Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureReligione e spiritualità · 9 anni fa

x TdG: Se Gesù fosse morto 20 anni fa, cosa porterebbero al collo i cattolici, una croce o una sedia elettrica?

E se Gesù si fosse perduto negli spazi siderali su un’astronave ebraica o a bordo di un pallone gonfiato geovista, cosa porterebbero al collo i bambini cattolici: una mongolfiera?

Quest’odio geovista per la Croce, che individua un fatto storico e un oggetto che non è né un’astronave né una mongolfiera, identifica i Geovisti come nemici della cultura, della storia e di Cristo. Quest’odio che hanno per la Croce, unitamente al fatto che non recitano mai il Padre Nostro solo perché Cristo ha detto di recitarlo, unitamente alla loro credenza strampalata che l’uomo sta sulla terra da solo 6000 anni, alla pratica e alla ricerca della morte dei bambini ai quali vengono negate le trasfusioni, alla predicazione blasfema e contraria ai Vangeli di una fine del mondo sempre incombente sulle teste degli adepti, unitamente al fatto di aver svilito le Scritture trasformandole in giornalini illustrati di quarta categoria da vendere nelle strade, dà una chiara idea di cosa sia e di cosa rappresenti la Congrega Geovista.

La Croce è per tutti i cristiani un simbolo di amore per l’uomo e di risurrezione a una nuova vita. Per i Geovisti è un simbolo blasfemo, come blasfema è la loro predicazione, la loro Bibbia falsificata edizione TNM e il loro stesso fondatore, un venditore di giacchette pregiudicato per truffa aggravata, che fondò la Setta Congrega Geovista meno di 150 anni fa.

Aggiornamento:

Ho postato questa domanda, che fa il paio con una domanda geovista posta alcuni minuti fa, per capire le ragioni dell'odio geovista per la Croce.

Aggiornamento 2:

x Gabriele:

Questo tuo interventino inutile avresti potuto risparmiartelo e risparmiarcelo, unitamente alla tua aria da santone, se avessi letto per bene la domanda e i dettagli aggiuntivi, nei quali ho precisato di aver posto la domanda solo in relazione a una precedente domanda geovista.

“Usarlo nell’adorazione”, secondo quanto dite voi geovisti, è un’espressione tra le più volgari e schifose, perché prevede l’adorazione a “comando”, come se fosse un rapporto sessuale mercenario: “ora mi metto lì e adoro”.

L’espressione : è ” molto probabile”, riguardo alla funzione della croce nella Storia, usata da un geovista che di storia, di filologia e di lingua greca non sa nulla, perché la sua Congrega “ sconsiglia” gli studi, è assolutamente ridicola.

Aggiornamento 3:

x Gabriele:

I copia incolla che riguardano la filologia e la lingua greca, usati da te, che in quanto geovista, non sai nulla nè dell'una nè dell'altra, rendono la tua risposta ancora più ridicola.

Aggiornamento 4:

x Gabriele:

Hai scritto:

"Difatti non ti ho riportato il mio parere di persona ignorante ma il parere di Dizionari scritti da persone competenti. Il fatto che tu mi risponda in questa maniera sbandiera la tua carenza di obbiettività ed anche il fatto che tu non voglia ammettere le evidenze."

Questa tua volontà di apparire "dotto" sulla lingua greca, che per te, che sei geovista e geometra, è come il cinese mandarino, e una cosa che intenerisce, come tutte le cose pateteiche e tristi.

Non basta fare il copia incolla di una recensione favorevole fatta da un interessato pressocchè sconosciuto al genere umano, per dimostrare di aver ragione o di essere dei competenti. E' tra i vari copia incolla, tra le varie citazioni che devi saper scegliere quale è la più attendibile. Per fare questo devi avere un minimo di competenza nella materia. Oppure devi dimostrare umiltà e regolarti come faresti se dovessi operarti di cuore. In questo caso andresti a chiedere il parere

Aggiornamento 5:

di un cardiochirurgo o dell'infermiere oppure del caposala?

Fare queste citazioni che non valgono 1 euro, come potresti capire facilmente, se non fossi un geometra, non dà valore alla tua tesi, ma la svilisce.

Per completezza ti dico che "stauros" , in greco, si riferisce anche allo stipite della porta, alla stina della pala, alla tavoletta del bagno che prima era di legno. Stauros significa: oggetto in legno e per estensione veniva dato il nome "stauros" anche agli oggetti fatti di legno. Questo modo di denominare gli oggetti si chiama " metonimia" ed è una figura retorica. Ne puoi avere un esempio nella espressione moderna: "ti riempio di piombo", riferita al piombo dei proiettili di un'arma. E' la storia e la filologia, e tu e i tuoi coadepti non sapete niente nè dell'una nè dell'altra,che stabilisce cosa è quel piombo o cosa rappresenta quello " stauros".

