promotion image of download ymail app
Promoted

Non credenti perchè non vi umiliate e coprite il capo di cenere perchè l'esistenza di Dio è già dimostrata?

Se non siete "poveri di mente" seguite questo ragionamento DALLA LOGICA CRISTALLINA:

A Ogni proprietà positiva è necessariamente positiva.

B Per definizione Dio ha tutte e solo le proprietà positive.

C L'esistenza necessaria è una proprietà positiva.

D Quindi Dio, se è possibile, possiede necessariamente l'esistenza.

E Il sistema di tutte le proprietà positive è compatibile.

F Quindi Dio è possibile.

G Essendo possibile, Dio esiste "PER FORZA".

Aggiornamento:

OVVIAMENTE NON E' ROBA MIA, MAGARI AVESSI L'INTELLIGENZA DI QUESTI GRANDI MENTI E VOI NON CREDENTI TRATTATE LA RELIGIONE COME UNA FORMA DI IRRAZIONALITA' E DI CREDULONERIA IGNORANDO CHE GRANDI SPIRITI HANNO DIMOSTRATO L'ESISTENZA DI DIO ANCHE CON LA LOGICA E LA MATEMATICA, QUESTE DOMANDE HANNO L'INTENTO DI FARVI CAPIRE QUESTO CONCETTO!!!

18 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    8 anni fa
    Risposta preferita

    Anche Satana crede che Dio esiste, e non si copre il capro di cenere. Il problema religioso non è credere o meno l'esistenza di Dio, ma credere in Dio.

    -----

    @pape: scusa se riapro qui il dialogo, ma non ho potuto per ragioni di tempo corrisponderti. Sono questioni di metafisica e teologia filosofica, non sintetizzabili in un intervento su RS, ma in ogni caso provo la replica:

    1. Kant è superato assolutamente. Gli autori nominati portano delle dimostrazione dell'esistenza di Dio (schelling nella sua filosofia della rivelazione, Hegel sia nella sua filosofia della religione, sia nelle lezioni sulle prove dell’esistenza idi Dio, ecc.. approfondisci..cfr. weiscehdel: il tomo II per la storia delle prove dell'esistenza di Dio nell’epoca moderna). In ogni caso, se Kant fosse nella critica della ragione pura “inoppugnabile”(??), allora ti faccio notare che Kant 1. ammette la causalità (che tu sembri invece questionare..); ammette il noumeno come causa dei fenomeni, ossia come fondamento libero- non necessario- del mondo fenomenico necessario ( e cosa è il noumeno se non l’incondizionato? Alla faccia dell’impossibilità del regresso…; per Kant il noumeno non è conoscibile scientificamente in sé (questo è il problema della dialettica, ma non è problema la sua esistenza), ma per Kant esiste necessariamente, e questo appunto secondo l’“inoppugnabile” critica della ragione pura..sulla questione può aiutarti la nota differenza in Kant tra pensabilità e conoscibilità (un autore qualsiasi che si occupi di Kant la ricorda); cfr tra altri Faggiotto sulla metafisica della analogia in Kant.

    2.

    -se ritieni inoppugnabile kant, per il quale la la causalità esiste (non puoi ritenere inoppugnabile la tesi contraria ( ad esempio quella del primo Hume..il secondo ammette la causalità). Non mi è chiaro perché leghi la casualità alla alternativa che dici, ma in ogni caso se non si potesse decidere di essa, verrebbe meno il senso stesso della razionalità (ossia della logica e della deducibilità logica). Infatti secondo la logica classica se dal nulla potesse venire qualcosa, potrebbe venire qualunque cosa, ma allora potresti dedurre e derivare qeullo che vuoi ad arbitrio da qualunque premessa, tutto e il suo contrario, ossia annulli ogni vincolo logico, ti poni fuori dalla logica e non ha senso nemmeno che discuti.

    -La scienza non arriva per induzione ala causalità.

    -La scienza non procedere per induzione (gia superata con Popper), ma per falsificazione. Sul fatto che la scienza non sia la verità hai ragione, infatti la mia considerazione relativa e non assoluta , era che al minimo la dimostrazione di Dio fondata sulla causalità era tanto vera quanto la scienza, ..e che la cosa non era da poco.

    3. come sopra: dal nulla non viene qualunque cosa, dunque tutte le tue conseguenze, sono insignificanti. In ogni caso non capisco come dimostri che “se infatti ex nihilo nihil, allora il regresso all'infinito è necessario”. Non mi è chiaro il passaggio dalla premessa alla conseguenza. La causa in causata causa da sé... Dio crea da sé…e senza regresso all’infinito.

