capire dal bossolo di un proiettile l'arma?

come si fa?

7 risposte

Classificazione
  • abuelo
    Lv 7
    8 anni fa
    Migliore risposta

    Ho quotato l'utente Dafne, che sostanzialmente dice cose corrette

    Non faccio altrettanto per l'utente Giorgio, che secondo me sbaglia. In realtà (tralasciando la spesso esagerata fantasia delle fiction citate ) il bossolo esploso è una vera miniera di informazioni, e questo soprattutto se è anche possibile repertare bossoli sparati da una specifica arma per confronto: in quel caso è possibile ascrivere un singolo bossolo ad una specifica camera/otturatore. Esistono a questo proposito diversi metodi, come il semplice confronto ottico mediante strumenti ad alto ingrandimento, oppure il metodo della solarizzazione, o ancora altri che mettono in evidenza le deformazioni plastiche del metallo invisibili ad occhio nudo.

    Anche nel caso citato di esplosione di cartucce 9mm para in camere 9x21, o di .45hp, o GAP, in camere acp, è possibile eseguire la diagnosi differenziale: questo perché il bossolo allo sparo si "stira" sotto la trazione dello sbossolamento della palla, e se la camera è più lunga (come nei casi elencati) esso risulterà, coeteris paribus,leggermente più lungo di altri bossoli sparati in camere corrette, nelle quali questo fenomeno non avviene. Infatti in questi casi si tratta di bossoli straight rimless che fanno head space sulla bocca del bossolo. Diverso e particolare il caso dei bossoli flangiati, infatti è più difficile scoprire se un .38 spl è stato sparato in una camera corretta o in una .357.

    Addirittura poi è possibile eseguire una diagnosi differenziale per stabilire se siano stati sparati da una pistola mitragliatrice o da una pistola semiautomatica. Questo perché nel caso di una massa battente il percussore insiste sull’innesco in maniera più consistente, anche mentre il bossolo ha qualche grado di libertà.

    Esistono apposite banche dati che registrano la posizione reciproca, ad esempio, dei vari organi meccanici delle armi semiautomatiche: percussori, estrattori, espulsori hanno forme e geometrie diverse da arma ad arma (analisi merceologica o tecnica), ed inoltre con i metodi più avanzati è possibile distinguere se un percussore è proprio lo stesso e non un altro identico che ha lasciato l’impronta, per le microscopiche irregolarità del metallo che lasciano in negativo.

    Quindi è possibile, repertando un bossolo, capire prima di tutto da che arma è stato sparato, con un buon grado di approssimazione, e in una seconda fase – se è possibile confrontare bossoli sparati da armi analoghe – è possibile ascriverlo ad una specifica arma.

    Questo, beninteso, per tacere del proiettile.. sul quale, se repertato, appaiono tanti e tali segni da poter risolvere la maggior parte dei dubbi.

    Un’ultima parola sulle fiction televisive tipo CSI: in linea di massima non contengono troppi svarioni, ma non bisogna prenderle sempre sul serio. Spesso abusano di fantasia, ma più spesso non possono essere troppo “tecniche” per evitare di diffondere informazioni sensibili.

    Lo stesso vale per certi film: cito il solo esempio di un episodio di "arma letale", dove si affermava che i proiettili "teflonati" erano in grado di perforare i giubbotti antiproiettile...

    Fonte/i: @@ giorgio; non seguo CSI, mi spiace, comunque mi pare corretto: rilevare "tre" principi di rigatura non vuol dire tre principi tout court, ma ad esempio un parziale di sei principi, da cui ricavare larghezza di pieni e vuoti, probabilmente in seguito alla frammentazione o alla deformazione plastica. Per quanto riguarda il proiettile, un bassa velocità come un .45colt è difficile che si frammenti, anzi, al massimo si frammenta un .22 ad alta velocità, come nel caso Marta Russo, in cui se non erro fu possibile estrapolare tracce dei principi di rigatura da un piccolo frammento di piombo. Per quanto riguarda i solchi di grassaggio, presumo che non siano tanti i calibri in grado di portarne ben cinque. Si trattò, probabilmente, di un responso merceologico. Detto questo, ripeto che secondo me gli svarioni di queste serie sono troppi, ma questo non toglie che un'analisi scientifica "seria" su un bossolo possa fornire moltissime informazioni.
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    I bossoli per armi da fuoco leggere portatili variano sia per la forma, le dimensioni, i materiali di cui sono costituiti. Le dimensioni fondamentali di un bossolo sono la sua lunghezza, il suo diametro al fondello ed il suo diametro al colletto (la parte anteriore che trattiene la palla): altri fattori dimensionali dipendono dalla forma del bossolo stesso.