Caro geometra....

Aggiornamento 6:

x Gabriele:

ahahahahahahahaha...

Ma tu sei geometra o falegname?

Stauros, si riferisce a oggetti in legno... cosa c'entra da quante parti sono composti?

Lo stipite della porta e l'intelaiatura in legno che copre il vano della porta sono ambedue chiamati " stauros", caro geometra; e l'intelaiatura, come probabilmenta anche la tavoletta circolare del bagno sono composti da più pezzi... caro il mio muratore " finito".

Ma tu fai i muri o le tavolette del cesso?

E come state combinati.....

Aggiornamento 7:

x Gabriele:

Caro geomentra,

vedi se tra i tuoi ferri, nella cassetta degli attrezzi, tra il metro e la picozza, trovi un Dizionario Geoco - Italiano.In genere i geometro ne portano sempre uno appresso tra i ferri del mestiere. Quando l'avrai trovato, aprilo. Vedi alla voce " stauros", dove fa l'elenco di tutti i casi in cui un manifatto qualsiasi veniva chiamato " stauros", vedi che ci troverai anche la tavoletta del cesso, perchè a quell'epoca erano molto più civili di te e si sedevano sulle latrine. E poi, caro mastro muratore, che la tavoletta del cesso si chiamasse "stauros" era solo un esempio. Ti dovevo fare pur un esempio ( che è ripostato nel dizionario), potrei ma pretendere che un geometra sappia cosa è una figura retorica?

Studia il Dizionario, caro geometra, può darsi che ti appassioni alla lingua greca, e così, dopo una decina d'anni di studio potrai cominciare a discutere di queste cose senza fare i copia incolla.

Aggiornamento 8:

x Il geometra Gabriele:

Oggetto : questioni di greco classico ( che fanno parte del corsi di studi per geometra).

I vocabolari più importanti :Vocabolario greco-italiano L. Rocci e il Dizionario illustrato greco-italiano di Liddell H.G-Scott danno sia per Stauros che per xylon, una serie di significati ( oltre 50) che sono un'elencazione di oggetti in legno tra i più disparati.

Dovresti sapere, visto che come geometra hai fatto l'esame di greco, che il significato delle parole cambia nel tempo e a seconda dei contesti, così una parola che in una lingua significa "casa" può significare la patria se la declama un eroe e può significare ovile, se colui che la usa è un pastore.

Quindi la tua ricercuzza da 2 euro senza una conoscenza della lingua e della filologia non ha nessun significato.

Hai torto su tutta la linea:

- ) stauros e xylon significano una serie di oggetti tutti in legno. Il significato della parola, come di tutte le parole, è variato nel tempo, e al tempo

6 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    La croce è un simbolo universale, e Eliade, se non erro, in uno studio approfondisce la questione.

    Questo per alcuni è una dimostrazione (tra le tante) che il cristianesimo abbia "usurpato" riti e simboli pagani..A me dispiace vedere tanta cecità nell'umanità.

    Cristo è comparso nella "pienezza dei tempi" per dare compimento al senso stesso della storia, per cui in Lui trovano il massimo significato non solo le "feste" precedenti, ma anche la croce..

    E' come se l'umanità intuisse via via qualcosa che poi ha trovato in Cristo la sua realizzazione.

    Il simbolo della croce è un simbolo fortissimo, rappresenta la vittoria della Vita sulla morte, della Luce sull'oscurità .E' chiaro che il nemico di Cristo vuole eliminarlo, distruggerlo (la patetica storia dell"impalazione" usata non dai romani, ma dai babilonesi e portata avanti da tdG dice molto) ma è un dato di fatto che le tenebre ormai sono vinte.

    Mi dispiace per tante persone che entrano in buona fede nei tdG e di per sè sono brave persone, tuttavia, soprattutto per i giovani, l'ignoranza non può più essere una scusante dato che informazioni sui fondatori, la storia, le testimonianze dei fuoriusciti sono reperibili ovunque.

    Mi auguro che risponda qualche altro cattolico, altrimenti penseranno che siamo in combutta..

    Non che mi interessi..

    Tanto..solo la Verità ci rende liberi, augurio che faccio di cuore a tutti i tdG :cercate la Verità con la preghiera del cuore, trovando in Maria una madre e una guida, ed eviterete le vostre mostruose sbandate.Questo è il mio augurio per il Nuovo Anno!

    Ciao a tutti!

