Perché esporre, baciare e venerare il crocefisso...se è solo un pezzo di legno?

La bibbia condanna i fabbricanti di idoli di legno e ferro ed anche chi li adora....è per questo che il crocefisso del Papa è d'oro?

9I fabbricanti di idoli sono tutti vanità e le loro opere preziose non giovano a nulla; ma i loro devoti non vedono né capiscono affatto e perciò saranno coperti di vergogna. 10Chi fabbrica un dio e fonde un idolo senza cercarne un vantaggio? 11Ecco, tutti i suoi seguaci saranno svergognati; gli stessi artefici non sono che uomini. Si radunino pure e si presentino tutti; insieme saranno spaventati e confusi.

12Il fabbro lavora il ferro di una scure, lo elabora sulle braci e gli dà forma con martelli, lo rifinisce con braccio vigoroso; soffre persino la fame, la forza gli viene meno, non beve acqua ed è spossato. 13Il falegname stende la corda, disegna l'immagine con lo stilo; la lavora con scalpelli, misura con il compasso, riproducendo una forma umana, una bella figura d'uomo da mettere in un tempio. 14Egli si taglia cedri, prende un cipresso o una quercia che aveva fatto crescere robusta nella selva; pianta un alloro che la pioggia farà crescere.

15L'uomo ha tutto ciò per bruciare; ne prende una parte e si riscalda o anche accende il forno per cuocervi il pane o ne fa persino un dio e lo adora, ne forma una statua e la venera. 16Una parte la brucia al fuoco, sull'altra arrostisce la carne, poi mangia l'arrosto e si sazia. Ugualmente si scalda e dice: «Mi riscaldo; mi godo il fuoco». 17Con il resto fa un dio, il suo idolo; lo venera, lo adora e lo prega: «Salvami, perché sei il mio dio!».

18Non sanno né comprendono; una patina impedisce ai loro occhi di vedere e al loro cuore di capire. 19Nessuno riflette, nessuno ha scienza e intelligenza per dire: «Ho bruciato nel fuoco una parte, sulle sue braci ho cotto persino il pane e arrostito la carne che ho mangiato; col residuo farò un idolo abominevole? Mi prostrerò dinanzi a un pezzo di legno?». 20Si pasce di cenere, ha un cuore illuso che lo travia; egli non sa liberarsene e dire: «Ciò che tengo in mano non è forse falso?». (Isaia 44)

Aggiornamento:

@ Erchemperto...

...vedo che ti arrampichi sugli specchi eh? :)

Tu che "PARA" sei?

12 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    A quanto sembra, molti cristiani non conoscono la Bibbia, o almeno si dimenticano alcune parti.

    Forse sono a corto di argomenti...rinfreschiamogli la memoria:

    "Non ti farai scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù sulla terra o nelle acque sotto la terra. Non ti prostrerai davanti a loro e non le servirai, perché io, l'Eterno, il tuo DIO, sono un Dio geloso che punisce l'iniquità dei padri sui figli fino alla terza e alla quarta generazione di quelli che mi odiano e uso benignità a migliaia, a quelli che mi amano e osservano i miei comandamenti" (Esodo 20:4-6).

    Mi sembra chiaro: farsi immagini di dio è espressamente vietato dalla Bibbia: si pecca di idolatria.

    Peccare di idolatria significa:

    - farsi immagini fisiche di dio (ritratti, statue e quant'altro) e prostrarsi dinnanzi ad esse;

    - farsi una propria immagine di dio. Un idolatra è ad esempio uno che si fa una sua immagine mentale di dio, che magari non corrisponde a quella descritta nella Bibbia.

    Quindi, dire ad esempio che:

    "Tutto ciò che rimanda a Dio invece permette di rivolgere la propria adorazione a Dio, ma non è Dio" 

    è rischioso: in questa frase, il suo autore sta esponendo una sua idea di dio. E non è assolutamente detto che la sua idea sia consona alle sacre scritture. Al suo posto, io ci starei attento, se dovessi attenermi alla definizione di "idolatria" della Bibbia.

     

    Parliamo brevemente del Crocifisso.

    Ricordiamo in primis a tutti gli italianisti falliti che "crocifisso" o "crocefisso" sono equivalenti:

    ambedue le forme vanno bene. Basti vedere Palmiro Premoli (Vocabolario Nomenclatore, Milano 1909-12): "Crocifisso, participio di crocifiggere: appeso ai chiodi, confitto, crocefisso; disteso, inchiodato in croce. Sostantiv., l'effigie di Cristo"; e il Vocabolario Treccani: "Crocifisso (o Crocefisso, ant. Crucifisso)".

    Lo dice l'Accademia della Crusca. 

    Prima di correggere il prossimo, che si informassero meglio, questi "professoroni".

    Veniamo alla sua simbologia:

    Il crocifisso ha nel cristianesimo un significato soteriologico, ossia simboleggia il valore della redenzione operata da Cristo, in parole povere.

    La crocefissione rappresenta il simbolo per antonomasia della religione cristiana, al punto che u cristiani, come è noto, pregano facendo il segno della croce.

    Esiste una vastissima bibliografia a riguardo, e nessuno ha dubbi sull'importanza di questo simbolo tra i cristiani.

