mi parlate di minosse?

non il mito su arianna e teseo ma solo di minosse! per favore in modo semplice

5 risposte

Classificazione
  • Brown
    Lv 5
    8 anni fa
    Migliore risposta

    MINOSSE

    Figlio di Zeus e Europa è il re di Creta, fratello di Radamanto e padre di Arianna. Fu un saggio legislatore, anche perché come consigliere aveva nientemeno che Zeus. Avendo ricevuto da Poseidone un bellissimo toro da sacrificare, decise di tenerselo scatenando le ire del Dio che fece in modo che dall'unione tra l'animale e la sposa di Minosse, Pasifae, nascesse il famoso Minotauro, un mostro col corpo umano e la testa di toro. Minosse rinchiuse la bestia nel labirinto e la nutriva con carne umana. In seguito alla vittoria riportata dai cretesi contro Atene, fu imposto alla città di sacrificare, ogni nove anni, 7 fanciulle e 7 fanciulli per saziare la fame del Minotauro.

    Minosse ha il compito, con Eaco e Radamanto, di giudicare i morti prima che compaiano al cospetto di Ade. Le caratterizzazioni mostruose e diaboliche del personaggio non appartengono all'epoca greca ma a rivisitazioni successive. Stando a Dante, quando Minosse morì e scese negli Inferi, la fama di uomo esperto di legge gli permise di ottenere l'incarico di giudicare i morti, coadiuvato da Eaco e dallo stesso Radamanto. Nell'Inferno dantesco Minosse è un diavolo che ruota la lunga coda in tanti giri quanti sono i livelli che il dannato dovrà scendere per scontare la pena.

    Ho scritto poco, ma tutto

    Fonte/i: Me
  • 8 anni fa

    Minose era il re di Creta. Era famoso per molte ragioni, come quella di essere un famoso e giusto re, imparziale nei giudizi e nelle sentenze (vedi Dante di cui parlerò in seguito) e soprattutto per la storia del Minotauro. Per ingraziarsi il dio dei mari Poseidone, egli pregò che il dio gli inviasse un animale da sacrificargli. Il dio gli inviò un toro, bello come non se ne eran mai visti. Proprio per tale bellezza il re rifiutò di sacrificarlo, incorrendo nell'ira del dio che fece innamorare la moglie del re Pasifae del toro. I due si unirono carnalmente e da tale unione nacque il minotauro. Per rinchiudere questi, il re fece costruire un labirinto e affidò la commissione a Dedalo (credo che tu conosca la sua storia e quella del figlio Icaro). Al Minotauro erano destinati in sacrificio sette fanciulli e sette fanciulle all'anno. Il Minotauro fu sconfitto da Teseo.

    Nei tre principali poemi mitico epici in cui si parla di lui (Odissea, Eneide e Divina Commedia) minosse è descritto come giusto giudice degli inferi: in Dante, che è l'unico dei tre episodi che ricordo bene, egli quando l'anima gli si presentava davanti, la giudicava e ne vedeva le colpe. A seconda delle sue colpe appunto decideva in che cerchio dovesse andare e ne esponeva la sentenza cingendosi la propria coda attorno a se stesso tante volte quanti erano i gironi che il dannato doveva scendere.

    Spero di esserti stato utile...

    ciao

    Fonte/i: conosco bene Dante e sprattutto mi pacciono i miti antichi...
  • Anonimo
    8 anni fa

    wikipedia

  • Anonimo
    8 anni fa

    Si racconta che, in seguito alla morte del re Asterione, padre adottivo di Minosse, egli costruì un altare a Poseidone in riva al mare, per dimostrare il suo diritto alla successione al trono. Minosse pregò Poseidone di inviargli un toro per il sacrificio ed il dio lo esaudì. Ma Minosse non sacrificò l'animale, poiché era molto bello. Poseidone, adirato, fece innamorare del toro Pasifae, la moglie di Minosse. Da questa unione nacque il Minotauro, mezzo uomo e mezzo toro. Minosse incaricò dunque Dedalo di costruire un labirinto in cui nascondere il mostro.

    Minosse ebbe 8 figli da Pasifae: Catreo, Deucalione, Glauco, Androgeo, Acalla, Senodice, Arianna, Fedra. Ebbe inoltre Eussantio da Dessitea, mentre dalla ninfa Paria ebbe Filolao, Crise, Eurimedonte e Nefalione.

    Il regno di Minosse fu caratterizzato da ampi scontri con i popoli vicini, che egli riuscì ad assoggettare.

    Combatté anche contro Niso, re di Megara, che aveva un capello d'oro a cui era legata la sorte della sua vita e della sua potenza. La figlia di Niso, Scilla, si innamorò al primo istante di Minosse e non indugiò ad introdursi nottetempo nella camera del padre per tagliargli il capello d'oro. Andò in seguito da Minosse offrendogli le chiavi di Megara e chiedendogli di sposarla. Minosse conquistò Megara ma rifiutò di portare con sé a Creta la parricida che, presa dallo sconforto, si gettò in mare ed annegò.

    Minosse attaccò anche Atene, in seguito all'assassinio del figlio Androgeo causato dal re Egeo. Sconfitti gli ateniesi, Minosse chiese ad essi in tributo la consegna ogni anno di sette fanciulli e sette fanciulle, che venivano date in pasto al Minotauro. Tale sacrificio cessò solo grazie all'intervento di Teseo, che con l'aiuto di Arianna, riuscì ad uccidere il Minotauro.

    Secondo il mito Minosse fu ucciso in una vasca da bagno in Sicilia mentre era ospite nella rocca del re sicano Cocalo.[1] Il racconto è stato ripreso da Diodoro Siculo nella Biblioteca storica che narra come la sua leggendaria tomba si trovasse al di sotto di un tempio di Afrodite e come Terone di Akragas avesse occupato quest'area sacra con il proposito ufficiale di vendicare l’uccisione del re cretese.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ?!?
    Lv 7
    8 anni fa
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.