Anonimo
Anonimo ha chiesto in Gravidanza e genitoriGravidanza · 8 anni fa

Chiarimenti interruzione di gravidanza?

Inizio col dire che non abbiamo ancora la certezza della positività del test, e vi prego non ditemi non è giusto l'aborto (è una nostra decisione, siamo piccoli, e non possiamo garantire una stabilità economica al bambino, non abbiamo nulla). Una volta accertata la gravidanza, cosa si fa?si va al consultorio? rilasciano una ricetta per andare in un ospedale? ce da fare una prenotazione da fare?Dopo quanto si puo riprendere la normale vita quotidina? Starà male la ragazza? in quali modalita si interrompe una gravidanza in stato non avanzato (1/2 mesi) con una pillola? Ci sono costi da sostenere per eventuali cure? Vi chiedo di spiegarmi tutto il procedimento e tutte le "tappe". Siamo di Palermo. 10 punti al migliore.

11 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Migliore risposta

    ci si può rivolgere al consultorio (è gratuito e di solito è presente in ogni città). parlerai con un ginecologo e ti farà l'ecografia per datare la gravidanza, ti daranno tutte le indicazioni necessarie e ti aiuteranno a fare la scelta migliore per te illustrandoti tutte le possibili opportunità. successivamente, se deciderai per l'ivg ti indirizzeranno all'ospedale; l'importante è che vai al consultorio nel più breve tempo possibile perchè l'interruzione volontaria di gravidanza (ivg) si può fare entro le 12 settimane (90 giorni). è possibile anche rivolgersi direttamente all'ospedale (reparto ginecologia) ma generalmente al consultorio si è più seguiti almeno nella fase preliminare e di sostegno emotivo/psicologico.

    non avere paura di rivolgerti al consultorio, esprimi tutte le tue paure e i tuoi dubbi senza vergogna, li sapranno davvero come aiutarti.

    generalmente l'ivg avviene tramite un raschiamento, cioè le pareti interne dell'utero vengono raschiate, cioè pulite, in modo da eliminare lo strato più superficiale che ricopre la cavità interna dell'utero (questo strato si riformerà prima della successiva mestruazione). il tutto avviene con un'anestesia molto leggera ma totale (cioè è come se fossi in uno stato di sonno molto profondo, respiri autonomamente ma non senti il dolore) e l'intervento dura in tutto 10-15 minuti. in particolare entri in ospedale in mattinata ed esci, se non ci sono complicazioni, nel pomeriggio. in alcuni ospedali utilizzano anche la pillola abortiva (RU486) al posto del raschiamento ma si può utilizzare solo in una fase molto precoce della gravidanza. si possono riprendere le normali attività dopo uno-due giorni, se non insorgono problemi. forse potrebbero prescrivere degli antibiotici ma in genere nient'altro. in ogni caso se hai dei dubbi chiedi al ginecologo che ti farà la prima visita. è importantissimo conoscere ed essere informati in modo da non avere dubbi sulle procedure e sapere a cosa si va incontro.

    non ti hanno dato delle informazioni corrette nel senso che se sei minorenne non è strettamente necessario coinvolgere i genitori. non so quale situazione familiare abbiate, il mio consiglio è quello comunque di parlarne. ma se proprio pensate che sia il caso di non coinvolgerli, allora parlerete con il medico del consultorio che interpellerà un giudice che valuterà la situazione. generalmente non fanno problemi e danno il permesso di procedere senza che i genitori lo sappiano, l'importante è spiegare bene la situazione senza vergogna e senza paure, tutto il personale è lì apposta per aiutarvi.

    generalmente preferisco consigliare il consultorio, piuttosto che il medico di base o direttamente un ginecologo ospedaliero, perchè non c'è il rischio di incontrare personale obiettore che vi farebbe solo perdere inutilmente tempo e soprattutto al consultorio in genere sanno dare le informazioni corrette e vi sanno indirizzare nei luoghi giusti.

