Piccola riflessione...rapporto genitori-figli?

Ciao a tutti! Come state ragazzi?:)

La mia domanda nasce da un discussione (l’ennesima) avuta di recente con mia madre… in pratica lei (così come mio padre), non accetta il mio “aspetto esteriore”….mi spiego meglio: ho i capelli corti con un po’ di ciuffo/cresta, quando esco la sera spesso preferisco mettermi converse e felpe e solo un filissimo di trucco. In pratica una ragazza normale che ha uno stile un po più mascolino rispetto alla maggior parte delle ragazze…ma comunque nessun eccesso…

Il punto è che mia madre, che è una persona ordinata, precisa con una mentalità abbastanza chiusa, non sopporta il fatto che io non rappresenti quello che per la società di oggi è lo stereotipo della ragazza femminile…e non facciamo altro che litigare per questo: continua a dirmi che non le piace come ho i capelli, gli orecchini che porto e il fatto che mi metto le felpe anche quando esco la sera, quando potrei mettermi qualcosa di piu carino…ecc ecc.

Ho cercato di spiegarle in tutti i modi che semplicemente io ho gusti diversi dai suoi, che non può pretendere che a me piacciano gli stessi vestiti e lo stesso taglio di capelli che piacciono a lei ad esempio…ma lei è come un muro!

La cosa che mi fa rabbia è che io sono una persona tranquillissima, sempre allegra, non le ho dato mai problemi, non bevo, non fumo (non che questi siano cose gravi, per carità!), non faccio cazzate e quindi mi chiedo perché non ringrazia il cielo che io sia una persona tranquilla e soprattutto che sto bene con me stessa invece di stare a concentrarsi/lamentarsi sul mio aspetto esteriore?! cos’è più importane?che io sia una persona che sta bene con se stessa, felice, educata ecc. oppure come mi vesto?! Credo che in primis è colpa della società che impone certi stereotipi e poi di mia madre che non ha un apertura mentale sufficiente ad ignorarli e capire che non è importante come uno si veste ma quel che è dentro!

Insomma da 21 anni tenta costantemente di plasmarmi a suo piacimento, non tiene in considerazione i miei gusti…anche a voi è capitato che i vostri genitori si siano comportati così con voi? Come avete reagito?

Ps. Che poi mi chiedo: se per una questione cosi banale come il mio modo di vestirmi lei si incaz.za così tanto, come mai potrebbe sopportare l’idea che a me piacciano le ragazze?!? Ma questo è un altro discorso….-_-

Scusate per lo sfogo…

Aggiornamento:

@Mio chan!!! Woooowwww rasati e cresta rossa!*-* Stima! Infatti non possiamo essere tutti uguali...non faccio che ripeterle che il mondo è bello perché è vario! me è proprio de coccio! ù.ù

grazie del consiglio comunque!:)

Aggiornamento 2:

@fede Hai detto bene, i genitori non sono sempre così male come li giudichiamo noi, dopotutto fanno quel che fanno e dicono quel che dicono per il nostro bene, anche se a volte purtroppo il nostro bene non è quello che pensano loro…e cmq è vero, sappiamo entrambe che potrei valorizzarmi mettendo qualcosa di piu carino…è che proprio non ho voglia, solo in eventi particolari preferisco conciarmi meglio…ho notato che questo, forse, è dovuto anche al fatto che pure le mie amiche quando usciamo usano molto piu semplicemente felpe e jeans... probabilmente se invece si vestissero “più carine” lo farei anch’io per non sentirmi da meno…grazie per i consigli!:)

@Mandragora: Il discorso fila, anche perché mia madre sta attraversando la classica crisi di mezza età…quasi sia potrebbe pensare “e non ti vesti decentemente e valorizzi te stessa ora che puoi?!?!?!” per non parlare poi del fatto che in paesini piccoli di provincia non si fa altro che essere supersensibili ai giudizi della gente… cmq q

Aggiornamento 3:

cmq questa situazione fortunatamente non è così assurda, voglio dire, si, litighiamo ma non a tal punto che sia insostenibile, quindi mi sa che del sostegno esterno ne avrò bisogno quando scoprirà che sono lella!ahahahaaha ;) Grazie!

