Vegetariani e vegani..?

Ciao a tutti, ho sedici anni e l'anno scorso, per circa sei mesi, sono stata vegetariana. Ho dovuto riprendere a mangiare carne e pesce (e quindi allontanarmi dalle mie idee e dai miei principi) a causa delle "minacce" di mia madre e del mio medico che dicevano che in futuro avrei avuto dei problemi fisici con la carenza di carne. Dall'inizio del 2012 ho deciso di ritornare sui miei passi di vegetariana. Quali sono questi presunti problemi che si possono avere? Quali sono le idee o situazioni che vi hanno spinto ad essere vegetariani o vegani? Raccontatemi le vostre esperienze..! :)

10 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    che brava!

    sta volta che sia l'ultima, mi raccomando

    vegetariana per sempre

    nessun problema ovviamente, margherita hack è vegetariana dalla nascita e campionessa di atletica in passato, umberto veornesi consiglia la dieta vegetariana sin dall'infanzia:

    http://www.ok-salute.it/alimentazione-e-diete/11_a...

    http://www.sanitaincifre.it/2011/09/veronesi-promu...

    una delle più importanti associazioni scientifiche internazionali: l'American Dietetci Association la promuove come dieta salutare in ogni fase di età

    ecco i risultati: http://www.scienzavegetariana.it/BimbiVEG/schede_b...

    io lo sono diventata a 11 anni, verso i 14-15 son diventata vegana

    per non inficiare i vantaggi di una dieta a base vegetale non consumare troppi latticini che inibiscono anche l'assimilazione del ferro, mangia noci per gli omega3 e alme no 4 volte a settimana legumi, varia tutti gli altri gruppi alimentari: cereali, verdure, ortaggi, frutta....e starai bene

    -

    quanto al copincolla sotto (INTENDO LA RISPOSTA CHE ORA E' FINITA IN BASSO CHIUSA) è tipico di chi guarda in maniera cervellotica all'alimentazione e crede sia compito del consumatore farsi i disegnini nel mangiare facendo coincidere tutte le variabili

    è solo follia conclamata, il tutto si autoregola tranquillamente sfruttando semplicemente il buon senso, se non il caso,e tanti dottori son così abituati a guardare l'albero che non si accorgono della foresta

    infatti variando ciclicamente gli alimenti un giorno si ha un'associazione migliore per la tal sostanza ma peggiore per la talaltra sostanza e dopodomani ci sarà il contrario, insomma mangia come parli e basta

    vedrai al momento delle analisi che non vi è alcun problema, altrimenti la carne sarebbe la panacea di tutti i mali, invece che una consistente fonte di cancro, ipertensione, problemi cardiaci e tutte le cosiddette malattie dei benessere, gli stessi dottori la consigliano solo due volte a settimana e la dieta mediterranea è forte proprio perchè principlamente a base vegetale

  • 9 anni fa

    la mamma in realtà è "volpetta" e il medico è "diavolo RN"..non sono cattivi, ma cerca di non prenderli sul serio...

  • 9 anni fa

    ciao,sono vegan,sono stata per molto tempo vegetariana poi sono passata alla dieta vegan perchè mi sono accorta che molti animali vengono uccisi durante il ciclo di produzione di latte e uova e cosa ancora più importante non volevo più sfruttare gli animali in nessun modo.

    i miei genitori non hanno mai approvato,neanche i miei familiari.Il mio medico è sempre stato d'accordo con me,in questo sono stata fortunata

    Non ho avuto problemi di salute,non ho carenze,non sono anemica,il mio ciclo mestruale è regolare e non è scomparso .

    Non so cosa consigliarti,ho molti amici veg dalla nascita,i genitori a volte sembrano non capire,potresti cercare informazioni insieme a tua madre sulla dieta veg,con mia madre non funzionerebbe magari con la tua funziona

  • 9 anni fa

    Tua madre e il medico sono come gli animalari che dicono" ci sono alternative informati!!" Quali problemi fisici? Perchè? Non lo hai chiesto? Sei cosi arrendevole?

