Qual è la Chiave per imparare ad Amare il nostro prossimo!?

Se davvero tutti siamo chiamati all'Amore Vero, a donare la Vita per il prossimo, senza distinzione tra ateo o credente, vi domando:

qual è per voi la chiave per amare il prossimo?& sopratutto, sapreste metterla SEMPRE in pratica?

Grazie di vero cuore...Universitaria [^_^]

Aggiornamento:

@Alexander, lo so...lo immagino...

Aggiornamento 2:

@l'uomo che fuma, grazie del bellissimo pensiero...

Aggiornamento 3:

@tutti, grazie infinite per le vostre parole...

Aggiornamento 4:

@Serpico, grazie a te, caro Serpico per le bellissime parole...

Aggiornamento 5:

@Metal Lord, se ne parliamo, non è detto che sia impossibile...basta davvero volerlo, tesoro :)

Aggiornamento 6:

@Metal Lord, purtroppo, condivido cara...

Aggiornamento 7:

@Amilcare, io sono credente...però non condivido del tutto le tue parole...siamo TUTTI (Indistintamente!) chiamati ad AMARE il prossimo...senza eccezioni...

Aggiornamento 8:

@Nonno Eugenio, grazie...che belle parole ^.^

18 risposte

Classificazione
  • John
    Lv 7
    8 anni fa
    Migliore risposta

    Gentile Universitaria,

    credi a me, la chiave per imparare ad amare il prossimo l’avevano in mano i nostri genitori quando eravamo piccoli; se abbiamo ricevuto amore e soprattutto esempi, saremo in grado a nostra volta di donarlo, altrimenti è difficile venga spontaneo un sentimento altruistico e solidale; si “vende” quanto si ha nella “sporta”.

    Si sa da tempo e lo si sente spesso ripetere dagli studiosi ed esperti, che il primo antidoto al disagio sociale è la famiglia unita. Se non c’è la famiglia ad educare i figli, non c’è asilo, non c’è scuola che tenga. Arrivano delinquenza e devianza giovanile; se i genitori si separano, è il tessuto sociale che si lacera.

    Noi abbiamo dentro un “software” che ci condiziona lungo la vita; ed è quel “programma” che la famiglia ha inserito nella nostra mente e quando nella vita operiamo, peschiamo da quel software per impostare le nostre scelte. L’ambiente in cui cresciamo (in particolare nei primi tre anni di vita) ci fornisce le coordinate per la “navigazione” successiva.

    Chi è stato aiutato negli anni giovanili, prima dalla famiglia e poi da educatori di valore, è agevolato nel realizzare la sua personalità e quindi identità perchè come una pianticella tenera è stata sostenuta da puntelli fino alla sua totale radicazione sul territorio. C’è un famoso psicologo umanista americano, tale Abraham Maslow che ha redatto la altrettanto famosa piramide dei bisogni: http://it.wikipedia.org/wiki/Bisogno

    Maslow in pratica, sostiene che quando riusciamo a risolvere i nostri bisogni fisiologici, tendiamo verso bisogni superiori. Vi è quindi una gerarchia dei bisogni che dal fondamentale (che sono i bisogni fisiologici) sale su su fino alla realizzazione completa dell’uomo nella sua interezza psico-fisica; là dove ci sentiamo stimati e utili anche agli altri. È la prova che l’uomo è biologicamente solidale se gli vengono forniti tutti i supporti dalla famiglia.

    Ne consegue che se qualcuno di quei bisogni non viene soddisfatto, può succedere che quel bambino una volta adulto, non si sappia comportare in società, manifestando, in tante forme e maniere, le sue carenze in campo sia affettivo che di ordine relazionale.

    Nonno Eugenio. Un saluto a Patty.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • ZeR0_
    Lv 5
    8 anni fa

    Accettarlo per quello che è senza fossilizzarci su ciò che noi vorremmo che fosse.

    Vorrei puntualizzare una cosa: l'amore non esclude lo scontro, esclude la violenza.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Rispettare le idee altrui e dialogare pacificamente.

    Cosa IMPOSSIBILE per l'uomo.

    Persino io ammetto di esserne incapace.

    universitaria: finchè esisteranno degli esseri inferiori che hanno segatura al posto del cervello, sarà alquanto improbabile. Esistono persone subdole che godono a perseguitare gli altri, ad insultarli deliberatamente, a friggere loro il cervello ad ogni minima obiezione, persone che fomentano le guerre, militaristi che si infiltrano nelle proteste pacifiche causando disordine, persone che si approfittano di chi non può difendersi, persone che vivono alle spalle degli altri, come dei parassiti, persone che inquinano il pianeta, persone che lucrano sulla vita degli altri, che impongono una certa mentalità dittatoriale.

    Come si può amare il prossimo in un mondo come questo?

    Fonte/i: universitaria: come sarebbe "cara"? Non hai visto il "Lord" del mio nick? :D
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Considerarsi parte dell'umanità, non singoli individui egoisticamente destinati a chissà che incredibili paradisi eterni.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    8 anni fa

    Ma chi càzzo lo vuole amare il prossimo che nove su dieci è un finto moralista come te.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    E' una domanda molto difficile per me, perchè vorrei amare tutti , sempre, ma se amo molto facilmente certe persone, per certe altre faccio molta fatica, anzi spesso desisto ,ma poi ci riprovo.Per certe persone mi sento come essere sull'altalena; qualche risultato l'ho ottenuto, ma è difficile, difficile saper amare tutti ;in ogni modo, non tutti alla stessa maniera.

    Gesù è la chiave che apre tutte le porte.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Ma naturalmente la risposta la si può trovare nella Bibbia, in questo splendido libro si trovano le risposte a tutte le domande, rappresenta il volere di Dio e ciò che lui desidera venga fatto:

    http://www.laparola.net/testo.php?riferimento=Deut...

    Fonte/i: Giosuè 1:8 Non si allontani dalla tua bocca il libro di questa legge, ma mèditalo giorno e notte, perché tu cerchi di agire secondo quanto vi è scritto; poiché allora tu porterai a buon fine le tue imprese e avrai successo. Quindi agite seguendo quanto comandato da Dio in Deuteronomio 7
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    imparare ad amare Gesù come Lui ci ha insegnato.

    Come molte volte la Madonna ripete anche a Medjugorie, l'invito di oggi come di 2000 anni fà è quello di decidersi per un amore non umano, ma divino.. se vogliamo, possiamo. Dio ci ha creati a sua immagine e solo con la sua grazia e il suo amore possiamo trasformarci in persone nuove. Abbiamo dentro di noi quella scintilla di divinità che è in potenza in noi. "Chi perderà la propria vita a causa mia, la troverà". Io ho la certezza di essere amata da Dio e questo mi basta

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    anche io sono daccordo con amilcare.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    no

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.