  • 9 anni fa

    Ho visto la domanda originale, cui questa si riferisce e con sorpresa "non posso visualizzare la domanda"! Ovvero : viene posta una domanda ai cattolici (non sono i tdG che portano la croce!) ma i cattolici sono interdetti dalla risposta. Già questo fa capire l'apertura del gruppo.

    Comunque la faccenda "croce", se riferita a ricerca storico-filologica dei tdG è assai ridicola...

    Punto Primo : la grandissima quantità di equivoci teologici e non comprensione della Bibbia e del Vangelo dei tdG sono derivati dal fatto che il fondatore aveva letto (forse ubriaco, date le sue non proprio etiche abitudini) la Bibbia in inglese e come tale la traduceva (ad esempio il termine "brothers" in inglese vuol dire "fratelli carnali", non così il concetto ebraico!).

    Quindi mi sorprendo che ORA, per giustificare degli errori madornali si ricorra a ricerche pseudo- storiche e pseudo- filologiche...che vergogna!!!!

    Il "patibolum"era il braccio orizzontale della croce, mentre il "palum" era la parte verticale, già infissa nel terreno. I condannati portavano solo il braccio occidentale, che poi, insieme (purtroppo) a loro veniva inchiodato sul palo. L'iconografia cristiana che nei primi secoli aborriva la rappresentazione della morte ignomignosa di Cristo, ha cominciato a rappresentarlo dal Medioevo, quando questa pena di morte non era più in auge, e dunque poteva essere considerata con minor orrore e assurgere a simbolo. Da questa idea medioevale la rappresentazione di Gesù che sale al Calvario con l'intera croce, mentre di fatto portava solo un braccio, come anche riprodotto nel film "The passion" e nelle rivelazioni di mistici.

    Ma da qui a negare la croce e dire che è stato impalato ce ne passa.

    E' un sommo dispiacere vedere come gente che si alza al mattino, come questi fondatori dei tdg, anzichè scriversi le proprie regole per i propri adepti, prendono la Bibbia e si improvvisano profeti.

    Già accaduto con Maometto, non è una novità.

    Purtroppo il risultato sono distorsioni e sofferenza, nonchè deviazioni del credo.

    Con questo fatto hanno tolto non solo il simbolo della croce, ma anche l'Eucarestia, la Messa, la Madonna, privando i loro seguaci di grazie immense..ma saranno giudicati di conseguenza, il giudizio spetta a Dio, a noi quello di testimoniare che queste sono distorsioni e tali rimarranno sempre.

  • ?
    Lv 5
    9 anni fa

    Allison: come al solito sbagli. Non è che sia opinione DI ALCUNI che il cristianesimo abbia usurpato i riti e i simboli pagani, è un DATO DI FATTO. La croce, il Natale, Ognissanti, l'Epifania (tanto per citarne alcuni). Nemmeno la Pasqua è un'invenzione cristiana, perchè viene da quella ebraica. Come ho già detto altre volte, il cristianesimo non ha inventato NIENTE di straordinario, si è solamente limitato a rubare le altre festività spacciandole per proprie. E poi, che bisogno c'era della venuta di Cristo? L'umanità stava meglio prima, in un perfetto paganesimo che non aveva l'ossessione del "peccato", in un'epoca in cui la gente viveva senza la maniacale moralità che il cristianesimo ha portato, felice di esistere e capace di cogliere ogni attimo come il più prezioso.

    Fonte/i: Pagano e orgoglioso di esserlo
  • Anonimo
    9 anni fa

    tutti pensieri ai quali si possono dare solo risposte di parte inquanto ognuno di noi ma davvero ogni persona singola, ha unavisione propria della cosa.

    Conosco e rispetto tutte le religioni quando non sono portate all'estremo, quando parlano di NOI nel senso di umanita' e non di... partito.

    Qualcuno davvero conosce veramente il pensiero di Dio?

    Se esiste un uomo davvero cosi' grande da conoscere veramente il Creatore, quello che pensa e quello che ci vuole dire, presentatemelo.

    Io vedo solo uomini, a volte con buona volonta' ma pur sempre uomini.

    Devo dire che la fede mi ha aiutata nei momenti piu' bui della mia esistenza, mi ha fatto trovare una forza in me stessa che non credevo esistesse, quindi ben venga una qialsiasi fede se e' di supporto all'animo umano e non nuoce o divide.

    Pace a tutti.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    ...."prevede l’adorazione a “comando”"

    Che sia a comando o no è un atto sbagliato, di cui il fedele dovrebbe rendersi conto. L'adorazione non va a nessun oggetto, in particolar modo ad uno strumento di morte del genere. Va solo a Dio, Creatore di ogni cosa, l'unico che merita simili attenzioni.

