Giorgio G ha chiesto in SportArti marziali · 9 anni fa

pratico arti marziali ma per strada non lo dimostro che ne dite voi come reagite?

pratico l'arte della muay thai. sono un buon allievo e adoro fare sparring e salire sul ring per qualche simulazione (non faccio incontri)... mi da un'emozione unica confrontarmi contro un mio "avversario" sempre all'interno di un comportamento marziale e rispettoso. In poche parole non mi tiro indietro per un po di sano contatto. PERO per strada quando si verificano situazioni spiacevoli ( ed essendo fidanzato ne capitano anche spesso) non riesco a reagire e non arrivo mai a un contatto anzi ne sono quasi spaventato. mentre in palestra godo come un riccio quando si fa guanti e gambe (contatto) per strada non riesco e mi spavento secondo voi che cosa vuol dire? ho come il terrore di alzare le mani su una persona senza una vera motivazione magari per una parola di troppo, ma una grande passione per il contatto fisico.. non è molto normale secondo me... che dite? voi come siete fatti?

Aggiornamento:

grazie a tutti bellissime risposte tutti davvero sarà difficile scegliere il migliore ... grazie per gli ottimi consigli e delucidazioni personali..

10 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Sei Normalissimo.

    In strada non ci sono regole.Hai consapevolezza ed è una gran cosa. Continua ad aver paura che è la cosa più salutare.A me, la capacità fisica che ho, nella vita non è servita a molto, ma è servita al RISPETTO che tanti l'ha perso.Sappi, che se disgraziatamente dovrai affrontare qualcuno fisicamente, con rabbia e ragione, garanditissimo che tirerai fuori tutto quello che hai imparato.

  • Anonimo
    9 anni fa

    ciao,mi kiamo Dario e pratico karate da 5 anni e ho ftt 1 anno e mezzo di krav maga(difesa personale) e purtroppo io ho il tuo stesso problema e spesso finisco per scoppiare a piangere non per paura di farmi male, ma per paura di far troppo male all'avversario e soprattutto, anke se nn so il xkè, per anzia....

    secondo me la cosa migliore da fare è litigare una volta per tutte ma come si deve, far male e farsi male, così da rimuovere questo blocco ke è maggiormente mentale....

    p.s.: se stai cn delle ragazze o con la tua fidanzata evita anke gli scontri a parole...!!!

    Fonte/i: esperienza personale
  • ?
    Lv 5
    9 anni fa

    in certi momenti bisogna tirare fuori le palle , non devi farti prendere dalla paura

  • Anonimo
    9 anni fa

    ciao io pratico kung fu e ti dico che ogni arte marziale si basa sul rispetto.

    le arti marziali ci vengono insegnate come stile di vita e come ultimo mezzo di DIFESA quindi la grinta negli incontri è fondamentale ma per strada le arti marziali si usano solo come difesa e non come attacco.

    se un giorno ti capitasse di trovarti in una situazione di pericolo per la strada la paura annebbierà il tuo cervello perchè per strada il fine del tuo aggressore è farti del male a differenza dello sparring dove i colpi sono spesso sccompagnati e agirai d' istinto le arti marziali ci insegnano a usare la nostra disciplina istintivamente anche sotto pressione mantenendo la concentrazione .

    inoltre è un reato perseguibile penalmente usare una disciplina marziale anche a scopo difensivo su una persaona nnon armata che non conosce un'arte marziale

    e inoltre se dici di essere un artista marziale rispettoso saprai che è sbagliato vivere le arti marziali come attacco e ricerca del contatto fisico insensatamente

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ciao ;) ..parto dicendoti che fai assolutamente bene a tenere le mani apposto ,le arti marziali si usano solo in caso di pericolo . non c'e bisogno di alzare le mani per ogni stupidaggine.ricorda che la tua non è paura! la tua è solo responsabilità! e fai bene ad averne.

