Matteo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 9 anni fa

Qualcuno di voi soffre di Disturbo Ossessivo Compulsivo?

In parole povere DOC. Se cercate su internet troverete molte informazioni in merito.

Mi interessa sapere le vostre esperienze in merito. Molte persone ne sono affette ma ignorano che sia un problema o, piuttosto, cercano di negarlo.

Se controllate un infinità di volte che il gas sia chiuso, che le porte di casa siano ben chiuse, che abbiate preso le chiavi di casa uscendo, o qualsiasi manifestazione, in questo caso di ''Controllo'', qualsiasi manifestazione atta a prevenire danni o tragedie, allora, probabilmente, avete questo disturbo. Il disturbo è tale solo quando si manifestano delle ossessioni eccessive. Dopo un grosso spavento, può essere normale effettuare qualche controllo un po' più di frequente; diverso se il controllo diventa una mania ed un impulso irrefrenabile. Quando si manifesta l'ansia, si mettono in atto dei riti per scongiurare il problema.

Esempio: quando esco di casa, controllo che il gas sia chiuso.

Normalmente, basterebbe un controllo, forse due, e ce ne andiamo a lavoro belli tranquilli.

Diversamente, quando soffriamo di certi disturbi, continuiamo a controllare che il gas sia chiuso decine di volte. Volete perché abbiamo il timore di non fidarci dei nostri sensi, volete per rafforzare la sicurezza di aver chiuso il gas. Questi sono controlli eccessivi e danno molto, molto fastidio..

E' un discorso a grandi linee, quello che faccio.

Io ho superato il DOC, dopo 17 anni. E ci son riuscito, incredibilmente, da solo.

Normalmente occorrono analisti, psicologi, farmaci (livelli di serotonina o qualcosa del genere? ecc...

Ditemi la vostra...

Aggiornamento:

Ragazzi.. non mi risulta che qualcun sia mai stato rinchiuso in manicomio per questo.

E' incredibile ma, una persona qualunque non si accorge se un suo amico, ad esempio, è affetto da DOC. Io manifestavo questi problemi a casa, da solo, o a lavoro, però sempre quando non c'era qualcun'altro con me. Avere una persona a fianco cambia le cose.

Tra l'altro, quando si manifesta la compulsione (controllare, nel mio caso), si è pienamente coscienti di esagerare.. ma, purtroppo, se non si effettuano controlli decine di volte, non si riesce a superare l'ansia, la quale resterebbe per ore e ore. Io addirittura, all'inizio del disturbo (avevo 10 anni, porca miseria se ci penso..) avevo il terrore di perdere la vista nel sonno, quando chiudevo gli occhi per dormire. Quindi, per assicurarmi di avere ancora la vista, accendevo continuamente la luce della lampada che avevo sul comodino... lo so, è pazzesco...

Aggiornamento 2:

Ogni disturbo ha una causa scatenante.

Combatterla razionalmente, come ho cercato di fare per anni, è stato inutile.

Non puoi fare due più due, quando il disturbo nasce da cause emozionali.

12 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    La sindrome di DOC è stata la causa della distruzione del matrimonio del mio attuale compagno.

    Purtroppo, associata ad un carattere egocentrico e dominante, ha condizionato la vita di tutta la famiglia. Per 18 anni sua moglie ne ha sofferto, il suo terrore era quello del contagio da malattie.

    Ogni cosa in casa entrava solo se sterilizzata a dovere da lei, figli e marito compresi.

    Nessuno, tranne lei dotata di guanti monouso e salviette, poteva aprire il frigorifero, prendere un biscotto dal suo sacchetto, aprirsi un barattolo di yogurt.... La prima doccia e cambio di vestiti e ciabatte doveva avvenire nel garage di casa, il secondo una volta entrati nell'appartamento, per ogni cambio di stanza c'erano pantofole diverse, sempre sterilizzate. E cosi ogni oggetto, cartella, libro, cd, ogni cosa che entrava in casa, prima di essere toccata, doveva passare sotto alle sue mani.... Verdura lavata con sapone...bollette e posta chiusi in sacchettini di plastica tipo Nas...nessuno poteva uscire sul balcone o veniva "ricontaminato", rapporti intimi compromessi, vestiti rovinati e macchiati dalla candeggina, suoceri, amici e parenti negli ultimi 10 anni non erano mai potuti entrare da quella porta...