@Shade: “mi metteva addosso dei vestiti orribili, veramente roba da bambola, fiocchettini e quant altro” oddio come mi ci rivedo!quando intorno ai 9-10 anni inizia ad essere un po’ più consapevole di quello che indossavo e soprattutto di quello che indossavano le altre ragazzine, mi iniziai a vergognare tantissimo…ricordo con terrore i cerchietti per i capelli (li odiavo a morte!!!), i maglioni a collo alto e le camicie con il collo di merletto!mamma se ci penso… comunque concordo su tutto quello che hai detto, temo che le nostre madri andrebbero d’amore e d’accordo!-_-“

Grazie del sostegno:)

Aggiornamento 4:

@Davide Giovanni: Caspita mi dispiace molto della tua situazione…deve essere un infermo, cmq non smettere mai di credere che le cose cambieranno, che riuscirai a studiare quel che davvero t’interessa altrimenti è la fine…;)

non sapevo della petizione, l ho appena firmata!speriamo vada in porto! Grazie:)

@Death_Boy: sono consapevole del fatto che sono molto fortunata, non volevo urtare la sensibilità di nessuno…mi dispiace se l’ho fatto e mi dispiace soprattutto della tua situazione…

Aggiornamento 5:

@-Ice- allora siamo in due, vinceremo questa guerra!;)

@Federica: grazie della risposta ci sono degli ottimi spunti, gli utilizzerò durante le prossime litigate:)

@ascilto: Eh infatti, quelle poche volte che vesto più decendemente uso proprio le camice e i maglioncini, ed effettivamente io adoro le camice…*-* e solo che in questo periodo sono proprio per le felpe…appena passa questo periodo di fissa cercherò di usare le camicie…:)

Ps ho visto il catalogo di belmonte, proprio belle certe camicie, ci farò un salto sicuramente!grazie per i suggerimenti!:)

10 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    si eccomi, ti racconto un po' la mia esperienza (grazie mandra)

    Allora i genitori tendenzialmente vogliono che le figlie femmine siano una sorta si statuina o meglio robottino da mettere sul piedistallo, devono avere ottimi voti, perchè loro devono poterne fare sfoggio con le amiche, devono vestirsi secondo i LORO gusti ovvio perchè sono convinto che le madri, tendano ad identificarsi parzialmente con le figlie, considerandole quasi una loro "estensione" Inoltre spesso le mamme provengono da famiglie con rigorosi stereotipi sessuali.

    Mia madre ha SEMPRE protestasto su come mi vesto, e intendiamoci quando non ero in grado di intendere di volere, mi metteva addosso dei vestiti orribili, veramente roba da bambola, fiocchettini e quant altro; mi agghindava, e crescendo aveva anche la faccia tosta di dirmi che le piaceva farlo! Perchè era esteticamente bello vedere una teeeenera bambina conciata a mo di bambola -.-"

    Al dilà del fatto poi che io sia un ragazzo (ftm) comprendo benissimo la tua situazione, non sei l'unica ragazza, con gusti più alternativi in lotta coi genitori, considera che io con mia madre arrivavo a litigare anche sugli occhiali, che voglio dire devo portarmeli io mica lei; quindi io ecco ho sempre insistito sulla storia del " vado io così in giro non tu" "questa roba la metto io non tu" e alla fine sono riuscito a creare un confine fra me e lei, lei, che sognava di passarsi i vestiti, mutande comprese con me -.-" comprendi quanto fosse irrecuperabile...

    Ovviamente devi ribadire a tua mamma che ciò che lei vede non è come lei crede di vederlo; proprio il fatto che tu non fumi o non bevi lo dimostra (Mai stato fumatore o ubriaco io)

    Questo è l'altro problema, un genitore vuole sempre il meglio, quindi sapendo magari che la propria piiiicccola stella non fuma o non beve, invece di dire " menomale" vorrà sempre di più perchè non si soffermerà a pensare su quanto sia stata fortunato a non avere un figlio che si fa di acidi o altro!

    Considera che ormai gli stereotipi sulla moda sono molto scaduti, se si pensa che il jeans originariamente era simbolo di virilità e pertanto indumento unicamente maschile tanto per citare un esempio.. il problema è che tua madre come la mia vive ancora negli anni 70 dove tatuaggio = detenuto dove capelli non lunghi = maschiaccio; dove meno femminilità = scherzo della natura

    Cambia queste equazioni nella testa di tua mamma e sarai libera.

