promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 8 anni fa

i nodi sono al pettine?

Ieri, dopo l'ennesimo arresto, Bersani e Franceschini li hanno contati uno per uno, 35 arrestati e 400 indagati dal 2009 tra esponenti nazionali e provinciali: un disastro.

L’ultimo è un consigliere comunale di Pomezia beccato con la bustarella in mano, secondo una consolidata abitudine del PD.

Per fortuna che Repubblica, dice Franceschini, non ne parla e Bersani già incarica chi di dovere di mandare la colomba per Pasqua a DeBenedetti, perchè (come dice DiPietro) i panettoni "farciti" li ha presi tutti Penati.

L'ultimo pizzicato è Renzo Antonini, consigliere comunale arrestato in flagranza di reato con una bustarella di 2.500 euro, poi Vincenzo De Luca, sindaco di Salerno, indagato per abuso d’ufficio; di Alberto Tedesco, senatore indagato sulla gestione della sanità pugliese e salvato dall’arresto, se ne è già parlato, ma alla ribalta troviamo anche Mario Morcone, candidato sindaco di Napoli indagato per abuso d’ufficio, turbativa d’asta e truffa.

In questo caso dobbiamo dire per fortuna che ha vinto che DeMagistris perchè dopo la nullafacente Jervolino, i napoletani non si sarebbero meritati un nuovo furbastro.

Poi troviamo l'immobiliarista emiliano Vittorio Casale, finito in carcere con l’accusa di bancarotta fraudolenta; Vincenzo Morichino, co-proprietario della barca a vela “Ikarus” con D’Alema, accusato di frode fiscale e false fatturazioni; Gaspare Vitrano, deputato regionale siciliano arrestato per aver intascato una mazzetta da 10.000 euro da un imprenditore del fotovoltaico; Franco Pronzato, consulente e manager amico di Bersani, ex responsabile nazionale per il trasporto aereo del Pd, arrestato per tangenti nell’ambito degli appalti all’Enac (“La tangente? Pensavo fosse un regalo di Natale”, una delle sue dichiarazioni che farebbero impallidire il tanto vituperato Scajola).

E poi c’è Massimo D’Alema, in persona, indagato anch’egli nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti all’Enac: avrebbe usufruito di cinque passaggi aerei gratuiti. E ancora: Luca Bianchini, il coordinatore di un circolo condannato per tre violenze sessuali; le indagini in Piemonte sulle presunte irregolarità della lista “Pensionati e Invalidi” che appoggiava la candidata alla presidenza Mercedes Bresso; l’inchiesta giudiziaria sulle presunte infiltrazioni della Camorra alle primarie del Pd a Napoli. O Andrea Lettieri, sindaco di Gricignano d’Aversa indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. O il Comune di Nicotera, a maggioranza Pd, sciolto per infiltrazioni della n’drangheta. O Ciro Caravà, il sindaco “anti-mafia” di Campobello arrestato proprio per associazione mafiosa.

E poi l’ultimo scandalo umbro, culminato nell’arresto del vice-presidente del consiglio regionale ed ex sindaco di Gubbio Orfeo Goracci, accusato di abuso di ufficio e violenza sessuale aggravata, in un’inchiesta che ha coinvolto altre nove ordinanza di custodia cautelare.

Senza dimenticare il terremoto giudiziario in Basilicata, che ha coinvolto l’intera classe dirigente regionale del Pd. Dal deputato dalemiano Antonio Luongo al sindaco di Anzi Giovanni Petruzzi; dal governatore lucano Vito De Filippo al presidente del Consiglio regionale Vincenzo Folino; dall’ex assessore regionale Erminio Restaino al sindaco di Potenza Vito Santarsiero; dal consigliere regionale Pasquale Robortella al presidente della provincia di Matera Franco Stella, fino al consigliere provinciale di Matera Nicola Montesano.

Tutti esponenti del Pd, accusati dei più svariati reati nell’ambito di diverse inchieste: dalla corruzione alla turbativa d’asta, fino alla truffa sui fondi europei.

La caratteristica comune è gestire i soldi degli altri con migliore abilità di quella del mago Silvan.

Ma il PD è un partito oppure una associazione di stampo mafioso?

Aggiornamento:

la risposta di Verde Rame mi piace, ma .. ex post o ex ante ... son tutti ladri: abbiamo bisogno di essere rappresentati da ladri?

4 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    E' semplicemente un partito come tutti gli altri, con persone corrotte e corruttibili come in tutti i partiti, con l' unica differenza che al tempo di MANI PULITE hanno avuto la copertura dei magistrati con la speranza di poter poi governare loro...e inglobare nella loro struttura i magistrati compiacenti...E adesso qualcuno si è deciso di scoprire i loro altarini..ANTE...INTRA....e..POST.

    Ciao.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    sono anni che fai una fatica bestia per dimostrare che la terra è piatta

    che tenerezza

    son tutti ladri, ma i tuoi molto di più :)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Il pettine? Che cos'è?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Effettivamente in casa hanno dei problemi molto seri!

    Però, lasciando da parte ogni polemica, c'è da fare una considerazione:

    - nel PD i problemi sono EX POST

    - in altri INNOMINABILI PARTITI i problemi sono EX ANTE ossia sono CONDIZIONI PRELIMINARI per esservi ammessi/nominati!

    E non è una differenza da poco!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.