Mike ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 8 anni fa

cos' è la stagionatura del legno ?

2 risposte

Classificazione
  • Liù
    Lv 7
    8 anni fa
    Migliore risposta

    Ciao!!

    Il legno è un materiale che di per sè contiene al suo interno una certa quantità di umidità. Una volta che la pianta viene tagliata e il suo tronco è stato trasformato in tavole, queste tavole tendono a perdere il contenuto in umidità fino a raggiungere un equilibrio con la quantità di umidità presente nell'ambiente in cui si trova. Il legno, è iinfatti un materiale igroscopico con un'elevta capacità di legare a sè delle molecole di acqua sotto forma di vapore presente nell'ambiente. Il processo di perdita di acqua è la stagionatura o essiccazione. In pratica, grazie proprio all'igroscopicità del legno, il processo di essiccazione altro non è che l'insieme di 2 fasi: la prima è relativa alla perdita di acqua libera che circola nelle cellule legnose e la seconda è il riassetto dell'equilibrio tra l'acqua che si lega alle pareti cellulari esterne e la quantità di umidità presente nell'ambiente circostante.

    Fonte/i: Laurea in scienze forestali
  • Danito
    Lv 5
    8 anni fa

    Il legno nell'albero contiene una quantità di acqua che in taluni casi puo' arrivare al 75% del suo peso umido. Dopo il taglio e la riduzione in tavole, esso perde gradatamente la sua umidità iniziale fino a equilibrarla con quella dell'ambiente in cui viene a trovarsi permanentemente. Durante questo processo di essicazione il legno subisce notevoli variazioni di volume per cui è impossibile usarlo come materiale da lavoro prima della sua adeguata stagionatura. L'essicazione del legno è la somma di due fenomeni: la prima, la circolazione dell'acqua al suo interno fino a equilibrarsi in tutte le sue fibre; la seconda, l'evaporazione dell'acqua influenzata dai fattori ambientali. L'essicamento all'aria aperta dei legnami è la pratica piu' semplice e piu' antica, essa consiste nell'esporre all'aria libera, riparato dalla pioggia e dal sole, il legno fino al raggiungimento di quel tasso di umidità per cui risulta in equilibrio medio con l'ambiente circostante. Il buon esito di questa pratica dipende: dalla cura con cui viene accatastato il tavolame, dalla disposizione delle cataste nel deposito e dal terreno sul quale queste vengono erette. Oggigiorno esistono particolari forni per accelerare la stagionatura in qualunque periodo dell'anno, però presentano qualche inconveniente: una eventuale leggera modifica nel colore e il pericolo di rovinare una forte quantità di pezzi per errori di condotta del processo di essicamento.

    guarda questo link ... è qualcosa di assolutamente perfetto!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.