    Io mie ne fregai, sentii il bisogno e mi feci la cresta (ho ancora le mie tinture rossa e nera perchè non ebbi le palle di tingermi) tornai a casa dopo 10 giorni perchè ero stato via con gli scout, ed ero felice..mia madre però ecco, corsi a salutarla, e le morì il sorriso sulla faccia, fu orribile, perchè lessi nel suo sguardo uno sgomento pazzesco, mi disse " perchè ti sei rovinata così i capelli, che bisogno avevi" e non poteva minimante capire di quanto invece mi sentissi IO.

    Mia nonna non parliamone, ebbe la forza di chiamarmi mèrda per un numero di avogadro di volte...

    tutta la famiglia mi ha sempre considerato una pecora nera; la mia liberazione l'ho ottenuta vivendo solo, ma come ultima chicca prima di andarmene mi sono presentato con un labret ( piercing fatto al di sotto della rima buccale dell'orbicolare della bocca, inferiore)

    ti dico solo che mia madre era entrata in crisi e avevo il terrore me lo strappassero di notte, mio padre voleva diseredarmi e menava sentenze della serie " non troverai mai lavoro" Dopo mesi di lotte, li ho accontentati mettendomi una minuscola barretta con il pallino, tutto nero anzichè il cerchietto con i due spike (i coni per intenderci) Adesso ho rimesso quello LOL

    Io dico solo una roba: fai valere i tuoi diritti di INDIVIDUO e non di prosieguo dei tuoi genitori o non te ne libererai mai!

    Fonte/i: ftm
  • Allora, vorrei premettere che sono sempre stata anche io così e come la tua, anche mia madre cercava di plasmare il mio modo di vestire. Risultato? Quelle poche volte che gliel'ho lasciato fare mi sono sentita a disagio.

    Però...e c'è un però!! Quando ho smesso di studiare e sono entrata nel mondo del lavoro mi hanno fatto notare che le mie mise erano decisamente poco adatte alle situazioni.

    A quel punto sono andata un attimo in panico, visto che anche per me esistevano solo jeans e felpe.

    Come ho risolto?? Ho introdotto un capo che odiavo e che ho scoperto essere versatilissimo: la camicia!!

    Ode alla camicia!!

    Quindi, per tutti i giorni vai di felpe (approvo e ti appoggio!) e quando esci la sera elimini la felpa e la sostituisci con camicie e maglioncini et voilà!!!

    La cresta non stona, anzi e non ti può più dire nulla XD

    Ah io ho scoperto che a parte Belmonte (per le camicie) riesco a trovarne che mi aggradano anche in negozi che vendono marche come Imperial, Scout, Carhartt...

  • Anonimo
    9 anni fa

    Guarda conosco perfettamente la situazione che stai vivendo in quanto certe caratteristiche dalle più banali ,fino ad arrivare a quelle veramente determinanti non vengono considerate .

    Ti racconto la mia storia allora ,sono un ragazzo con il suo pensiero difficilmente mi conformo con la massa, quindi ho dei sogni o se vogliamo definirle aspirazioni non comuni .

    Insomma il mio sogno era intraprendere un percorso di studio a livello umanistico ,frequentando il liceo classico , ma ovviamente per un'immagine che si erano fatti i miei genitori e sottolineo , per colmare qualcosa al quale loro volevano ambire , hanno deciso di farmi frequentare un liceo scientifico ( e preciso che io odio e sono negato in matematica ) , la cosa non ha funzionato fin dall'inizio tanto che il primo anno di liceo scientifico l'ho perso con una bella bocciatura , poi non contenti ancora mi hanno iscritto a Marketing e finanza ( come scuola superiore ) , il primo anno lo passai , il secondo no . Insomma mi ritrovo ora che ho 17 anni ancora in seconda mentre potevo essere in quarta , il mio sogno sarebbe fare un profilo umanistico ,tanto che io scrivo poesie e sto lavorando alla costruzione di un libro e adoro la filosofia ,ma purtroppo mi tocca subire l'imbarazzo ,la fatica per le loro pretese , ammazzandomi di ripetizioni di economia aziendale e matematica ,finanza e analitica mentre io aspiro a qualcosa altro . Spero che un giorno tutto si realizzi e non rimanga un sogno sopito fra le pieghe della memoria . io vorrei tanto scrivere un libro e vivere la mia vita intensamente perchè vivere per ammazzarsi con corsi e ripetizioni arrivando ogni giorno ad avere solamente un ora per se stessi è tremendo ( per qualcosa che non farò mai fra l'altro ) . poi ci sarebbe anche il fatto che sono ossessionati dallo sport , e anche per questa ragione non posso soddisfarli dato che ho una malattia che al sistema immunitario e insomma me lo fanno pesare , costringendomi alle cose più disparate , ogni giorno diventa una folle consuetudine di tanta insoddisfazione , fallimento e amarezza ( le cose sarebbero troppe che non basterebbero nemmeno mille pagine per descriverle so solo che loro stanno imprigionando la mia libertà )

