promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaCavalli · 8 anni fa

sequenza esatta pulizia cavallo?

Qualcuno potrebbe perfavore scrivermi la sequenza esatta di pulizia del cavallo con tutti gli strumenti ( sprite compresi) prima e dopo il lavoro!

3 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    La pulizia quotidiana del cavallo serve a eliminare le incrostazioni di sudore che si formano nella zona della sella e delle cinghie del sottopancia ed i residui di fango o sabbia, che, se non rimossi potrebbero causare escoriazioni, dette fiaccature.

    Compiendo le quotidiane operazioni di pulizia svolgiamo anche un massaggio benefico sul mantello e sui muscoli sottostanti (sotto il mantello, scorrono i "muscoli pellicciai" che il cavallo utilizza abitualmente per scacciare le mosche con la vibrazione del mantello che tutti notiamo) stimolando la circolazione dei vasi sanguigni e riscaldando la muscolatura.

    Pulizia zoccoli

    La pulizia del piede è fondamentale per la buona salute dell'unghia che, se trascurata a lungo, rischierebbe addirittura di imputridire.

    Bisogna ripulire regolarmente gli zoccoli dai residui di lettiera, terra e sabbia, almeno due volte al giorno, prima e dopo il lavoro.

    Oltre che per mantenere sano il piede del cavallo, è un modo per verificare che non ci siano sassolini, vetri o altri corpi estranei incastrati tra l'unghia e il ferro e che i tessuti del piede non siano troppo molli o eccessivamente secchi.

    Usando il "curasnette", l'apposito attrezzo in ferro o plastica dotato di impugnatura con la parte terminale a uncino, togliere dagli zoccoli i residui di terra e sabbia e cospargere lo zoccolo con grasso idratante ed emolliente per le unghie, utilizzando un pennello.

    Il grasso va applicato due volte la settimana, ma d'estate, quando il cavallo viene sottoposto a frequenti lavaggi e a docce rinfrescanti, o se andando in campagna si attraversino pozzanghere e corsi d'acqua, è necessario applicare il grasso più spesso per evitare che l'unghia si screpoli.

    Tecnica

    Legare il cavallo nel box, o, se possibile ai due venti in scuderia, per poter girare intorno al cavallo in tutta tranquillità.

    Striglia - massaggiare tutto il mantello con la striglia, particolare "raspa" in ferro o gomma di forma ovale dotata di dentellatura. Cominciando dal collo, con un movimento circolare della mano, scendendo piano piano lungo il corpo e le zampe, fino al ginocchio, facendo attenzione che sotto la pancia il cavallo potrebbe soffrire il solletico. La striglia va pulita ogni tanto battendola leggermente contro la parete per far cadere a terra lo sporco raccolto.

    Bruscone, grande spazzola con setole in radica o sintetiche. Dopo la striglia il manto del cavallo va spazzolato energicamente sempre partendo dal collo.

    Ogni tanto il bruscone va strofinato energicamente contro la striglia per ripulirlo.

    Spazzola morbida ha il compito di eliminare i residui di sporco e lucidare il pelo e si utilizza col movimento circolare utilizzato con la striglia e il bruscone.

    La testa va pulita con delicatezza, evitando la zona intorno agli occhi, passando prima il bruscone e poi la spazzola per finire con una spugna inumidita per pulire la zona degli occhi, del naso e della bocca.

    Spugna per la pulizia del cavallo servono due spugne diverse una per il muso e l'altra per i genitali.

    Quindi con una spugna pulire con delicatezza i genitali, sollevando la coda.

    Per ciuffo e criniera usare una spazzolina in plastica di quelle comunemente usate per i capelli.

    Coda, per non strappare e rovinare di crini della coda durante la pulizia, è necessario dividere la coda in tante piccole ciocche per spazzolarle poco alla volta, dopo aver cosparso la coda con un balsamo districante e lucidante per sciogliere i nodi e rendere i crini morbidi.

    Lucidatura , l'ultimo tocco del grooming è la lucidatura del mantello. Spruzzare il lucidante per pelo su uno straccio di lana e passarlo in un ultimo massaggio circolare su tutto il mantello.

    Igiene

    Per evitare che microbi e funghi colpiscano il cavallo, attaccando il mantello e la pelle con fastidiose micosi, è rispettare alcune regole per l'igiene in scuderia.

