Anonimo
Anonimo ha chiesto in SaluteSalute - Altro · 9 anni fa

domanda imbarazzante..feci..?!?

allora..vi descrivo la mia situazione, parto col dire che sono da sempre stata stitica..cmq è da parecchio tempo che nelle feci ho trovato del sangue mischiato a muco...ultimamente c'è solo del muco..nn sono mai andata dal dottore xkè mi vergogno..secondo voi potrebbe essere un polipo? quali sono i sintomi? poi oltre tutto ciò sono anemica e da + di 1 anno nn mi vengono le mestruazioni.

Aggiornamento:

ho 18 anni. cmq nella mia famiglia ci sono stati casi di poliposi..tra cui mio zio che è morto

Aggiornamento 2:

con l'esame delle feci si potrà vedere se ho polipi o altre cose..?!?

11 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Vai al più presto da un medico, seriamente. Per te sarà vergognoso, ma per lui sicuramente sarà un caso con cui affronterà con professionalità e, conoscendo le possibili conseguenze di tale fenomeno lo considererà come una situazione di cui non aver assolutamente vergogna in quanto ci va di mezzo la salute.

    Io mi ero informato poco settimane fa a riguardo ed ho trovato utile un articolo che ti riporto:

    Cosa fare se compare sangue nelle feci

    ----------------------------------------------------------------- Corriere salute.> Il consiglio del grande medico < Un allarme rosso da verificare Cosa fare se compare sangue nelle feci Ho 45 anni e ogni tanto vedo sangue rosso vivo nelle feci. Il medico mi ha detto che e' dovuto alle emorroidi. Quali sono le altre possibili cause? Lettera firmata Quando si vede sangue nelle feci e' come se suonasse un campanello d' allarme. Bisogna subito verificare da dove viene e quale ne e' la causa. Il sangue rosso o rosato proviene, tranne casi eccezionali, dal grosso intestino, l' ultimo tratto del tubo digerente, che termina all' ano. Qui e' localizzata la fonte piu' frequente dei sanguinamenti, le emorroidi: da qui viene quasi sempre il sangue rosso vivo, che si vede sulla feci, che gocciola al termine della defecazione, che sporca la carta igienica. Il sangue emorroidario non si presenta da solo, ma dopo l' emissione delle feci; non e' misto a muco e non e' diluito. Cio' non significa che vedere del sangue rosso debba far tacere il campanello d' allarme, attribuendo alle emorroidi la causa del sanguinamento. Le emorroidi, infatti, sono la maschera piu' comune dietro cui puo' nascondersi un cancro del retto o del colon. Questo si forma in genere su un polipo, un fungo con un gambo e una testa, che e' piantato nello strato piu' interno dell' intestino. Il polipo nasce benigno, ma durante la crescita, che puo' durare oltre 5 anni, gruppi di cellule possono diventare maligne e moltiplicarsi cosi' da sostituire le cellule benigne e trasformare il polipo in cancro. Questi cambiamenti iniziano nella testa del fungo, ma presto si diffondono al gambo e poi alla base e al terreno di origine, la parete intestinale. Il tessuto maligno e' fragile; la sua superficie si rompe facilmente e sanguina; il sangue si versa nell' intestino e diventa visibile con le feci. Anche i polipi possono sanguinare, ma solo il 30 % lo fa, a differenza dei cancri, che sanguinano quasi tutti. Il sanguinamento porta dal medico, che consiglia la coloscopia, esame visivo del retto e del colon, eseguito introducendo dall' ano una sonda morbida e flessibile che ha in punta una telecamera. Si vedra' cosi' da quale parte viene il sangue e quale ne e' la causa. Se si trattera' di un polipo, questo potra' essere asportato dalla sonda stessa (polipectomia endoscopica), stringendo un cappio metallito attorno al gambo (peduncolo) del polipo e facendovi passare una corrente elettrica per evitare che vi siano sanguinamenti. Quando i polipi sono molto grossi si fanno dei veri interventi chirurgici all' interno dell' intestino, senza aprire l' addome. Nel caso di un cancro, invece, la sonda ne prendera' dei frammenti (biopsie) per l' esame istologico, necessaria conferma della diagnosi prima dell' intervento. Ma bisogna attendere un sanguinamento per iniziare le indagini? Se si son superati i 50 anni e in famiglia, fra i parenti prossimi, vi sono casi di polipi o di cancro del colon o del retto, un esame coloscopico e' pienamente giustificato. Vi sono programmi di screening (ricerca di cancri in soggetti che non hanno sintomi) che utilizzano la coloscopia negli individui che siano considerati a rischio di ammalare di cancro. Per trovare i soggetti a rischio vi saranno nei prossimi anni dei test biologici; questi potranno anche evitare la coloscopia a chi e' a basso rischio di ammalare di cancro. D' altronde in un futuro prossimo si potra' forse utilizzare su larga scala la coloscopia virtuale, che si fara' senza introdurre sonde nell' intestino.