    senti ti volevo dare questo link ti interesserà leggilo

    COMBATTIAMO CHI TARPA LE ALI ai sogni

    http://www.petitiononline.com/petitions/queer80/si...

    e se ti serve sostegno puoi contattarmi tramite facebook ciao mandami l'amicizia non ti preoccupare

    e dopotutto non sentirti complessata dal tuo orientamento sessuale perchè la cosa più normale del mondo e si chiama AMORE e non sprecare la sua bellezza

    P.s. mandami l'amicizia così parliamo , spero che con la mai esperienza ti sia d'aiuto , e spero di diventare un tuo futuro amico ciao ci sentiamo in contatto e ricordati di vedere il link

  • un attimo:

    SHAAADE! SHAAADE! UNA DOMANDA PER TE!

    tra un po arriva...

    cmq aspettandolo, ti rispondo.

    spesso i genitori vivono tramite i figli: in alcuni casi sta cosa si concretizza tramite aspirazioni fallite (io non sono stata ballerina, quindi iscrivo mia figlia adanza... e poi se la figlia non va bene, apriti cielo che grande delusione) in altri casi può essere qualcosa come l'aspetto, l'essere belle, l'essere come si voleva esserre da giovani.

    in altri casi non è un discorso di aspirazione ma di confronto con la gente "oddio mia figlia ha la cresta, adesso tutti i vicini rideranno di lei e della mia capacità di essere madre"

    io posso solo dirti che se la situazione è così tanto assurda dovresti cercare sostegno.

    cerca qualche intervento di mediazione, o anche una terapia familiare (o consulenza, dipende da quello che c'è nella tua città).

    se posso esserti utile contattami pure in privato!

    Fonte/i: ehi ma non è che tua madre ha intuito il tuo orientamento sessuale ed lo contrasta contestandoti il modo di vestire? mi ero ddimenticata di scriverlo.
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    Da ragazza etero.

    Dì a tua madre su 2 cose, ciò che penso riguardo alle differenze di carattere e gusti e alle diversità:

    Gentile signora, le parlo da donna a donna. Sua figlia ha ragione. non puoi cambiarla, se è fatta così. fa parte del suo carattere. Nessuno è perfetto, a sua immagine e somiglianza. Devi accettarla così com'è: Lei è sempre tua figlia. Lei esagera pensando al fatto che per la società di oggi è lo stereotipo della ragazza femminile.. Dammi, retta: l'effeminatezza/mascolinità non ha nulla a che fare con il ruolo sessuale, nè cn l'orientamento sessuale. é una questione di carattere, e basta. Di cosa ha paura? che sua figlia venga presa in giro dagli aspetti, solox il suo aspetto?

    Da ragazzina, alle medie avevo conosciuto un ragazzo simpatico ma molto, molto sensibile. quasi da effeminato! Aveva degi atteggiamenti femminei e si chiamava proprio come il dio dell'amore. Così, al'inzio, grazie alla mia ignoranza, avevo pensato che lui fosse gay. Poi un giorno, lui venne da me, confessandomi, a voce bassa, con le guance arrossate e cn gli occhi pieni di una luce viva, di esserne innamorato di una miacompagna di banco. Di una femmina! Lui era venuto da me x chiedermi come conquistarla E io, stupita, l'avevo guardata con gli occhi sgranati! Forse lui non era così gay, come lo credevo. poi 10 anni dopo, dopo le medie, l'ho rivisto di nuovo, stavolta in compagnia di una fidanzata! così lui è davvero etero, nonostante il suo strano atteggiamento!

