Ho il focolaio, sono un po' preoccupato?

Ragazzi, vi spiegherò brevemente. Ho fatto una lastra e risulta un focolaio, sò che ci vuole la penicillina se non mi sbaglio, ma è solo in punture? Per guarire ci vogliono solo le punture?

5 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    ma intendi ai polmoni?

    Se si, si tratta più comunemente di polmonite.

    Servono degli antibiotici, puoi farli sia via iniezini, sia prenderli via pasticche.

    Sicuramente facendo vedere le lastre al tuo medico, o anche meglio a un pneumologo sapranno cosa e come dartelo. Cambia da caso a caso, quindi non posso dirti un modo generico di risolvere la cosa.

    Fonte/i: Ne sto guarendo ora.
  • 6 anni fa

    In effetti è un termine che fa particolarmente paura, ma cercando si capisce che non si tratta che di una infiammazione e come tale può essere più o meno acuta. Ho letto questo articolo che ti consiglio http://goo.gl/4qoFhT spiega nel dettaglio cos’è un focolaio, quando compare e come si cura!

    Ciao!

  • 9 anni fa

    Il "focolaio" indica che hai una Broncopolmonite, la cura antibiotica è indispensabile , non servono le iniezioni ma bastano solamente le compresse o anche sciroppo o bustine, di antibiotici ce ne sono in un'infinità di forme. Fai scrupolosamente la cura prescritta che è meglio non sottovalutare la cosa. Durante la cura non fare sforzi, stai a riposo se puoi, e fatti seguire da un bravo e scrupoloso medico.

    Fonte/i: op sanitario
  • sì fai le iniezioni guarirai piu in fretta!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Amanda
    Lv 5
    9 anni fa

    Io son laureata in Lettere e posso dirti che hai sbagliato a mettere l'accento

    sulla prima persona singolare del presente indicativo del verbo sapere.

    Per quel che concerne la medicina, non son molto affidabile, quindi la mia

    te la dico lo stesso, perché per cultura personale ho qualche nozione in merito,

    ma potrei dirti pure delle stupidaggini (magari stampa il mio consiglio e fallo

    vedere a chi ne sa più di me, per esempio a un buon medico).

    Non è detto che un antibiotico iniettabile sia più efficace di uno assunto per

    bocca. Non è detto nemmeno che la terapia che ti daranno funzioni, a meno che

    tu non faccia subito un esame dell'espettorato. Il medico, a meno che non sia

    anche un mago, non può sapere solamente da una radiografia da che batteri

    è cagionato il focolaio ai polmoni, quindi una terapia antibiotica eseguita senza

    l'antibiogramma di un esame dell'espettorato è solo un tentativo di cura.

    D'altra parte pur facendo immantinente questo esame, prima di ottenere il responso

    passerebbero comunque diversi giorni, e la terapia va iniziata il prima possibile.

    Il mio parere personale - molto discutibile - è di farti prescrivere subito un esame

    dell'espettorato, e una terapia antibiotica da iniziare a praticare dopo aver preso il

    campione da consegnare al laboratorio, per evitare d'inficiare l'esito dell'esame.

    Se hai paura delle inizioni come terapia antibiotica puoi farti prescrivere il Cedax

    400 da associare al Klacid 500 - quest'ultimo è sostituibile con la claritromicina

    generica - , perché assumendo un antibiotico che agisce fuori dalle cellule unitamente

    a un altro che entra in funzione all'interno di esse lo spettro d'azione è molto ampio.

    Per quel che ne so io i test clinici non dimostrano differenze di efficacia tra il

    ceftibuten (principio attivo del Cedax), che si assume per os (ovvero per bocca)

    e il ceftriaxone (principio attivo del Rocefin), che si assume per via parenterale

    (ovvero mediante iniezioni).

    Buona guarigione.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.