    1) ogni cavallo deve avere un suo privatissimo corredo d'attrezzatura: lo scambiarsi di finimenti, spazzole, sottopancia o sottosella umidi è il primo veicolo di diffusione dei funghi e va quindi evitato.

    2) gli strumenti di pulizia (striglia, spugne e spazzole) e gli indumenti che vanno a diretto contatto con il mantello del cavallo, vanno lavati spesso, possibilmente con detersivo addizionato con un preparato antibatterico.

    Per le spazzole è sufficiente un lavaggio al mese, mentre i sottosella vanno messi in lavatrice dopo un paio d'impieghi, mentre le coperte, dovranno essere messe al sole e spazzolate con una brusca inumidita in una soluzione antibatterica.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • io
    Lv 4
    8 anni fa

    premetto subito che ognuno ha un diverso metodo di pulitura cmq ti dico il mio

    pre-allenamento:

    inizio con le cose che non comprendono la coperta cioè coda criniera ecc... in modo da lasciare la coperta alla cavalla e non farla raffreddare

    - gambe: passo una spazzola morbida dato che sporgono le ossa meglio non usare la brusca

    - zoccoli: uso in nettapiedi con spazzola è molto comanda (la spazzolina) per tirare via gli ultimi residui

    - muso: utilizzo una spazzola specifica per il muso che gli tira via tutti i peli e poi una spugna specifica umida per pulirgli naso e occhi

    - crini: passo un districante su criniera e coda e con la spazzola specifica in gomma che non gli fa male districo tutto e tiro via il truciolo

    tiro poi via la coperta e la metto vicino al box

    - striglia: utilizzo quella in gomma e la passo su tutto il corpo escluse gambe crini e muso. la passo con dei movimenti circolari

    - brusca: la utilizzo dopo la striglia serve per pulire il manto e tirare via i peli che il cavallo perde. per utilizzarla devi usare un po di forza

    - pile: è una coperta in pile che serve a non far prendere freddo al cavallo

    poi sello

    post-allenamento:

    - di sello

    - faccio gli stessi passaggi di prima in più lucido il pelo e passo ogni tanto il grasso

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    non sono una groom professionista, ti dico come faccio io, poi penso che ognuno abbia una sequenza tipo... per me essenziale è che ogni cosa venga fatta con la collaborazione del cavallo, quindi il cavallo deve essere tranquillo, disponibile e rilassato, ogni strumento va fatto vedere e annusare e solo se si dimostra rilassato, utilizzato per pulire il cavallo, se non è tranquillo va fatto "il gioco dell'amicizia" per usare un sistema pareliano.. comunque va desensibilizzato! tutte le pratiche vanno fatte a partire dalla zona del garrese, a scendere, spalla, petto, collo... schiena, groppa, pancia, gambe, testa nel senso del pelo.

    io inizio con una striglia di metallo se è infangato o se devo togliere il pelo, la passo nelle parti meno sensibili con delicatezza, poi completo nelle parti più sensibili con una striglia di plastica, ripeto il passaggio con un bruscone più rigido per le parti meno sensibili e più dolce per quelle più delicate, uso una piccola spazzolina per pulire le orecchie, verso l'esterno.

    i piedi li passo con il nettapiedi e li spazzolo fuori con una brusca rigida, poi lavo i piedi e metto grasso o unguento da bagnato o da asciutto a seconda delle esigenze.

    pettino la criniera con una spazzola grande e al limite rifinisco con un pettine, dividendo in ciocche per maneggiarle agevolmente.

    Lavare le parti intime con una spugna, che va poi lavata bene magari usando un atibatterico, e naso-occhi con una seconda spugna sempre da risciacquare con antibatterico.

    E' meglio che spazzole e spugne siano dedicate al cavallo per evitare che si passino magagne.

    Io preferisco non usare spray, come sgrovigliante utilizzo l'olio di mandorle e lavo il cavallo solo in estate due volte con uno shampoo neutro e poi solo docce fredde (per dare sollievo dal caldo)

    Dopo il lavoro passo una brusca per pettinare il pelo e fare un piccolo massaggio su tutto il corpo del cavallo, lavo le gambe ed eventualmente metto unguento o grasso.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.