    Altro caso: dopo il liceo, qualche anno fa, mi ero presa una cotta x un bel ragazzo tutto muscoli e barba, grande appassionato di moto e musica di rock selvaggio. poi una notte di estate al campeggio, lui mi confessò di essere gay! E io ero come scioccata! Lui non lo sembrava...Lui mi ha detto di esserlo sempre stato così,e non lo fa x nascondersi con la sua virilità, ma perchè appunto gli piace!...all'inzio ero un po delusa, e un po triste, poi mi sono ripresa e, con un sorriso sulle labbra, ho deciso di accettarlo x così com' è. Ho imparato, a mie spese, che l'effeminatezza/mascolinità è in rèaltà una questione di carattere! una forma di sensibilità che possono averli in molti. Non una stupida prerogativa dei gay e delle lesbiche, come si pensava un tempo. Altrimenti, x quale motivo sono così tanto sensibili i poeti etero, sposati e con tanto di prole?

    C'è però una cosa che non capisco: perchè nella nostra società, sono accettate le donne etero che si comportano anche da maschiaccio, e gli etero effeminati no? l'etero maschio tipo femminuccia è una cosa vergognosa per molti, mentre la femmina etero tipo maschiaccio è invece una cosa da ammirare...?!? Solo perchè è x una stupida questione di orgoglio di virilità maschile? questo non ha senso.... Ti sei MAI chiesto perchè esistono queste differenze di carattere? semplice, non a tutte le donne piacciono i maschioni, coraggiosi, sfrontati ed audaci. parecchie di noi, preferiscono invece dei tipi sensibili, timidi e romantici. E non a tutti gli uomini piaccono sempre le femmine passive. molti di loro le preferiscono invece con carattere determinato e dominante, tutto pepe insomma! Vale la stessa cosa anche nel mondo sia gay e bisex....

    Io, essendo una ragazza etero, tutto sommato io preferisco solo quelli sensibili e dolci.

    I maschioni, invece, mi attraggono solo fisicamente ma emotivamente non ci sto con loro (Perchè, loro di solito sono vanitosi, irruenti e a volte prepotenti.),

    Io penso infatti che le differenze di carattere siano nate per soddisfare i diversi gusti di tutte le persone....Mi sa che c'è troppa ostilità discriminatoria in giro, a causa di una società retrograda e tradizionalista che ancora ci vuole inculcare l'immagine ideologica del vero maschio che, x essere etero, deve essere sempre macho e virile da poter conquistare a volontà le femmine.....Che idiozia.

    Poi sua figlia ha ragione dicendo che il mondo è bello, perchè vario. Le cito anche questo:

    Forse lei non sa, ma nel corso delle epoche millenarie l’evoluzione porta ogni essere vivente a una strada evolutiva “diversa” non solo fisica, ma anche quella sociale: la riproduzione asessuata, l’ermafroditismo, la partenogenesi, il cambiamento di sessi anche durante la maturità, poi la poligamia, la monogamia e poi l’eterosessualità, l’omosessualità, la bisessualità e altro poi delle “diverse” forme di genitorialità.

    Insomma, tutti gli esseri viventi nascono con “diverse” forme di sessualità e forme "diverse" di sistema sociale. E tutte queste diversità non sono nè sbagliate, nè giuste. Sono così, e basta.

    Sono tutti dei doni che la natura stessa ci ha dato. Avrai notato che ti ho sottolineato la parola “diverso” con le virgolette sopra, ebbeno ti dico una cosa: BioDiversità. Ci sono moltissime forme diverse esistenti fra di loro in natura. E le diversità sono una grande ricchezza pure per l’intera umanità. Ognuno di noi è allo stesso tempo uguale e diverso dentro, e questo ci rende unici!

    Fonte/i: @Ice: Caro, dì pure a tua madre di ciò che ho scritto sopra. Falle capire è una questione di carattere e di gusti secondo la personalità. un bacio.
  • Anonimo
    9 anni fa

    esatto!

    come ti capisco.

    stessa situazione con mia mamma. io però ho i capelli lunghi, spesso disordinati, ma in ogni caso non vesto femminile. e mia mamma tenta costantemente di propinarmi vestiti che non mi piacciono! e insiste!

    di solito scattano dei litigi non da poco, ma a volte mi rompo e la lascio fare, certe volte non vale la pena litigare per così poco. i gusti son gusti, non mi può cambiare, è inutile che cerca di farmi diventare più femminile.

    la guerra non ha ancora avuto il suo vincitore.