    "...usata da un geovista che di storia, di filologia e di lingua greca non sa nulla"

    Io sarò ignorante quanto te sulla materia ma sono i libri a parlare.

    "Stauros denota, primariamente, un palo diritto. Su di esso i malfattori erano inchiodati per l'esecuzione" (A Comprehensive Dictionary of the Original Greek Words)

    "La parola greca per croce, [stauròs] significava propriamente un palo verticale, o un elemento di una palizzata, a cui si poteva appendere qualsiasi cosa, o che si poteva usare per recintare un appezzamento di terra...Anche tra i Romani la cruz (da cui deriva la nostra croce) pare fosse in origine un palo verticale" (The Imperial Bible-Dictionary a cura di P.Fairbairn)

    "La parola greca tradotta "croce" (stauròs, verbo stauròo) significa in primo luogo un palo diritto o una trave, e in secondo luogo un palo usato come strumento di tortura e di esecuzione" (New Bible Dictionary a cura di J.D.Douglas)

    Spero che bastino, ce ne sono molti altri.

    ------------------------------------------------------------------------------------------------

    "I copia incolla che riguardano la filologia e la lingua greca, usati da te, che in quanto geovista, non sai nulla nè dell'una nè dell'altra, rendono la tua risposta ancora più ridicola."

    Difatti non ti ho riportato il mio parere di persona ignorante ma il parere di Dizionari scritti da persone competenti. Il fatto che tu mi risponda in questa maniera sbandiera la tua carenza di obbiettività ed anche il fatto che tu non voglia ammettere le evidenze.

    ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    "...Questa tua volontà di apparire "dotto"..."

    Stai continuando ad attaccare la mia persona quando è ormai più che evidente che non sto esprimento il mio parere ma quello di esperti che ne sanno più di me e di te messi insieme. Dunque le tue critiche sotto questo aspetto continuano a non avere alcun valore.

    "Non basta fare il copia incolla di una recensione favorevole fatta da un interessato pressocchè sconosciuto al genere umano"

    La tua offuscata obbiettività ti porta proprio a questo. Tu scarti ogni parere contrario alla tua "volontà" definendolo a priori "sconosciuto" o "non attendibile". Ma qui caschi male poichè i dizionari da me citati non sono dei primi passanti, ma sono riconosciuti a livello internazionale.

    Un esempio è l'Enciclopedia Biblica Internazionale (1979) che alla voce Cross dice: "In origine il greco stauròs indicava un palo di legno appuntito verticale saldamente confitto nel suolo. Venivano posti l'uno accanto all'altro in file, in modo da formare recinzioni o palizzate difensive intorno agli insediamenti, oppure eretti singolarmente come strumenti di supplizio su cui individui colpevoli di gravi reati venivano pubblicamente appesi per lasciarveli morire (o se già uccisi, per disonorarne completamente i cadaveri"

    Ma scommetto che anche un Enciclopedia di tale spessore, dato che contrasta con il tuo pensiero e le tue accuse infondate, per te ha lo stesso valore del Topolino, non è vero? :)

    "In questo caso andresti a chiedere il parere di un cardiochirurgo o dell'infermiere oppure del caposala?"

    Il punto è proprio che tu stai dando dell"infermiere" al cardiochirurgo primario del reparto, solo perchè ti ha fatto una diagnosi che non ti aspettavi.

    "Per completezza ti dico che "stauros" , in greco, si riferisce anche allo stipite della porta"

    Guarda caso SEMPRE e solo a SINGOLI pezzi di legno e MAI a DUE PEZZI messi insieme.Difatti Gesù fu appeso sull'unico pezzo di legno che trasportò.

    ------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

    Fonte/i: L'unica maniera che hai per portare avanti il tuo insensato ragionamento è quello di inventarti le cose per crearti argomenti, il che non fa altro che farti affondare sempre più fino a sprofondare oltre il fondo. Le intelaiature in legno delle porte non erano chiamate stauròs ma solo le travi e ogni pezzo di legno che fosse singolo e non composto (dovrei anche commentare la tua uscita sugli assi di legno dei bagni o si commenta da solo? A quel tempo esistevano le latrine, non le tazze del wc. Ma come siamo messi...). ----------------------------------------------------- Visto che sei illuminato in quanto a dizionari citamene uno solo che affermi che la parola Stauròs si riferisce ad un oggetto composto da più pezzi di legno. Voglio il nome del dizionario e la voce completa da guardare. Voglio darti questa possibilità, così puoi dimostrare a tutti che i tuoi discorsi non sono vuoti come sembrano.
  • ?
    Lv 6
    9 anni fa

    se mia nonna al posto delle p alle avesse avuto delle ruote sarebbe stata una carrozza

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.