    di conseguenza ad ogni arma è associato un tipo di proiettile, e quindi di bossolo, diverso. poi una volta che l' arma in questione spara un colpo marca il bossolo del proiettile in un determinato modo proprio solo di quella pistola. è un pò come l'impronta digitale della mano, non troverai mai due impronte uguali come non troverai mai due pistole che marcano il proiettile nello stesso modo.

    ad ogni modo mettendo a confronto i bossoli si può arrivare al tipo di arma che ha sparato

    spero di esserti stata utile;)

    caro @giorgio, la mia "esperienza personale" (come dici tu) deriva dal fatto che mio padre lavora presso la polizia scientifica italiana, da qui il mio interesse e le mie nozioni al rigurado. Mi rendo conto che i telefilm sottocitati gonfiano la realtà dei fatti in una maniera spaventosa ma dal bossolo del proiettile si può veramente risalire all'arma che ha sparato come ho spiegato precedentemente. spero di aver chiarito le motivazioni che ho messo sulle mie fonti.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Contrariamente a quello che ti fanno credere in CSI o telefilm del genere dal bossolo puoi capire ben poco ...

    L'unico dato certo e' il calibro inteso come "foratura" della canna

    In molti casi non puoi essere neppure sicuro del tipo di cameratura (ad esempio in una 9x21 puoi sparare anche munizioni 9x19 o in una 45 ACP un 45 HP - non si dovrebbe ma e' possibilissimo - , per non parlare dei revolver che possono accettare anche 4 tipi di munizione come il 460 S&W magnum ovvero , oltre appunto il 460, a54 casull, 45 colt e, con le clips 45 acp, oltre il calssimo binomio 38 spl - .357 magnum o 44 special 44 magnum )

    Se hai il bossolo esploso e l'arma puoi , con strumenti idonei, verificare se effettivamente quel dato bossolo e' stato camerato in quell'arma (sempre che non fosse una munizione "ricaricata" o che l'arma non sia stata "ritoccata" in seguito, ad esempio cambiando o "limando" il percussore o lucidando la camera )

    @@@ preciso che Dafne la ho quotata anche io perche' la risposta mi piaceva :-)

    ...anzi sarei curioso di sapere quali sono le sue "esperienze personali"

    Per quel che riguarda CSI proprio nell'ultima puntata, da un proiettile DI PIOMBO che aveva attraversato le ossa craniche rilevavano TRE pincipi di rigatura e 5 solchi di ingrassaggio ed arrivavano alla conclusione che si trattava di un 45 colt

    ... posto che dopo un colpo alla testa un proiettile di piombo ("puro" come hanno detto !!!) sarebbe in briciole , nessuna pistola ha tre principi e difficilmente avrebbe 5 solchi

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Puoi capire il calibro!

    ma sai quante armi ci sono che possono sparare un dato calibro??!!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 8 anni fa

    senza dilungare in paginate e paginate la questione è piuttosto semplice con il bossolo riesci a capire che arm è .. perche ogni arma ha un calibro quindi il bossolo magari 6.5X40 (numero riportato sul retro dato dal diametro e dall'altezza a bossolo esploso) .. è sparato da tutte quelle armi che camerano il calibro 6.5X40.. quindi potrebbe essercene piu di una.. per esempio il 9mm parabellum .. calibro dell'mp40 tedesco era camerato anche da lo sten inglese .. il 7.62 nato è camerato da armi di produzione us, italialiana, inglese, tedesca francese ecc.... in poche parole non risali all'arma ma ai tipi di arma che camerano tale proiettile.. per quanto riguarda invece la punta il discorso è piu complicato.. devi risalire dalla punta al bossolo.. magari cmq osservando che una punta di moltissimi grani( molto pesante) non potrà mai essere di un calibro piccolo come la pistola per esempio...

    Fonte/i: porto d'armi uso venatorio
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    r

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    Ci sono diverse armi che usano lo stesso munizionamento quindi esso da un secolo circa non è più legato ad un modello tipico. I segni che consentono di identificare, ad un esame accurato da parte della scientifica, quale tipo di arma abbia espulso quel bossolo sono l'impronta del percussore ed il segno eventuale dell'unghia dell'estrattore. Secondariamente, i segni di dilatazione anelastica che possono dare un'idea della forma della camera di scoppio.

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.