Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Anonimo
Anonimo ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 9 anni fa

Mi hanno proposto un contratto per la pubblicazione di un libro. Vorrei un consiglio!?

Una casa editrice di Ravenna mi ha proposto un contratto per pubblicare, pubblicizzare e distribuire il libro che ho scritto. Tutto sommato non mi sembra male a parte il fatto che mi chiedono 2.600 euro di contributo. E' normale che chiedano una cifra di questa entità oppure mi stanno rifilando una truffa? E' il mio primo libro e probabilmente sarà normale così, ma se c'è qualcuno più esperto di me in materia che potrebbe darmi un consiglio lo ringrazio tanto!

4 risposte

Classificazione
  • Arya
    Lv 6
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Ciao Eleonora,

    vorrei fare alcune considerazioni, poi ovviamente la decisione è sempre e solo tua.

    Diffida delle case editrice che chiedono contributi per pubblicare: una casa editrice "seria" NON chiede contributi per pubblicare. Se valuta che il libro "valga", lo pubblica, altrimenti no.

    Le case editrici "a pagamento" pubblicano qualsiasi cosa: tanto non hanno nessun rischio, ossia, ti chiedono "il contributo", che copre sia il loro guadagno che il costo delle copie del tuo libro che intendono stampare, quindi non "ci perdono nulla" in ogni caso. Non ti rendono giustizia: ossia, non ti fanno pubblicità, non ti sponsorizzano, non ti valorizzano.

    Le case editrici a pagamento "non sono serie".

    Non ho assolutamente idea di come sia il tuo libro: mi rendo conto che sia difficile farsi pubblicare da un editore "non a pagamento", proprio perchè, dato che in questo caso l'editore si assume il "rischio di impresa", ora che valuta attentamente tutti i manoscritti che gli pervengono, bè... il rischio è che non abbiano nemmeno il tempo e l'interesse a leggere quanto gli mandi...

    Difficilmente con una casa editrice "a pagamento", però, avrai dei vantaggi: stamperanno il numero di copie del tuo libro che "gli conviene stampare" - e che paghi tu... - e poi "muore lì"... se il tuo libro vende, bene, altrimenti pazienza... non sono sicura nemmeno che sia un buon metodo per "farsi conoscere", ma non è detto.

    Qui trovi un sacco di info su "come pubblicare un libro" non a pagamento e parlano anche del "perchè" non conviene rivolgersi alle case editrici a pagamento. E' un ottimo sito: http://www.writersdream.org/blog/pubblicare-un-lib...

    In bocca al lupo!

  • ?
    Lv 7
    9 anni fa

    No, non è normale per niente. Solitamente una casa editrice ti paga lei per una pubblicazione e devi stare attenta che i diritti d' autore restino in mano a te e non alla casa editrice salvo accordi diversi. Molte case editrici di nome ma non di fatto tendono a queste piccole macabre speculazioni. Se hai voglia che il tuo libro sia pubblicato alla svelta ed hai la disponibilità allora fallo ma sappi che non sono buone condizioni. Devi poi valutare quante copie ti fanno e qual'è la loro distribuzione a livello nazionale ovvero se distribuiscono il tuo libro in tutta Italia o solo a livello regionale o ancora una via di mezzo. Se valuti che il numero delle copie rispetto ai soldi che ti chiedono è alto ma magari hanno una distribuzione capillare in tutta Italia allora prendili in considerazione se no a quel punto ti conviene auto produrlo (recandoti a sentire i vari preventivi da tipografi specializzati in pubblicazioni)ed occuparti te della distribuzione anche se è un lavoro non indifferente. Utile anche a tal fine farsi assegnare un codice ISBN per cui il tuo libro è catalogato a livello mondiale.E' gratuito.

    Dovrai anche valutare il margine di guadagno che ti offrono a libro.

    Se invece non hai fretta manda il tuo stampato ad altre case editrici più serie.

    Ultimo consiglio, se non l' hai fatto è quello di registrare il tuo lavoro alla siae e di scriverlo quando mandi il tuo libro alle case editrici. se vuoi evitare di spendere un centinaio di euro per la siae esistono anche forme di "autocertificazione".

    In bocca...all' editore!

  • 9 anni fa

    per essere comprato il libro deve essere pubblicato...ci puo stare che ti chiedano qualcosa visto che non sei ancora nessuno e non vogliane rischiare da soli..quindi bisogna capire se 2600 è solo un contributo.. quindi dovresti darmi un po' di numeri... ovvero quante copie verranno stampate..dove...in quante librerie...

  • shami
    Lv 6
    9 anni fa

    E' abbastanza normale che ti chiedano un contributo e anche la cifra e' ragionevole. Naturalmente puoi inviare il tuo manoscritto anche ad altre case editrici, se non l'hai gia' fatto. Auguri!

    PS. Di che parla il tuo libro?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.