Mi potete consigliare una ricerca urgentissima sulla Basilica di Massenzio?

La professoressa ci ha dato una ricerca per ogni monumento di roma! Sulla basilica di Massenzio non ho trovato nulla su wikipedia, o meglio ho trovato troppo poco. Poi sono andata su un sito dove ho trovato circa una 90ina di pagine, ma non riesco a capire cosa di veramente importante va messo in quella ricerca! Aiutatemi!!

4 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    http://it.wikipedia.org/wiki/Basilica_di_Massenzio

    http://www.archeoguida.it/00680_roma-basilica-di-m...

    Si tratta di uno dei più grandi monumenti del Foro Romano

    e uno dei più importanti edifici di età tardo-antica.

    La costruzione venne avviata da Massenzio sull'area dove in

    precedenza erano i magazzini per la lavorazione e conserva-

    zione delle spezie (Horrea Piperitaria); l'opera però venne

    portata a termine soltanto da Costantino, e infine ristruttura-

    ta verso la fine del IV sec. d.C.

    Lo schema della basilica è quello classico (potete vedere la

    piantina qui a fianco): tre navate, quella centrale più grande

    e alta rispetto alle due laterali di uguale dimensione, e scan-

    dita da alte colonne di marmo proconnesio sfortunatamente

    andate perse ad eccezione di una che venne posta nel 1613

    nella Piazza di Santa Maria Maggiore.

    Originariamente l'ingresso si doveva trovare sul lato est,

    verso il tempio di Venere e Roma (dal lato del Colosseo); vi

    erano cinque grandi passaggi che portavano a una specie di

    atrio dal quale si passava alla navata centrale (lunga 80 m,

    larga 25 m e alta 35 m). La navata era divisa da potenti pi-

    lastri, quattro dei quali isolati al centro, che la dividevano

    in tre parti, ognuna coperta da una grande volta a crociera, e

    terminava con un'abside. All'interno di questa si trovava una

    statua gigantesca originariamente raffigurante Massenzio ma

    in seguito adattata per Costantino; la statua era di tipo acroli-

    to (parti scoperte del corpo in marmo, il resto in altro mate-

    riale, probabilmente bronzo dorato). Le parti marmoree rin-

    venute nel 1487 (la testa alta 2.6 m e il piede lungo 2 m) pos-

    sono essere viste presso il cortile del Palazzo dei Conserva-

    tori in Campidoglio.

    Le due navate laterali (come quella centrale) erano suddivise

    ognuna in tre settori che erano coperti, trasversalmente rispet-

    to alla navata centrale, da una volta a botte ornata da casset-

    toni ottagonali. Al centro della navata laterale settentrionale

    vi era un'altra grande abside preceduta da una coppia di co-

    lonne e con le pareti adornate da nicchie per statue inqua-

    drate da colonnine su mensoloni scolpiti.

    In corrispondenza di quest'abside sul lato sud, verso la via

    Sacra (dal lato del Foro), venne aperto un nuovo ingresso sot-

    to Costantino, che spostò l'asse principale mantenendo però

    inalterata la tripartizione interna, sia pure in senso opposto.

    L'ingresso era formato da una scalinata, che serviva a supera-

    re il dislivello tra la strada e la basilica, e da un avancorpo

    sostenuto da quattro colonne di porfido.

    La basilica è stata recentemente identificata come la sede del-

    la Prefettura Urbana, la più importante fra le cariche della cit-

    tà in età tardo-antica; presso la basilica (precisamente nel-

    l'abside della navata settentrionale) nel IV secolo sarebbe

    stato trasferito il Secretarium Senatus (la sede del tribunale

    per i processi ai membri del Senato) dall'area della Curia

    Giulia.

    Di tutto il monumento è rimasta in piedi la sola navata mino-

    re settentrionale con la grande abside e le arcate delle volte a

    botte. Tutto il resto crollò probabilmente già con il terremoto

    al tempo di papa Leone IV (metà del IX secolo) e i materiali,

    tra cui le lastre di bronzo dorato che ricoprivano il tetto (fatte

    togliere da papa Onorio I nel 626 per San Pietro), furono

    asportati e reimpiegati in altre costruzioni.

    http://www.archeoroma.com/Foro%20Romano/basilica_d...