    spero di esserti stata d'aiuto

    Fonte/i: ostetrica
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • orlow
    Lv 4
    3 anni fa

    prima di tutto ti faccio le mie condoglianze e immagino il tuo dolore perché anche io sono mamma e anche io ho perso 2 bimbi ma nella fase iniziale della gravidanza. questa cosa e successo a mia cognata lei ha perso il 3 bimbo al 5 mese di gestazione in keeping with lo steso motivo pero non si e accorta in keeping with quasi 2 settimane e ti dico che e stata una tragedia i dottori dicevano che non sanno il motivo in keeping with quale sie formato questo coagulo pero dopo questa perdita ha avuto un altro figlio sanissimo in pratica li hanno spiegato che questa cosa non vuole dire che se e capitata una volta ci sono possibilità che capiti una altra volta. il bambino dopo era molto sano adesso ha 4 ani. mi dispiace in keeping with te e davanti a questo fatto non ci sono parole il mo consiglio in keeping with stare in %. con te stesa e consultare un medico specialista che sapi il fatto capitato che ti segua e se sara bisogno di farti tutti i accertamenti necessari. lo so che e difficile ma nella vita bisognai andare avanti un passo alla volta . ancora tanti auguri e non perdere los angeles speranza

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    Eccone un altra.....scusa siete piccoli???e quando facevate l'amore nn eravate piccoli????vabbe che rispondo a fare sono parole sprecate...ognuno e' padrone del suo destino......

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Accertata la gravidanza si va al consultorio (se la ragazza è minorenne deve essere obbligatoriamente accompagnata da un genitore) dove un ginecologo non obiettore rilascerà il foglio da autorizzazione all'IVG (Interruzione Volonatria Gravidanza). Da questo momento all'intervento deve passare almeno una settimana. Poi le faranno fare gli esami del sangue, l'elettrocardiogramma e la visita anestesiologica in preospedalizzazione. Fatto ciò le daranno un appuntamento per presentarsi in ospedale per l'intervento di RCU (revisione cavità uterina), che consiste nell'aspirare via il bambino. In tutto l'intervento dura 20 minuti, l'anestesia è totale. Il ricovero è in Day Hospital, cioè entra la mattina e esce la sera (salvo rare complicazioni). Il decorso postoperatorio dal lato fisico è breve, le attività di vita quotidiana si riprendono dopo 2/3 giorni. Di solito è massacrante dal punto di vista psicologico.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 8 anni fa

    Ciao, la procedura è la seguente. Se siete minorenni serve il consenso dei genitori. Se la ragazza è maggiorenne deve presentarsi al consultorio o dal proprio medico e parlarne direttamente con lui. Al termine del colloquio, se la ragazza è ancora convinta, il medico rilascerà un certificato dove dice che la ragazza è in cinta e a che settimana di gestazione si trova. Poi il medico da x legge 7 giorni alla ragazza per pensarci su (prima dei quali non si puó intervenire). Se la ragazza decide comunque di abortire, passati i 7 giorni puó farlo sia in una struttura pubblica che privata. Tutto questo solo se non sono passati più di 90 giorni di gestazione dopo i quali la procedura diventa più complicata a partire dal fatto che l'interruzione, dopo i 90 giorni, puó avvenire solo x reale pericolo di vita x la ragazza (derivante dalla gravidanza). Spero di essere stata chiara...pensateci bene in ogni caso...ci sono tanti metodi alternativi (a partire dalla possibilità di partorire e di non riconoscere il bambino mantenendo l'anonimato. Verrà così affidato ai servizi sociali e potrà essere adottato da chi puó prendersene cura)

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    no comment....ti consiglio di non comprare mai piu i preservativi dai cinesini

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    punto 1: non è una decisione vostra ma dei vostri genitori per chè siete piccoli, ma abbastanza grandi per fare ca..zzate. dovete parlare con un genitore, andate dal ginecologo, farà un ecografia, vi darà una impegnativa, andrete in ospedale, vi daranno un appuntamento, dopo di che anestesia, 10 minuti, lei sarà fuori con una stanchezza addosso neanche immagini, dopo arriverà il senso di colpa, la depressione. e la vita quotidiana arriva subito dopo l'aborto. sempre se non avrà sensi di colpa ne nient'altro.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    devi andare in ospedale ostetrica ma prima dal tuo medico di base a spiegare perche lo fai quali sono le tue "gravi motivazioni" che ti fara una ricetta che poi presenti in ospedale e poi ti fanno fare esami del sangue piu test per anestesia ed ecografia ecc. e poi ti ricoverano in day hospital e in un giorno hai fatto tutto ,ma pensaci prima ciao

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    ???

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    --------

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.