Ma se il cane è aggressivo dipende dal padrone? spiegatemi se è vero?

Io non ho cani ma una volta cera un mio vicino che ne aveva uno e poi si è scoperto che lo picchiava, io stavo sempre con questo cane a portagli cibo e a passare il tempo con lui con la palla, quasi tutto il giorno finché non veniva il suo padrone. Il punto è che questo cane era un bastardino di 6 mesi ma di taglia molto grossa, e non mi ha mai aggredito, nonostante il suo padrone lo picchiava. Poi un mio prof aveva un Pitbul. che un giorno senza motivo gli ha morso il braccio, lui mi ha detto che lo trattava bene, e non ha capito il senso di questo atto. E poi quando cammino vedo sempre un cane oltre un recinto che quando gli passo davanti mi abbaia, sono sicuro che se non ci fosse il cancello a quest'ora mi avrebbe ucciso. Ma è vero che dipende dal padrone se un cane è aggressivo o no? io sono convinto che sono come le persone, cioè nella loro indole c'è il male, e alcuni questa indole l'hanno più sviluppata, voi cosa ne pensate?

Aggiornamento:

irene grazie di avermelo spiegato, ma se gli animali vivono d' istinto allora come mai quando stiamo con loro sembra quasi che ci amino, e perché certi cani randagi si mettono in gruppo e attaccano l' uomo con l' intento di sbranarlo(come è successo a quel camionista) e per fame? e perché stanno in gruppo se non hanno sentimenti umani?

9 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Parto rispondendo alle ultime domande anche se non le hai rivolte a me...

    In un certo senso gli animali ci "amano", ma è un "amore da cani", un misto di lealtà e rispetto e affetto e gratitudine.

    Il caso del camionista invece è particolare...

    L'istinto di sopravvivenza è più forte di qualsiasi cosa. E' brutto a dirsi, ma se chiudi due uomini in una stanza e li lasci a morire di fame... io non sono sicura che uno dei due non diventi cannibale, perché è sopravvivenza, l'istinto più forte in qualsiasi animale (anche l'uomo!): senza ci saremmo estinti da un pezzo!

    Non è ancora certo se i cani abbiano ucciso l'uomo, o se lui non sia morto per cause naturali (che sembra più probabile, perché i cani dopo erano tranquillissimi!). Per sopravvivenza, i cani se ne sarebbero approfittati.

    E anche l'abbiano attaccato... come è andata? Sono davvero comparsi dal nulla, o è stato lui che li ha aizzati, magari cercando di allontanarli a calci?

    Forse non sapremo mai cosa sia successo... ma io non me la sento di criminalizzare i cani, che erano randagi, abbandonati (dall'uomo!), forse maltrattati, che forse non avevano mai ricevuto una carezza... questi cani, perché dovrebbero amare l'uomo?

    Quanto riguarda lo stare in gruppo, è semplice: sono animali sociali, il cui istinto gli dice che da soli sono finiti (ricordati che discendono dal lupo, e un lupo solo fa fatica a cacciare, è debole contro altri predatori... è facile che muoia!).

    E' la stessa ragione per cui i cani restano con chi li maltratta: perché hanno paura che, andandosene, sarebbero soli... e per loro, soli=morti.

    Il male non può essere nell'indole di un cane, nn hanno senso morale... però sì, hanno indoli diverse.

    C'è quello territoriale, che se passi davanti a casa sua abbaia perché sei troppo vicino al suo territorio... e magari, la volta che il cancello è aperto, esce, abbaia, e se tu ti allontani lentamente neanche ti segue, lui quello che voleva l'ha avuto (se scappi no, ti scambia per una preda e per istinto ti insegue... ragione per cui molte persone vengono morse!).

    C'è il cane che ha paura, troppa paura per reagire, e non morde il suo padrone manesco. E neanche te, perché dovrebbe? Se non gli fai male, se ti conosce, se lo rispetti, non ne ha ragione.

    Ed è un cucciolone... può benissimo essere che una volta adulto morda, perché non si sente più un cucciolo indifeso e si è rotto. O forse no, se non si crede forte abbastanza. Dipende.

    Poi ci sono i cani tendenzialmente dominanti, quelli che sono più pronti, se non c'è una guida umana, a farla loro, la guida.

    Quindi il pitbull che si crede il capo, la volta che l'umano gli dice il contrario (lo accarezza sulla testa, prende una cosa, un gioco, che il cane considera sua, lo spinge giù dal divano)... e il cane pinza. Pinza, non morde (se morde il braccio lo stacca): solo che la pelle umana è delicata, e quello che su un altro cane sarebbe stato un pizzicotto, due gocce di sangue al massimo (tutto quello che voleva il pit) è una brutta ferita.

    Oppure, è il cane relegato in giardino, magari nutrito e con un sacco di giochi, ma sempre solo, che non riconosce l'umano come parte del suo branco, e se questo fa qualcosa che non deve (quello che ho scritto sopra, anche qui), morde (o pinza, più probabile).