    Ora, io non so se il loro dio si trovi effettivamente in quel simbolo ma se fossi al posto del mio amico Erche, ci andrei cauto nel dare mie interpretazioni: non si sa mai come dio potrebbe prenderla, visto che lui stesso asserisce di essere geloso e mi pare anche un poco permaloso.

    Ciao.

  • 9 anni fa

    Quando si supera l'esposizione al cristianesimo si notano tutti i buchi lasciati e si capisce quale menzogna è stata sopportata per centinaia di anni dall'umanità.

    Prima se non credevi a questo di torturavano fino alla morte, oppure ti davano fuoco senza un minimo motivo..

  • 9 anni fa

    Perché della spiritualità ad alcuni interessa il possibile significato, ad altri solamente le possibili rappresentazioni simboliche materiali.

    Se il concetto stesso di spiritualità è da intendersi qualcosa di più di una semplice fantasia illusoria, non si può escludere che i simboli materiali possano essere un ponte tra ciò che trascende la materia e la materia stessa, ma fermarsi ad adorare gli stessi, dubito che conduca dall'altra parte dell'ideale ponte.

    Un po' come se uno si fermasse sotto un cartello che indica la via per una determinata località, difficilmente la raggiungerà stando sempre fermo li sotto ad osservarlo.

  • E poi parlano di condannare "l'idolatria pagana"? Baciare il crocifisso è una delle peggiori forme di idolatria. E poi, che bella immagine, baciare un uomo morto e sanguinante sulla croce...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Perchè vorrebbero avere Dio nel cuore, ma il loro cuore è di legno. Quindi hanno bisogno di una statua.

  • ?
    Lv 7
    9 anni fa

    Hai mai notato nei cimiteri quante persone baciano la fotografia del proprio congiunto?

    A che pro?

    Una sola parola: IDOLATRIA.

    Nella prima situazione verso il presunto dio, nella seconda verso un comune mortale.

    *************

    Firmì! Volevi forse dire "PARAC..O" nel senso di paracadutO (munito di paracadute) vista l'ardua arrampicata.....

  • Anonimo
    9 anni fa

    Fabbricare e esporre una statua che sia di legno, marmo, ferro o d'oro secondo me non c'è nulla di male, abbiamo molte opere d'arte sacre che sono dei capolavori dell'arte. Già in passato c'è stato un Savonarola che si è preso la libertà di distruggere tante belle opere. Meglio non ripetere il ridicolo errore del passato.

    Adorare e baciare una statua, secondo me è sbagliato, ma ognuno è libero di credere in quello che vuole. Poco m'importa.

  • Anonimo
    9 anni fa

    1) Si dice "Crocifisso".

    2) Sono degli ipocriti, ma a te che frega? Vivi e lascia vivere.

  • Anonimo
    9 anni fa

    A mio parere ciò che il cristianesimo dovrebbe rappresentare è il puro sentimento di speranza verso se stessi ed il prossimo,tuttavia in molti dimenticano questa lezione da ambo le parti,chi venerando idoli ed oggetti e chi denigrando tutti i credenti.Tanti cristiani comprano il pane benedetto,l'acqua benedetta la fotografia di questo e di quel santo dimenticando di dover rendere conto solo a dio e non a figure che facciano da intermediari.D'altro canto molti atei denigrano solo i cristiani "più rappresentativi e noti" dimenticando che in realtà la bontà è difficile da vedere ed essa appartiene agli invisibili, cioè a quei preti che nelle periferie del sud si occupano di combattere la malavita risollevando il morale dei giovani, cioè di quei volontari che sacrificano se stessi ed anni di studio per la felicità altrui, ecco lo ammetto io non sono queste persone e probabilmente molti di voi non lo saranno, sarebbe dunque più utile interpretare il cristianesimo come messaggio di speranza che può risollevare l'animo nei momenti di sconforto attraverso un pensiero rivolto a queste persone, piuttosto che continuare a farsi la guerra tra italiani, europei e abitanti del mondo tra questioni di iconoclastia di miracoli di verità ed incertezze tra scienza fede.Detto questo vivete la vita come più vi aggrada ricordando che una buona azione non si fa ne per Dio ne per il paradiso ma solo per gli altri e per voi stessi.

  • 4 anni fa

    l. a. croce non è solo lo strumento con cui Gesù è stato ucciso ma anche il simbolo della nostra salvezza:pregare il Signore davanti alla croce significa ringraziarlo in keeping with il Suo sacrificio,in keeping with l. a. salvezza che ci ha donato senza che ce l. a. meritassimo io indosso una crocetta benedetta ma non perchè ritengo sia un amuleto (io non ci credo negli amuleti) ma perchè è un modo in keeping with chiedere a Dio di protegermi e l. a. protezione viene appunto da Dio,non dall'oggetto in se (altrimenti sarebbe un amuleto) vorrei sottolineare che noi cristiani abbiamo un atteggiamento ambivalente verso l. a. croce: da una parte siamo inorriditi dal fatto che in keeping with colpa nostra il Signore abbia dovuto morire con quell'arnese ma dall'altra parte siamo estremamente riconoscenti alla croce perchè su di lei il Signore ha potuto espiare le nostre colpe e darci l. a. possibilità del paradiso l. a. croce è venerata,non adorata perchè l. a. croce è solo uno strumento di Dio e non Dio stesso ciao

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.