    Passi, dietrofront, bispensieri, neolingua. Stai solo decidendo di non mangiare più bistecche, non stai mica invertendo la corrente del golfo

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Io sono ormai vegana, anzi non solo vegana, perchè quello che mangio è ancor più ristretto.

    Ho fatto ciò proprio per salute e (sorpresa) è stato il mio medico ad appoggiare questa mia dieta! Lui però è onnivoro e non è un naturopata, è solamente informato ed altruista.

    Mia madre è quasi vegetariana ma ciò che mangia è sempre bio, mio padre invece è un comune onnivoro italiano. Mia sorella vuole mangiare come me.

    Dalla mia esperienza positiva (che mi ha migliorato di molto la salute e perciò non tornerò mai più indietro) vogliono seguirmi anche altre persone, amici, genitori di amici, conoscenti, colleghi di scuola e corsi. Nessuno mi ha mai dato contro verbalmente, proprio perchè sono la prova vivente dei risultati e perchè ho avuto anche l'approvazione del medico.

    Ciò che mi ha spinta a mangiar salutare (e dire vegana quindi mi sembra riduttivo) è stata una spinta di amor proprio verso la vita, dopo una delle tante (ed ultima) sbronza adolescenziale. In realtà il mio corpo era pieno di schifezze, non solo alcol, e non solo carne, ma anche una serie di snack che componevano l'80% della mia alimentazione, perchè la mia gola non resisteva. Oggi non mi sento repressa perchè il palato si è abituato e non mi viene l'acquolina in bocca nemmeno con un bel muffin gordo davanti.

    Ciò che oggi non mangio è: carne, latte, uova ed ovoprodotti, alcol, aceto, dolci (sia zucchero, che malto, che miele), sale (difficilissimo abituarsi), prodotti inscatolati, chewingum, fritti, prodotti che contengono conservanti ed altri additivi, pane bianco con strutto (quello normale), ghiaccioli, bibite, caffè, cioccolato, spezie, salse, e... medicinali, anche perchè non ne ho più bisogno. Sicuramente non prendo la pillola e nemmeno gli integratori.

    In pratica mangio: per la maggiorparte frutta e verdura cruda non mescolata insieme e proveniente dai dintorni, da parenti o dal nostro orto, frutta secca che purtroppo sto ancora studiando dove procurarmela in maniera affidabile, e per la minor parte invece pane di farro o al kamut o bianco ma all'olio, e cibi bolliti come pasta, riso, gnocchi di patate o di zucca, lenticchie, fagioli, ceci. Per condire uso talvolta l'olio.

    Però sono viva ed in piena salute, le analisi del sangue vanno benissimo, la mia salute è migliorata su vari fronti, e tutti sono felici e contenti.

    Il fatto è che, questa è un'alimentazione che appare drastica, e per questa ragione non vorrei che tu partissi di colpo ad eliminare quanto elencato. Ti ho scritto ciò non per farti diventare come me ma per darti una prova che se non sto male io, figurati tu che togli solo la carne. Conta però che io mangio equilibrato, in realtà senza prestare occhio e senza ossessioni, perchè è un'abitudine. Vario, e non mi concentro mai su un alimento solo od un tipo di alimenti a parte frutta e verdura crudi.

    Comunque, le varie carenze possono essere solo quelle dei componenti presenti nella carne in abbondanza, vale a dire ferro e proteine, ma sono due componenti che puoi assimilare con la dieta vegetaiana senza preoccupazioni e soprattutto senza integratori.

    Se mi mandi un'e-mail posso dirti anche quali benefici in particolare ho tratto e tutta la storia fin dall'inizio, cosa che qui non posso fare per ovvi motivi di spazio.