  • 3 anni fa

    Vi consiglio questo sistema per perdere peso in poche settimane http://FattoreBruciaGrasso.gelaf.info/?7iO4

    Attenzione però, non dovresti chiederti come dimagrire per avere un aspetto migliore ma soltanto per ritrovare la salute, l’energia e la vitalità. Perché solo un corpo sano è un corpo bello.

  • Anonimo
    9 anni fa

    Ti consiglio questo volume:

    LA BASILICA DI MASSENZIO il monumento, i materiali, la struttura

    Carlo Giavarini (ed.)

    Progetto grafico "l'Erma" di Bretschneider

    Spero di esserti sato utile, ciao

  • Anonimo
    9 anni fa

    Si tratta di uno dei più grandi monumenti del Foro Romano

    e uno dei più importanti edifici di età tardo-antica.

    La costruzione venne avviata da Massenzio sull'area dove in

    precedenza erano i magazzini per la lavorazione e conserva-

    zione delle spezie (Horrea Piperitaria); l'opera però venne

    portata a termine soltanto da Costantino, e infine ristruttura-

    ta verso la fine del IV sec. d.C.

    Lo schema della basilica è quello classico (potete vedere la

    piantina qui a fianco): tre navate, quella centrale più grande

    e alta rispetto alle due laterali di uguale dimensione, e scan-

    dita da alte colonne di marmo proconnesio sfortunatamente

    andate perse ad eccezione di una che venne posta nel 1613

    nella Piazza di Santa Maria Maggiore.

    Originariamente l'ingresso si doveva trovare sul lato est,

    verso il tempio di Venere e Roma (dal lato del Colosseo); vi

    erano cinque grandi passaggi che portavano a una specie di

    atrio dal quale si passava alla navata centrale (lunga 80 m,

    larga 25 m e alta 35 m). La navata era divisa da potenti pi-

    lastri, quattro dei quali isolati al centro, che la dividevano

    in tre parti, ognuna coperta da una grande volta a crociera, e

    terminava con un'abside. All'interno di questa si trovava una

    statua gigantesca originariamente raffigurante Massenzio ma

    in seguito adattata per Costantino; la statua era di tipo acroli-

    to (parti scoperte del corpo in marmo, il resto in altro mate-

    riale, probabilmente bronzo dorato). Le parti marmoree rin-

    venute nel 1487 (la testa alta 2.6 m e il piede lungo 2 m) pos-

    sono essere viste presso il cortile del Palazzo dei Conserva-

    tori in Campidoglio.

    Le due navate laterali (come quella centrale) erano suddivise

    ognuna in tre settori che erano coperti, trasversalmente rispet-

    to alla navata centrale, da una volta a botte ornata da casset-

    toni ottagonali. Al centro della navata laterale settentrionale

    vi era un'altra grande abside preceduta da una coppia di co-

    lonne e con le pareti adornate da nicchie per statue inqua-

    drate da colonnine su mensoloni scolpiti.

    In corrispondenza di quest'abside sul lato sud, verso la via

    Sacra (dal lato del Foro), venne aperto un nuovo ingresso sot-

    to Costantino, che spostò l'asse principale mantenendo però

    inalterata la tripartizione interna, sia pure in senso opposto.

    L'ingresso era formato da una scalinata, che serviva a supera-

    re il dislivello tra la strada e la basilica, e da un avancorpo

    sostenuto da quattro colonne di porfido.

    La basilica è stata recentemente identificata come la sede del-

    la Prefettura Urbana, la più importante fra le cariche della cit-

    tà in età tardo-antica; presso la basilica (precisamente nel-

    l'abside della navata settentrionale) nel IV secolo sarebbe

    stato trasferito il Secretarium Senatus (la sede del tribunale

    per i processi ai membri del Senato) dall'area della Curia

    Giulia.

    Di tutto il monumento è rimasta in piedi la sola navata mino-

    re settentrionale con la grande abside e le arcate delle volte a

    botte. Tutto il resto crollò probabilmente già con il terremoto

    al tempo di papa Leone IV (metà del IX secolo) e i materiali,

    tra cui le lastre di bronzo dorato che ricoprivano il tetto (fatte

    togliere da papa Onorio I nel 626 per San Pietro), furono

    asportati e reimpiegati in altre costruzioni.

    Queste cose k ho trovato sono importanti ciaoooo.... :D 10 pnt xf

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.