    di Spinelli Pasquale

  • 9 anni fa

    Potrebbe trattarsi di una ragade anale, una piccola feritina del plesso anale che si verifica a causa del passaggio di feci particolarmente dure e voluminose, può dare dolore anche intenso durante e dopo la defecazione e piccole perdite ematiche, Solitamente per la ragade viene utilizzata una pomata per uso rettale chiamata Antrolin, Molto più probabile che il disturbo sia causato da emorroidi (disturbo del resto molto comune). Questo problema solitamente si tiene sotto controllo con un regime alimentare corretto, quindi con una alimentazione ricca di fibra, minimo un litro e mezzo di acqua al giorno, evitando accuratamente gli alcolici dato che sono vaso-dilatatori (e le emorroidi altro non sono che vene dilatate del plesso anale), regolare attività fisica. Vanno bene i semi di psyllio, un ottimo lassativo naturale che non irrita e non dà assuefazione (due cucchiai da brodo in mezzo litro di acqua tiepida una volta al dì), sono dei semini che una volta nell'apparato digerente, a contatto con l'acqua si gonfiano formando una massa gelatinosa che facilita enormemente l'evacuazione. Ok anche per l'ippocastano che possiede le note proprietà vaso-protettrici (si prende in tisane sia in gocce che in capsule). Tieni altresì presente che per questo disturbo i medici consigliano di non stare troppo seduti dato che ciò provoca come un ristagno ematico nella zona e le emorroidi all'atto pratico è un difetto della micro-circolazione di sangue che ristagna nel plesso anale e quindi non risale al cuore. Tieni altresì presente che le emorroidi sono un problema serio, nel senso che sono come una "cambiale", prima o dopo vanno affrontate chirurgicamente. Mi spiego meglio, questa è una patologia per cui le cure sono soltanto palliative nel senso che servono a sminuire le crisi acute di fastidio ed eventuale sanguinamento ma queste cure non guariscono definitivamente il problema che con il passare degli anni tende a peggiorare sempre di più fino a quando non arriva il prolasso (se poi uno segue anche un regime alimentare sbagliato, per esempio molti fritti, insaccati, abuso di alcol niente frutta e verdura allora il peggioramento è molto più rapido). Tieni altresì presente che oggi la chirurgia per questo tipo di disturbo, (il cui specialista di riferimento è il proctologo), ha fatto notevoli progressi ed oggi le emorroidi vengono tolte ambulatoriamente. Ad ogni modo per le crisi acute di dolore ed eventuale sanguinamento ci sono in farmacia molti prodotti topici (creme) Ruscoroid, preparazione H e proctosedly (quest'ultima unisce all'analgesico anche il cortisone). Non applicare assolutamente creme come cicatrene o fitostimoline che sono unicamente per uso esterno e non rettale. Ci sono anche farmaci in pasticche che hanno effetto vaso-protettore (da prendere quindi nei casi di debolezza venosa), come per esempio Daflon e Alvenex, utilissimi in caso di emorroidi in stato avanzato. Sul fatto della poliposi questo purtroppo che un disturbo che presenta una notevole ereditarietà per cui ti consiglio controlli regolari. per vedere eventualmente la presenza di polipi la diagnosi migliore la colonscopia effettuata almeno ogni due anni. Ad ogni modo tieni presente che quella virtuale, oggi, è molto meno invasiva e quindi più sopportabile per il paziente di quella tradizionale.

    /-/-/-/-/

    /-/-/-/-/

  • guyk
    Lv 4
    4 anni fa

    Puoi risolvere il problema delle emorroidi grazie a questa semplice cura http://emorroidistop.netint.info/?3Vc6

    Le emorroidi sono un disturbo molto comune e diffuso, che sempre più spesso provoca vergogna e paura, ma anche forti dolori fisici che possono spingere il paziente a scegliere un trattamento chirurgico per porre fine al dolore.

  • Kika
    Lv 7
    9 anni fa

    Per le mestruazioni devi rivolgerti alla ginecologa. Non so quanti anni tu abbia. Pensare ad un polipo è un po' troppo. Capita spesso a noi donne di essere stitiche. In farmacia trovi "Lactomannan". Provalo è un integratore che aiuta ad idratare le feci. Non avrai niente di che e comunque non devi temere di parlare di questo al tuo medico curante o a tua madre che ne parli per te. Il sanguinamento può essere causato da una piccola emorroide. L'esame delle feci valuta se il sangue insieme alle feci è fresco (quindi causato da una lesioncina) oppure se arriva dall'intestino...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    dimentica la vergona e va dal dottore. ti farà fare degli analisi. VA DAL DOTTORE.

  • 9 anni fa

    E non sei mai andata da un medico? Prendi subito appuntamento anche le cose piu' serie possono essere risolte se prese in tempo!! Non aspettare, non c' e' nulla da vergognarsi!!!!

  • Anonimo
    9 anni fa

    Ti consiglierei di andare urgentemente dal medico D:

  • 9 anni fa

    ..forse è meglio se ti fai visitare.

    I motivi possono essere molti,non è detto che siano cose serie,ma..da fare avere i dubbi e stare male?

    Fatti vedere così ti tranquillizzi.

  • Anonimo
    9 anni fa

    e di cosa ti vergogni?

    Parlane al tuo medico, e non aspettare oltre.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Controlla bene il tubo di scappamento, può esserci qualche perdita!

  • Anonimo
    9 anni fa

    Caspita, certo che stai messa bene! o.o

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.