  • 9 anni fa

    non ti lamentare. io ho scoperto che i miei genitori hanno scoperto di me e hanno cambiato il testamento. con me si comportano con diffidenza e non solo i miei genitori anche mia sorella e i miei zii. non capisco perché non mi vogliono al tal punto da cambiare il testamento. cioè prima hanno diviso le proprietà in parti uguali tra me e mia sorella e adesso l'unica erede è mia sorella. questo lo so perché in cassaforte hanno il testamento e io per curiosità suscitata da loro che cercavano di nascondermi quello che stavano facendo, ho indagato...bè in questi momenti ti accorgi di quanto sei solo...non lamentarti hai solo una mamma che ti vuole proteggere e ti ama. per lei ti puoi vestire come vuoi però ha paura che le persone ti prendano in giro. si preoccupa solamente di te...

  • 23
    Lv 6
    9 anni fa

    Ciao a te, io sto bene grazie.

    Io di anni ne ho 29 e mia madre mi critica ancora per il modo di vestire perché non mi valorizza. Dice che cammino come un giocatore di rugby e che potrei vestirmi molto meglio.

    In effetti ha ragione, se io mi vestissi con più cura sarei ben più figà: la prova è che quando faccio più attenzione ricevo sempre complimenti.

    Ora, io non ho voglia, interesse, capacità, bla bla bla di vestirmi sempre in modo attento...o semplicemente ho cattivo gusto. anzi, sicuramente quello. Questo lo posso dire ora.

    Mia madre però aveva ragione in un certo periodo: quando avevo la tua età io mi vestivo appositamente con cose larghe, poco curate etc perché non volevo essere notata. Non volevo nemmeno essere femminile :)

    Azzardo e dico che anche tua madre potrebbe vedere semplicemente che non valorizzi la tua persona. Magari già pensa che tu non voglia indossare certe cose perché sei lesbica.

    Detto questo: se tu stai bene con le felpe, le converse e tutte le cose che ti metti, pace.

    Tua madre non cambierà, smetti di lottare per i vestiti, sinceramente chi se ne frega. L'importante è che tu ti vesti perché ti vedi bene allo specchio così, ti senti a tuo agio.

    P.S. i genitori non sono sempre così male come li giudichiamo noi :)

  • 9 anni fa

    lasciala stare,per carità. Non è che a tutti piacciono gli stessi vestiti,o tagli di capelli. Pensa ai mei: io ho i capelli rasati ai lati e una cresta color rosso fiammante. :DD mi ci litigo spesso con i miei e sanno anche sel mio orientamento sessuale ;) ma non è che possiamo essere tutti uguali. Ti direi di parlarci,ma dato che l'hai già fatto,non posso che consigliarti di non demordere ed essere sempre te stessa ;)

    good luck! ;)

    prego,figurati! ;) sempre disposta a dare qualche consiglio in più ^w^

  • Anonimo
    4 anni fa

    Da figlia: non farei nulla, preferisco tenere le mie cose x me poichè ho dei genitori di cui non fidarsi che vanno a raccontare le mie cose a tutto il resto della famiglia ed è una cosa che odio dal profondo del cuore. Da genitore ( non come i miei ovviamente): Beh, ovviamente l. a. prima cosa che farebbe un genitore normale, è parlarci un pò, io se avessi una figlia femmina, non saprei, l. a. porterei con me a fare procuring, a divertirci un pò e cercare di prendere un pò + confidenza con lei e anche di essere comprensiva nei suoi confronti in modo che possa confidarsi senza problemi, senza avere paura di me che possa reagire male. Sarei pronta a qualsiasi cosa e anche advert aiutarla nelle difficoltà. Ma quando sbaglia bisogna dirle dove, e che non deve ripeterlo più, poi sta a lei decidere come fare. Non voglio essere una madre che forza l. a. figlia a fare cose che non vuole fare come fanno tante madri, ma voglio essere l. a. sua "amica", non il suo intralcio

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.