    Fonte/i: praticante di kung fu
  • Botof
    Lv 6
    9 anni fa

    nanzi tutto un po di paura è normale , specialmente perchè non sai chi hai davanti , e cosa ha in tasca .

    e comunque NON DEVI ALZARE LE MANI PER QUALCHE PAROLA DETTA DI TROPPO

    le arti marziali , o nel tuo caso gli sport da combattimento si usano SOLO ED ESCLUSIVAMENTE se l'avversario alza per primo le mani , o ha serie intenzioni di farlo , ma di solito per evitare rogne penali , si mantiene una distanza aspettando il primo attacco .

    le arti marziali come gli sport da combattimento possono uccidere , e vanno usate solo se la tua vita o quella di un caro è in pericolo , non perchè quello ti ha offeso la mamma e ti ha dato del bucaiolo , tu gli rompi 3 costole causandoli un emorragia cardiaca uccidendolo ( non è cosa rara) o come spessissimo succede tiri un pugno , e quello va giù come una pera cotta e batte la nucha e va in coma , e poi di solito una buona parte muoiono , e poi magari te dici , ma io gli ho tirato solo u semplice pugno , ma devi calcolare i così detti danni secondari , tutti i maestri dovrebbero insegnare queste cose , perchè un buon maestro insegna anche a usare le mani solo come ultima risorsa ( prima si evita , poi si prova a scappare , poi si cerca di ragionarci , e poi se la cosa è inevitabile si usa le maniere estreme , e quando colpisci devi colpire con il massimo , ( se spari mira alla testa altrimenti risponde al fuoco 9 questo è ovviamente uno dei tanti detti , che significa se attacchi fallo bene o rischi che reagisca e non puoi uscirne illeso.

    comunque io sinceramente almeno che la situazione non sia estrema devo essere sincero non scappo mai passo subito al ragionarci , e se attacca , metto tutto me stesso nel contrattacco.

    quindi evita di alterare le situazioni , specialmente se sei con persone a cui tieni , e se la situazione degenera proteggi te e i tuoi cari con tutto te stesso.

    Fonte/i: artista marziale .
  • Anonimo
    9 anni fa

    Guarda io pratico ju jitsu, e fatto anche altre arti marziali. Ti dico che tu sei il classico tipo che vede le arti marziali come e solo come uno sport a differenza di altri esaltati che vedono le arti marziali come un'arma.

    Se proprio vuoi provare la sensazione di scontrarti con qualcuno e imparare cosi a lottare ti conviene fare qualche gara perche li ti troverai in un contesto assolutamente diverso rispetto a quello nella tua palestra perche in gara non si combatte per passione ma per il primo posto inoltre le gare servono anche a formare un proprio carattere psicologico oltre che ad una maggiore sicurezza e coscenza delle proprie abilita.

    Ma è anche vero che non tutti hanno quell istinto di passare subito alle mani anche dopo aver fatto molte gare. Se vuoi un consiglio cerca sempre di evitare gli scontri e (parola del mio maestro) usa sempre il cervello che è la migliore arma

    Fonte/i: Me stesso
  • Anonimo
    9 anni fa

    pratico karate da 5 anni e ho fatto un po' di aikido.

    Credo che l' arte marziale in palestra (apprendimento e gare) sia naturalmente diversa dalla violenza in strada. Dunque il tuo stato d'animo è comprensibile. In palestra sei in ogni caso al sicuro, protetto da regole e disciplina. Al di fuori purtroppo puoi incontrare persone violente, cattive, fuori di sè o armate. La cosa migliore è lasciar perdere (specialmente se si è con la propria ragazza!!la sua incolumità conta più dell'orgoglio) provare a ragionare, ma in ogni caso mai colpire per primi. Nel caso in cui si venga poi attaccati, uno giustamente si difende e allora torna utile l'allenamento specifico.

    La paura è istinto di sopravvivenza! per fortuna che esiste.

  • 9 anni fa

    può essere che la tua paura sia proprio paura , perchè sul ring quando ti alleni sai che sono delle simulazioni mentre sai che fuori non è cosi' ci si può fare molto più male . e forse quella la tua paura

  • MJ™
    Lv 6
    9 anni fa

    Io sono un praticante di Tae Kwon Do

    (se non sapessi qual'è: http://www.youtube.com/watch?v=bU_wcoFFWQI

    Youtube thumbnail

    ), e come sicuramente sai è una disciplina FULL CONTACT, e bisogna avere grinta e coraggio per entrare nel ring e combattere questa disciplina pericolosa. Quando invece sono per strada pure a me in certi momenti mi sale l'angoscia, anche se "l'avversario" è una minaccia ridicola. Questo accade perchè seguo i principi che questa disciplina mi insegna:

    - Promuovere lo spirito di concessioni reciproche.

    - Vergognarsi dei propri vizi, rifiutando quelli degli altri.

    - Comportarsi educatamente.

    - Incoraggiare il senso di giustizia e umanità.

    - Riconoscere l'istruttore dallo studente, l'anziano dal giovane.

    - Rispettare i beni altrui

    - Agire con giustizia e con sincerità.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.