Lolla ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 9 anni fa

Civiltà Babiloneseeeeeeeeeeee.............???????

Mi potete descrivere gli aspetti economici, sociali e culturali della civiltà babiloneseee????

Pleaseeeee!!!??? :(

10 pt. assicurati :)

3 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Approfondimenti: le civiltà fluviali La civiltà dei sumeri durò quasi 2000 anni, molti furono i popoli che cercarono di sopraffarla per impossessarsi della terra particolarmente fertile che costituiva una ricchezza preziosa per gli abitanti, vi riuscirono infine i Babilonesi che, con il loro insediamento definitivo, ne decretarono la fine della civiltà.

    Il re dei Babilonesi, Hammurabi, era un abile guerriero che riuscì a riunire tutti i popoli da lui conquistati in un unico grande impero, questo circa nel 1800 a.c.

    Hammurabi stabilì la capitale del suo regno nella città di Babilonia, una delle più grandi e ricche di tutta la Mesopotamia. Babilonia era abitata da persone di etnie e lingue diverse ed era sede di un fervido mercato dove venivano venduti prodotti di tutti i tipi a mercanti che provenivano anche da molto lontano attraverso il baratto con merci di valore simile o con l'acquisto in denaro tramite monete d'oro, d'argento o di altri metalli preziosi.

    Babilonia si presentava come una città splendida, era attorniata da mura difensive solide e riccamente decorate e i giardini pensili del palazzo reale erano considerati una delle sette meraviglie del mondo antico per quanto erano stupefacenti.

    Una descrizione di Babilonia ci è pervenuta attraverso le parole dello storico greco Erodoto che la visitò durante uno dei suoi numerosi viaggi descrivendola come grande e di bellezza ineguagliabile, circondata da un fossato profondo riempito d'acque e attraversata e divisa in due parti dall'Eufrate. Le case dei babilonesi erano, sempre per descrizione di Erodoto, costruite su tre o quattro piani e regolarmente disposte su strade diritte.

    Della civiltà babilonese si ricorda spesso il codice di Hammurabi, ovvero le leggi incise su una stele di pietra ed esposte nei luoghi pubblici per incoraggiare il popolo a non farsi giustizia da soli ma a rivolgersi, in caso di bisogno, alle autorità preposte. Il codice di Hammurabi era basato sulla legge del taglione che prevedeva una condanna equivalente alla colpa commessa, da questa legge nasce per esempio il detto "occhio per occhio" che significava appunto che sarebbe stato cavato l'occhio a chi l'avesse cavato a qualcun altro.

    Allo stesso modo chi per incuria danneggiava le proprietà di altri doveva rifondere i danni, o pagare il prezzo dello schiavo altrui per qualsiasi causa leso.

    La società dei babilonesi prevedeva tre tipi di status, c'erano gli uomini liberi, possidenti terrieri, c'erano i funzionari e i dipendenti del re, che vivenvano in condizione di semiliberi e c'erano infine gli schiavi, destinati ai lavori pesanti e considerati oggetti e non persone.

    I contadini vivevano in semplici case di mattoni cotti al sole composte da una o due stanze e piccole finestre, i tetti piatti erano utilizzati come terrazze.

    L'abbigliamento della popolazione sia maschile che femminile era costituito da lunghe tuniche che potevano essere adornate con frange o gonnellini di lino, i contadini camminavano scalzi mentre i ricchi indossavano calzature simili ai sandali.

    Le donne si occupavano della casa e dei figli ma non vivevano in una condizione di inferiorità sociale, contribuivano ai lavori agricoli e si dedicavano alla tessitura, frequentavano le scuole, apprendevano un mestiere e potevano diventare commercianti.

    La scuola era comunque frequentata dai figli delle famiglie più abbienti, studiare non era facile perchè si utilizzavano delle tavolette da incidere al posto degli attuali fogli e i caratteri della scrittura cuneiforme erano più di seicento.La popolazione si cibava di cereali, con ci venivano preparate polente, focacce e farinate, cipolle, ceci, cetrioli, aglio, lenticchie, rape e frutta varia. La vicinanza del fiume rendeva possibile nutrirsi di pesci d'acqua dolce mentre solo i ricchi potevano permettersi di mangiare carne.

    La bevanda più diffusa era la birra.

  • 9 anni fa

    credo che ci sia anche per internet se cerchi bene,comunque posso aiutarti solo con questo

    io ho studiato che il periodo babilonese è il periodo di massimo splendore per quanto riguarda la cultura e società mesopotamiche,infatti i babilonesi prima di tutto dividono il compito del re e del sacerdote e fanno diventare la ziggurat solo un tempio (mentre prima con sumeri e assiri era sia tempio che magazzini e stanze per il re-sacerdote che era la stessa persona). In più abbelliscono il tempio con statue e bassorilievi e dipinti e inventano le mattonelle che poi coloreranno per i bagni, le tubature e i canaletti, e infine i giardini pensili. Per entrare nelle città cintate vi era solitamente un grande portone per far vedere la grandezza e bellezza della città e intorno alla ziggurat vi era strutturata la vita attraverso le case degli abitanti ;)

    Fonte/i: questo è ciò che mi ha fatto studiare la mia professoressa sui babilonesi
  • s

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.