Fonte del diritto comunitario? Cosa sono? E in che rapporto sono con le fonti interne?

Come si risolve l'antinomia tra questi 2 tipi di forme?

3 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Le fonti del diritto comunitario sono fonti che influenzano il nostro ordinamento, ma non sono state prodotte dai nostri organi.

    I trattati sono la fonte suprema del diritto comunitario, e la loro supremazia è garantita dalla Corte di Giustizia dell'UE.

    Gli altri atti normativi vincolanti sono:

    1) Regolamenti UE,

    2) Direttive UE,

    3) Decisione UE.

    Gli atti normativi non vincolanti sono:

    1) Raccomandazioni,

    2) Pareri

    Inizialmente le antinomie venivano risolte attraverso il criterio cronologico (la norma successiva abrogava la precedente), ma questo, puoi ben capire, non garantiva la preminenza del diritto comunitario e indeboliva il significato di appartenenza all'unione.

    Si è pensato quindi di risolvere le antinomie attraverso il criterio gerarchico, stabilendo che il diritto comunitario avrebbe prevalso su quello nazionale. Ma l'annullamento delle disposizioni nazionali presupponeva che un giudice a quo sollevasse una questione di illegittimità e questo richiedeva tempi lunghissimi.

    DAL 1984 SI E' OPTATO PER LA RISOLUZIONE DELLE ANTINOMIE MEDIANTE CRITERIO DI COMPETENZA. Il diritto comunitario prevale sul nazionale poichè il primo è il competente, la norma statale viene disapplicata. Il diritto comunitario prevale anche sulla Costituzione, i regolamenti (che sono sullo stesso piano della legge statale, ma su due scale con ambiti di competenza diversi) possono derogare a norma costituzionale senza però modificare il NOCCIOLO DURO DELLA COSTITUZIONE (principi fondamentale, diritti inviolabili, Art139).

  • Anonimo
    9 anni fa

    Queste domandine da mammoletta rimangono sempre!

    Fonte/i: Da: ".. Il Furher si rivolterebbe nella tomba se sapesse.."
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.