    Nella zona notte, a qualsiasi ora del giorno, si entrava solo dopo essersi spogliati e lavati accuratamente sotto la doccia, i bambini in questa zona, venivano portati solo in braccio fino ai loro letti dai quali avevano l'ordine tassativo di non scendere da soli....

    Una vita d'inferno sotto le scenate isteriche ed i ricatti morali di lei, che forse nella sua mente lo faceva per il loro bene, ma che non voleva ascoltare parole di nessuno e rifiutava ogni tipo di aiuto...imponendo invece il suo assurdo comportamento alla famiglia...

    18 anni in cui le cose sono gradualmente peggiorate e che hanno ucciso l'amore....

    Per questo credo sia importante non avere paura di parlare dei propri malesseri, non avere vergogna di ammettere i propri problemi....il coraggio di guardarsi dentro, l'umiltà ed il buon senso sono il primo passo per trovare una mano pronta ad aiutarci...

    Syl....

    Fonte/i: P.S. so che dopo la separazione ha avuto qualche miglioramento, si è convinta ad andare da uno psicologo e credo che abbia anche seguito qualche percorso "riabilitativo"(non so come sono definiti) con i cavalli..... Ho sentito dire che il contatto con questi animali è davvero rigenerante per la mente.... Ciao...... ---------------------------------------------------- E' vero....Le cause scatenanti sono sempre di tipo emotivo.... ...spesso è proprio chi tenta di essere forte che finisce per trascurare se stesso....mentre la mente cerca di trovare le sue sicurezze in questi atteggiamenti all'apparenza senza senso. La donna di cui ti ho parlato, da quando è rimasta sola, sta lentamente rifiorendo.... (non sai quante volte mi sono chiesta cosa l'ha ridotta così.........visto che da quando sto con lui, io sto cadendo in una profonda insicurezza........)
  • 9 anni fa

    Io non lo sono ufficialmente,ma analizzando i miei comportamenti credo di esserlo.

    Evito il numero tre,mi lavo le mani in continuazione,se mi succede qualcosa di stupido io divento paranoica e penso al "peggio" quindi lavo i vestiti che avevo addosso quel giorno anche se li ho usati per uscire di casa per mezz'ora. Poi ho un sacco di vizietti assurdi,tipo riordinare le cose.Se mi sono appena coricata mi alzo per vedere se ho chiuso i cassetti. E' come (mi sento matta) se la mia voce parlasse nella mia mente e mi dicesse "se non fai questo succede questo" ed è assurdo,davvero assurdo. Ho una sorta di "fobia" per la roba di scuola,quindi se solo sfioro con la mano un quaderno,una penna,lo zaino o un libro e sono a casa devo per forza lavarmi le mani prima di toccare ,cosa ne so, il telecomando,i miei vestiti che uso a casa,i pigiami,i libri di casa e via dicendo. Ora forse,rispetto a prima,sono migliorata,ma c'era un periodo in cui tornavo in bagno ripetutamente per accertarmi di aver chiuso il rubinetto,ora riesco a controllarmi di più però di base ho sempre avuto comportamenti strani in tal senso. Se per esempio mi lavo i capelli con uno shampoo e poi mi succede "qualcosa" (nulla di oggettivamente preoccupante eh) io quello shampoo non lo uso più.Altro esempio:se ci sono i miei libri di inglese sulla scrivania non ascolto più musica,anche se ho finito di studiare,sempre per lo stesso motivo di prima.E ne ho da raccontare in tal senso,ma sembrerei assurda,ma infondo lo sono.Non ho rimedio. Una volta,proprio qui mi hanno suggerito di esser forte e di cercare di andare contro le paranoie,del tipo se pensi "se indosso questa maglia mi succede questa cosa brutta" tu sii forte e indossa quella maglia per esorcizzare in un qual modo quella paura.Però non mi è poi cosi semplice.Anche se ho sfidato me stessa e alcune cose le ho superate.Il problema,in fondo è che ne ho sempre di nuove.

