genere, perchè l'incubazione è circa una settimana, ma a volte è più lunga. Usare repellenti per insetti o zanzariere è comunque buona norma. Divertiti.

    Se vuoi la conferma alle mie parole leggi questo articolo:

    http://www.karibuni.org/ultime-news/29-il-cms/54-i...

    Fonte/i: Ho viaggiato in Kenya e altre zone malariche
  • 9 anni fa

    Jambo!!!!! Comincio dicendoti che non ci sono molte zanzare in questo periodo perchè gennaio e febbraio sono i mesi più caldi e non piove quasi mai. Se vai in safari per circa 2-3 giorni non ti serve la profilassi anti-malarica (credo si scriva così) ti basta un po' di repellente per zanzare, invece se vai per circa una settimana la profilassi non è obbligatoria, ma è consigliata. Ci sarebbe poi anche la febbre gialla, ma non in questi periodi, ma se decidi di andare in Tanzania (subito sopra il Kenya) il vaccino è obbligatorio.

    Spero di averti dato tutte le informazioni che volevi, ciao e buon viaggio!!!!!

    Fonte/i: Tre viaggi in Kenya
  • shami
    Lv 6
    9 anni fa

    Per stare alla tua domanda, il rischio di contrarre la malaria in Kenya in gennaio e' sicuramente basso, ma puo' sempre capitare. Le precauzioni utili in genere sono l'uso della zanzariera sopra il letto e un antirepellente da usare prevalentemente al tramonto e alla sera. Personalmente ti sconsiglio delle profilassi che possono avere effetti collaterali spiacevoli (sonnolenza, inappetenza, malessere). Semmai esiste un medicinale in dose unica che puoi prendere al rientro per scongiurare eventuali conseguenze di un attacco malarico (tra l'altro l'incubazione e' di 10-15 giorni).

    Fonte/i: vivo in africa da 7 anni (mai presa la malaria)
  • 9 anni fa

    La malaria in Kenya è presente al di sotto dei 1.500 metri di altitudine, ma il rischio che un turista contragga l'infezione è modesto, soprattutto se viaggia, come nel tuo caso, nella stagione asciutta; tuttavia è raccomandabile usare zanzariere, specie in ambienti senza aria condizionata, e repellenti (tipo off, autan...)

    Per specificare meglio: uno studio scientifico pubblicato nel 2010 su Travel Medicine and Infectious Disease ha stimato l'incidenza di casi di malaria su turisti italiani in Kenya pari ad 1 caso ogni 10.000 turisti.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • La malaria in Kenya (come nelle altre zone dell'Africa in cui la malattia è endemica) è presente al di sotto dei 1.000 metri e di conseguenza al mare il rischio che un turista contragga l'infezione è TUTT'ALTRO che modesto, è sì raccomandabile usare zanzariere e repellenti ma la cosa migliore è la profilasi, per l quale ci si deve rivolgere alla propria ASL "Ufficio Viaggiatori" - anche altre vaccinazioni sarebbero da fare se consigliate dalla Organizazione Mondiale della Sanità.

    NB la malaria ha una profilassi praticamente gratuita, se non sbaglio. Altre vaccinazioni no.

    In Italia si registramo circa un migliaio di casi di malaria all'anno ed in genere sono abbastanza leggeri. Ma uno mortale quasi sempre ogni anno c'è.

    Fonte/i: viaggio da 40 anni e sono ormai vaccinato contro tutto, a parte la scalogna!
  • 9 anni fa

    Situazione sanitaria

    I costi delle cure di livello europeo e degli eventuali rimpatri sanitari sono molto elevati. Si consiglia, quindi, prima di intraprendere il viaggio, di stipulare un'assicurazione sanitaria che preveda oltre alla copertura delle spese mediche, anche l'eventuale rimpatrio e/o trasferimento d'emergenza in altro Paese.

    Le principali malattie endemiche presenti in Kenya sono: amebiasi, giardia, parassitosi intestinale, tifo, epatite A, schigellosi, malaria e colera. Le malattie endemiche più rare sono la bilarzia e la tripanosomiasi (malattia del sonno).

    La malaria è presente nella zona costiera, nelle aree prossime al Lago Vittoria e in alcuni parchi, soprattutto durante la stagione delle piogge (marzo-giugno, ottobre-novembre) e immediatamente dopo.

    Si consiglia in ogni caso, dietro parere medico, una profilassi preventiva e, qualora si dovessero manifestare sintomi quali febbre alta, dolori alle ossa o influenza in generale, di rivolgersi immediatamente ai medici locali per un'eventuale e specifica terapia antimalarica evitando di ricorrere ad antibiotici generici.

    L’incidenza di infezione da HIV (AIDS) è alta in tutto il Paese.

    Avvertenze

    Al fine di evitare infezioni gastro-intestinali si consiglia di:

    - non mangiare cibi crudi, anche negli alberghi e nei ristoranti;

    - bere solo bibite in bottiglia o acqua filtrata, senza aggiungere ghiaccio;

    - evitare di acquistare cibi da bancarelle per strada.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.