    Oppure è il cane che pinza se provi a toccargli la ciotola, perché pensa che tu voglia toglierla (sopravvivenza, anche qui).

    In ogni caso, il proprietario è convinto di non aver fatto niente, in realtà gli ha detto qualcosa (qui comando io! per esempio) o fatto qualcosa (rubato il cibo, il gioco) e il cane, che non lo rispetta (forse gli è affezionato, ma certo non lo rispetta), lo pinza per rimetterlo al suo posto. Ma la colpa è sempre dell'uomo, che non ha pensato a cosa aveva in casa: un cane, che merita di essere amato ma soprattutto trattato da cane, con tutto il rispetto per la sua natura di cane

    Anche perché il pit ha un'aggressività altissima verso gli altri cani, quasi inesistente verso le altre specie, uomo in testa, perché è stato selezionato per questo (quindi, se non si fanno disastri nell'allevamento e nella selezione, l'uomo lo morde solo per difendere il suo padrone, che è l'umano più importante). E' stato selezionato, secoli fa, per combattere coi cani la sera e proteggere galline, padrone e famiglia del padrone (bambini inclusi) di giorno. E secoli fa, la selezione era dura e semplice: ringhi, cerchi di mordermi? E io ti do una botta in testa, che potresti mordere!

    Il cane cattivo non esiste, ma esiste il proprietario cattivo e anche il proprietario incosciente: tutti e due possono creare cani "cattivi", anche se in modi diversi.

    (Eccezion fatta per i cani dei cagnari: mai socializzati, separati troppo presto dalla mamma, nati da cani maltrattati e mgari anche loro mal socializzati, con accoppiamenti a caso... la mamma non ha potuto insegnargli niente, e loro non hanno imparato niente, neanche come si comporta un cane).

  • 9 anni fa

    secondo me , se il cane è aggressivo è sempre colpa del padrone , ciò assolutamente non significa che il padrone sia " cattivo " e lo picchia o comunque usa violenza sull'animale !

    l' esempio che hai riportato secondo me è da interpretare così :

    il cane maltratto del tuo vicino di casa prende un sacco di botte ma non aggredisce , un cane maltrattato perché picchiato , difficilmente morderà il padrone , è troppo sottomesso ! ma sicuramente è un cane con dei problemi : poca fiducia , paura , fobie e poca stima di se possono concorrere insieme ad altre cause a costituire un problema comportamentale , che nel tempo può provocare aggressione ! ! poi come hai detto tu , era un cucciolo , aveva 6 mesi , magari se le condizioni rimangono le stesse e perpetuate nel tempo , forse arriverà anche a lui ad aggredire considerando che una della maggiori cause di attacco è la paura ! le cause che portano all'attacco sono molteplici ( aggressività da paura , da dominanza , da predazione , da territorialità ecc ecc ) quindi è difficile darne il motivo se non vengono analizzati tanti comportamenti ed indole del cane

    diversamente al tuo professore , anche se non ha usato violenza vera e propria sul cane ( cioè violenza fisica) può essere riuscito mediante una cattiva gestione ( può succedere ad esempio quando facciamo ricoprire al cane il ruolo di alfa.....cosa molto molto stressante ! ) ad ottenere comunque un quadro problematico.

    in sintesi se il cane aggredisce per me è l' espressione di un forte disagio , problema che va scovato analizzato per poter capire quale percorso rieducativo intraprendere !

    @ la questione del branco è ancestrale è ovvio che i cani discendenti dei lupi stanno in branco per aumentare le possibilità di sopravvivenza e perpetuazione della specie !

  • 4 anni fa

    Più di una persona mi ha consigliato di provare questo programma di addestramento cani http://corsoaddestramentocani.latis.info/?KTyK

    L’educazione del proprio cane è un passo fondamentale da compiere. Tuttavia, è importante che questo avvenga insieme e senza troppe pretese o aspettative. Ogni animale, infatti, ha i propri tempi, e non è utile continuare a sgridarlo oppure picchiarlo.

  • Anonimo
    6 anni fa

    Se stai cercando un il miglior modo per addestrare il tuo cane ti raccomando di seguire questo corso http://amorecanino.info/

    Io ho seguito questo corso e mi ha aiutato tantissimo col mio cane! Lo raccomando a tutti i propriertari di cani

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Allora per il cane la genetica conta per l'80%, il restante 20% dipende dal padrone e dall ambiente in cui vive.

    un altra cosa importante da kiarire è ke il cane non è come le persone, non ci puo essere il male nella loro indole xkè il cane non ha una coscienza. il suo cervello è paragonabile a quello di un bambino di circa due anni e mezzo x quanto riguarda i processi congnitivi... quindi il cane nn ha il discernimento etico del bene e del male. non capisce bene e male ma solo vantaggio svantaggio, oppure è bene tutto cio ke porta benessere come le azioni premiate dal padrone.