  • 9 anni fa

    Ciao Matteo ,

    anche io soffro di DOC da quando avevo piu o meno 10 anni come te. Io ora ne ho 20 e non mi è mai stato diagnosticato clinicamente ( mai fatto una sola seduta di psicoterapia o da un semplice psicologo ) . All'inizio non sapevo di esserne affetto , fu solo dopo qualche anno all'incirca 12/13 che tramite il pc potei dare un nome al mio disturbo. Ci ho imparato a convivere.. Ora che mi ci fai pensare il disturbo mi si presenta in modo meno marcato , interferisce meno con la mia vita anche se è comunque sempre li.

    ANCHE IO COME TE AVEVO I MIEI "MOMENTI " COL DOC DA SOLO , salvo pochissime casi.

    Mi fa piacere che tu l'abbia superato e spero che un giorno riesca anche io a farlo , pur essendo consapevole che senza un aiuto esterno non ci riuscirò mai....

  • Anonimo
    9 anni fa

    Ma io penso che ognuno di noi o almeno una gran parte a un disturbo psicologico e non se ne rende conto....cioè non dico disturbi al livello grave ma anche piccole cose come ad esempio uno sbalzo continuo di umore ecc..ecc

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    io personalmente non ho questo tipo di problema, ma una mia parente credo proprio che ne soffra.. alcune volte andavo a dormire da lei e prima di uscire aveva gli stessi comportamenti che hai elencato.. un giorno mi ha costretta a ritornare a casa con lei perché si era fissata di aver lasciato il gas aperto nonostante lo avevamo controllato entrambe mille volte e gli avessi detto di essere sicura che era chiuso! questa è una delle tante vicende che sono successe.. però sinceramente essendo ignorante in materia pensavo che fosse lei un pò fissata con queste cose.. non avrei mai pensato che fosse una vera e propria patalogia...

  • Sì, ne soffro ma non ci do molto peso!

  • Anonimo
    9 anni fa

    Anch'io in certe cose sono maniacale. Poi parlando sempre di disturbi ossessivi-compulsivi, ma di altra categoria, soffro di sindrome da acquisto compulsivo. Per quanto non sia riconosciuta ufficialmente, la Gear Acquisition Syndrome mi da parecchi problemi. Sono un musicista fissato con questo mondo, compro un mucchio di roba, passo le giornate a guardare negli usati e nei negozi, più compro e più comprerei. E non è neanche roba economica.

  • 9 anni fa

    Il Nonno mio, è affetto da disturbo Ossessivo Compulsivo, lui è fissato conto di me, la mattina appena sveglio va a controllare le mie attività e quelle di mio cugino Gino. Mi telefono e mi chiede dove devo andare, con chi devo andare, quali sono i miei contatti, quali sono le mie amicizie femminili, insomma un povero ossesso da forme maniacali insopportabili, non per me , ma per lui stesso che è andato in fumo. Ciao rocco b.

  • mamma mia che brutta malattia..........sn contento per te che ci sei riuscito a sconfiggerla..

  • ?
    Lv 4
    9 anni fa

    caxxo che malattia o... bisogna uscirne al piu presto perche si rischia di morire, io conosco persone che hanno il DOC ( O.o ) da anni e ora le hanno rinchiuse in un manicomio altre non ce l'hanno fatto roba da non credere, tu ci sei riuscito incridibilmente da solo ti ammiro caxxo, senza analisti psicologi psichiatri senza farmaci, sei un grande

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.