  • Anonimo
    9 anni fa

    il rischio è di essere afflitti da periodici deliri e manie di grandezza.

    non farlo, resta sana di mente!

  • Anonimo
    9 anni fa

    Problemi legati alla regolarità del ciclo, problemi legati alla scarsità di amminoacidi essenziali perchè per ottenerne lo stesso apporto giornaliero devi mangiare molto di più con relativi e conseguenti problemi di sovrappeso, scarso apporto di ferro!

    In sè, la dieta vegetariana non sarebbe un problema, ma dato che a tutti viene fame di carne o pesce (e questo dimostra senza ombra di dubbio che siamo onnivori!!) devi stare attenta all'eccessop di calorie che vai a ingerire!!

    Continua a mangiare la carne e il pesce:

    vivi meglio, ti godi la vita e non devi isolarti dal mondo delle persone normali!!

  • Anonimo
    9 anni fa

    tutti i veggetrariani MUOIONO denutriti per cui vedi di mangiarti un bel chilo di carne di vitellino ahahahahhaha

  • 9 anni fa

    perdita di massa muscolar,pressione sanguigna bassa,dolori di testa,"se sei veramente motivata a pensare che è sbagliato mangiare carne,ti consiglio di rispettare i tuoi principii.

    Fonte/i: penso che i 6 coglioni a cui non è piaciuta la mia risposta non abbiano niente a che fare...perchè non vi sparate?
  • 9 anni fa

    Difetti della dieta vegetariana:

    I classici problemi della dieta vegetariana riguardano la presunta carenza di ferro, vitamina B12, vitamina D, proteine e calcio (soltanto nel caso vengano eliminati dalla dieta anche latte e derivati). Se è vero che è possibile soddisfare i bisogni di questi nutrienti evitando il ricorso a prodotti animali non si può tenere conto di alcuni aspetti molto importanti:

    non tutte le persone possiedono approfondite conoscenze in campo alimentare e dietetico; in assenza di tali basi è molto facile cadere in errore, basta infatti discostarsi anche di poco dai modelli alimentari proposti (per esempio sostituendo il radicchio verde con quello rosso) per ridurre l'apporto di nutrienti al di sotto dei valori consigliati (in questo caso si genererebbe un importante deficit di ferro).

    La fibra alimentare, come abbiamo visto, è fondamentale per la nostra salute ma come tutte le cose è bene non eccedere con il suo consumo.

    Esagerare con l'apporto di fibra alimentare (tipico dei vegetariani) può essere infatti pericoloso.

    Troppa fibra apporta un eccesso di acido fitico, una sostanza che ostacola l'assorbimento di alcuni minerali - tra cui il calcio, il ferro e lo zinco - di cui la dieta vegetariana è già tendenzialmente povera. Occorre inoltre ricordare che la parte esterna del chicco, che viene normalmente asportata durante la raffinazione, è la più esposta alle sostanze chimiche utilizzate in agricoltura. Per questo motivo è bene accertarsi della provenienza dell'alimento integrale acquistato, onde evitare l'introduzione di sostanze dannose per il nostro organismo.

    Il FERRO presente negli alimenti è assorbito lentamente ed in misura ridotta (in media solo il 5-10% del ferro ingerito viene effettivamente assorbito). L'assorbimento di questo minerale dipende dalla forma in cui esso si trova nell'alimento, infatti il ferro emico è meglio assorbito di quello non-emico. Il ferro emico è presente negli alimenti di origine animale mentre il ferro non-emico si trova soprattutto nei vegetali. Più del 20% del ferro EME introdotto con la dieta viene assorbito a livello intestinale mentre meno del 5% del ferro non EME viene assimilato.

    L'assorbimento di ferro aumenta in presenza di vitamina C (punto a favore della dieta vegetariana) ma diminuisce se associato a fibre ed aumenta al diminuire del pH gastrico (punti a favore della dieta tradizionale onnivora).

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.