    l'aggressività dipende dalla razza, ma in tutte le razze cmq nn esiste un cane ke sia aggressivo senza motivo. non tutti i cani ke subiscono maltrattamenti diventano aggressivi, anzi spesso diventano semplicemente paurosi e diffidenti..

    riguardo al pitbull come tu stesso dici lui nn ha capito il senso di questo atto. il fatto ke noi nn conosciamo il motivo non vuol dire che non ci sia, c'è sicuramente ma il tuo prof dovrebbe parlarne con un addestratore e descrivergli bene la situazione e il rapporto ke ha col cane per capire cosa è successo.

    il fatto ke gli animali vivono d istinto nn vuol dire ke nn provano amore... ma l amore nn è x forza un sentimento solo umano! anke noi abbiamo l istinto anke se piu assopito, l istintualità non esclude la capacità di amare e viceversa. i cani hanno dei sentimenti ma come ho detto prima nn hanno il discernimento etico del bene e del male. non è ke pensano che se sbranano una persona poi la moglie soffre per la perdita. nel caso di quei nove cani penso che avessero fame, di solito i cani anke se hanno fame non attaccano l uomo, anzi muoiono di fame xkè il loro istinto predatorio è assopito dato ke non vivono in natura come i lupi, ma capita ke se si riuniscono in branco col tempo e con la necessità di nutrirsi si risveglino in loro quei comportamenti atavici presenti solo nei lupi che tralartro neanke i lupi in natura attaccano l uomo xkè nn è una loro preda naturale.

    Quindi è l uomo che crea queste situazioni che portano i cani a comportarsi in un certo modo... il numero stesso lo dice: un branco di NOVE cani... pensi che nove cani che si muovono in branco riescano a sopravvivere solo di spazzatura? una volta ke vengono abbandonati a loro stessi e che formano un branco nn sono piu cani addomesticati. cio nn vuol dire ke nn possano essere recuperati.

  • 9 anni fa

    decisamente se un cane viene pikkiato diventa aggressivo....ma per esempio io nn pikkio il mio cane ma è cmq aggressivo cn gli estranei....infatti sono disperata e l ho iscritto ad un corso...forse ho sbagliato io ad educarlo da cucciolo o forse no...cmq i cani hanno anke un carattere.......

    Fonte/i: ioooo
  • irene
    Lv 7
    9 anni fa

    Sono animali, quindi non sono affatto come le persone.

    Conrad, che in questo campo una certa competenza ce l'aveva, diceva che "personalizzare" gli animali dotandoli di intelletto e emozioni simili a quelle umane (un po' come gli animaletti disegnati da Walt Disney) è assolutamente sbagliato.

    Per questo a volte gli animali reagiscono in modo illogico, secondo i nostri parametri.

    Il cane reagisce in base ad istinti e stimoli che vengono letti in maniera diversa dal suo cervello rispetto ad un cervello umano.

    Ci sono animali che hanno un'indole più violenta, che attaccano quasi senza motivo, e per questo vengono preferibilmente impiegati come cani da guardia e tenuti sotto controllo con guinzagli, museruole e recinti.

    Il discorso che fai sul "male" non ha senso, non lo fanno con l'intenzione di fare del male a qualcuno.

    -----------------------------------

    I cani non stanno in gruppo, stanno in branco, e rispondono pertanto alle regole del branco, che non sono propriamente le stesse che governano un gruppo formato da persone umane.

    Gli animali si attaccano a noi perchè ci riconoscono come capobranco (li nutriamo, li curiamo, diamo loro delle regole da seguire, la loro vita è in mano nostra). In particolare i cani per indole sviluppano un senso di lealtà nei confronti del padrone, mentre i gatti ad esempio si affezionano più che altro alla casa, al territorio.

    I branchi che attaccano un essere umano rispondono al comando del capobranco, il quale può dare l'ordine di attaccare per diversi motivi: ha subìto maltrattamenti da altri umani, qualcosa nel camionista o addirittura nel camion gli ha ricordato un brutto episodio, il camionista ha fatto un gesto repentino che il cane ha interpretato come aggressione, ecc.

    I randagi hanno una vita dura, sanno che in situazioni di pericolo devono attaccare per primi, altrimenti potrebbero non avere scampo. Sono animali, non si fermano a ragionare, lo fanno e basta.

  • 9 anni fa

    non vuol dire che se una persona tratta bene il cane questo nn può diventare cattivo...perchè non bisogna ne essere cattivi ne buoni, bisogna essere autorevoli, perchè sennò sia in un caso che nell'altro il cane si sente che può comandare e fare come gli pare!! quindi sicurezza, autorevolezza e dargli i premi soltanto quando se li merita...

  • 9 anni fa

    Io ho un bel bastardino incorciato con un bull-dog e un pitt... a vederlo incute timore....ma è un bonaccione.... secondo me dipende moltissimo ''dall'imprinting'' dei primi mesi, poi certo che se il apdrone lo addestra per guardia e divesa personale sarà un cane più aggressivo

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.