    4. resti ancorato a Kant e al suoi fenomenismo (ma lo consideri vero o meno? Non si capisce). In ogni caso, se fosse vero che il reale è quanto percepiamo, secondo il fenomenismo kantiano, allora Dio sarebbe vero quanto il reale..ossia sarebbe reale…cosa non da poco ripeto..

    5.

    -a parte che ti ho già riportato le affermazioni del magistero (Pio X), per cui si afferma la nozione di Dio come Essere supremo e come Creatore; ti ricordo il simbolo della fede cristiana in cui si dice che Dio è creatore (dunque non creato) di ogni realtà: in cosa lo trovi stridente e in conflitto con il concetto di causa in causata di ogni serie effettuale, fondamento incondizionato di ogni finito condizionato? ( per un pagano Dio può essere anche un omino invisibile che sta in cielo, ma per un monoteista è la fonte incondizionato di ogni ente); Hai ragione nel dire che la rivelazione biblica aggiunge altre determinazioni, ma il “nome” o attributo fondamentale resta la sussistenza.

    - ma non capisco un cosa: allora per te la nozione metafisica di Dio sarebbe vera? Se un credente credesse che unico è il Dio della rivelazione e quello dei sapienti greci, non avresti nulla da obiettare? In ogni caso la discussione sul valore della prova dell'esistenza di Dio riguarda se esista o neon l'incondizionato, ovvero la ragione e il fondamento del reale, ossia se possa esistere qualcosa- un ex-sistente, ossia un derivato, un effetto- senza il fondamento di ogni ex-sistente, il suo derivante, la sua ragione

    -----

    @adry e @?: la dimostrazione è di un soggetto la cui essenza contenga necessariamente la sua esistenza, ovvero il soggetto dell'attributo positivo dell'esistenza necessaria: lo si può chiamare come si vuole nella lingua che si vuole, superman, Elohim, Babbo natale, Dio, God, Gott, ecc. Non è un problema lessicale ma concettuale.

    Fonte/i: @papè, corrispondo da qui, visto che rinvii a questa domanda: http://it.answers.yahoo.com/question/index;_ylt=Ap...
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • ZeR0_
    Lv 5
    8 anni fa

    Splendido esempio di logica aristotelica!

    I ragni mangiano piccoli animali, gli animali piccoli sono bassi di statura, io sono basso di statura, quindi io sono un animale piccolo, quindi è possibilissimo che un ragno mi mangi, non fa una piega!

    Fonte/i: Ahah Pepè.. non sono certo esperto come te, le mie poche conoscenze risalgono al liceo.. la mia era solo una risposta ironica. Grazie della correzione comunque.
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Eh, figlio mio, pensi di essere l'unico ad aver scoperto la prova matematica dell'esistenza di Dio di Kurt Godel? Pensi forse che nessuno prima di te fosse a conoscenza delle varie prove logiche dell'esistenza di Dio fatte in passato da fior fior di filosofi?

    Beata ignoranza, quanto devi sentirti orgoglioso adesso! "Dopo anni passati a difendermi dicendo che bisogna aver fede, finalmente ho modo di fregarli con qualcosa di logico!", t'immagino che sogghigni.

    Solo che, se tu avessi onestà intellettuale, vedresti che le prove dell'esistenza di Dio sono tutte fallaci, in base alla loro tipologia, rispettivamente per due motivi, ma prima di questo occorre fare una premessa: qui si parla di dimostrazione di un Ente necessario e supremo, il Dio metafisico, non mai del Dio cristiano, o di qualsivoglia altra divinità d'una religione, il che è ben da sottolineare.

    Proseguendo, le prove dell'esistenza di Dio si classificano in due filoni: a priori ed a posteriori.

    Questa appartiene al primo tipo, e rappresenta una traduzione in termini di logica matematica godeliana della dimostrazione ontologica di sant'Anselmo d'Aosta, la più antica di tale genere.

    Ora, come ebbe a far notare già Kant (che non era ateo), essa ha il difetto di essere "ragion pura", ovvero pura logica slegata dalla realtà, autoreferenziale.

    Infatti, in maniera de facto euclidea, tali dimostrazioni generano un ente logico per definizione, definiscono l'esistenza come proprietà e procedono alla dimostrazione logica, formalmente corretta.

    Senonché, tale dimostrazione è per l'appunto solo logica! Infatti io potrei (cito l'esempio di Kant) benissimo dimostrare logicamente l'esistenza di cento talleri, ma non li avrei comunque.

    Così vale per Dio, dimostrato in tal modo come ente logico, secondo presupposti arbitrari ed indimostrabili, ma non mai come ente reale.

    Per le prove a posteriori invece, basti notare che esse si basano sul rifiuto arbitrario del regresso all'infinito, sulla necessità ed onnicomprensione del principio di causa-effetto e sulla precedentemente mostrata falsa coincidenza tra il Dio cristiano e il Dio metafisico, risultando infondate anch'esse.

    Ma non disperarti, figliolo, potrai continuare a credere in Dio per fede, come ogni religioso dotato di onestà intellettuale, e un ateo onesto (anche se ve ne sono pochi), non ti infamerà per questo, limitandosi ad esporre le proprie ragioni al riguardo.

    Abbassando il tono del mio discorso, però, ti suggerisco di abbassare la cresta, e di evitare di pisciare fuori dal vaso, come evidentemente ed ampiamente stai facendo.

    @Fenrir, in ogni caso, questa non è logica aristotelica, anche se contiene terminologie che vi si riconnettono (per forza di cose, relativamente alle origini storiche di questa prova di Godel), e il tuo "sillogismo" contiene un errore di ragionamento, consistente nell'identificare un attributo con un sostantivo, ovvero, aristotelicamente, una sostanza con un accidente; da notare inoltre che dire "Gli animali piccoli sono di bassa statura" non è un'affermazione empirica, ma una tautologia vera per definizione.

    Quanto a @Niki, corretta la previsione che molti neghino a priori, e non per confutazione (che brutta cosa l'ateismo fideistico), ma a giudicare da quanto scrivi, secondo me neanche tu hai capito, solo che siccome credi in Dio accetti comunque la dimostrazione.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    UAU.

    Somiglia molto alla logica cristallina di:

    A: La Bibbia è parola di Dio ---> ma come puoi essere sicuro che la Bibbia è parola di Dio?

    B: Perché è la Bibbia che lo dice ---> ma perché credere alla Bibbia?

    C: La Bibbia è infallibile ---> ma come sai che è infallibile?

    A: La Bibbia è parola di Dio

    E così via.

    Fonte/i: Mi sembra che nelle tue elucubrazioni ti sia dimenticato che per avere una proprietà positiva ne necessiti anche una negativa....
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    8 anni fa

    A Ogni proprietà positiva è necessariamente positiva.

    B Per definizione Superman ha tutte e solo le proprietà positive.

    C L'esistenza necessaria è una proprietà positiva.

    D Quindi Superman, se è possibile, possiede necessariamente l'esistenza.

    E Il sistema di tutte le proprietà positive è compatibile.

    F Quindi Superman è possibile.

    G Essendo possibile, Superman esiste "PER FORZA".

    A Ogni proprietà positiva è necessariamente positiva.

    B Per definizione l'unicorno ha tutte e solo le proprietà positive.

    C L'esistenza necessaria è una proprietà positiva.

    D Quindi l'unicorno, se è possibile, possiede necessariamente l'esistenza.

    E Il sistema di tutte le proprietà positive è compatibile.

    F Quindi l'unicorno è possibile.

    G Essendo possibile, l'unicorno esiste "PER FORZA".

    chissà quante altre cose ci posso mettere al posto di dio... fatina dei denti, babbo natale, elfi, fatine, bianca neve... io :3

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    Bene allora portamelo qui e presentamelo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    queste dimostrazioni sono valide soltanto per chi crede, e chi crede non ha bisogno di prove

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    la religione é l'oppio dei popoli e dio é un amico immaginario.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    Ehm.... perche' non esci a prendere una boccata d'aria invece di fare supposizione campate sul niente?

    Se hai fede son contento per te, ma non pensare di essere il nuovo messia, sei solo un utente che ha scoperto che su Yahoo ci puoi scrivere qualsiasi cosa...

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Con questa domanda mi hai dimostrato che voi credenti sapete umiliarvi benissimo, lo hai fatto i modo impeccabile. Per coprirti il capo di cenere se vuoi posso darti una mano.

    ti propongo un'altra logica cristallina

    -Dio, che è sempre esistito, ha creato l’universo

    -L'universo è sempre esistito

    -È inutile introdurre un dio per spiegare l’esistenza del mondo

    -Dio non esiste

    Vogliamo vedere chi è piu "povero di mente"

    Fonte/i: Il rasoio do Occam
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Rodan
    Lv 4
    8 anni fa

    Bene, ora dopo la teoria passiamo alla pratica: presentamelo.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.