promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeAgricoltura · 8 anni fa

Fragole bomba: fanno più male che bene? Non saranno piene di fitofarmaci?

Le fragole di bosco sono rade, piccolissime, stentarelle, poco più grandi dei ribes. Le fragole di coltivazione amatoriale però hanno sempre avuto le dimensioni di una noce o poco più, raccolte a giugno sotto piccole serre casarecce fatte di retine o tele plastiche. Ora però vedo che le fragole vendute al supermercato sono grandi piccole mele. Mi chiedo: quanti veleni ci vogliono per pompare una fragola a tali dimensioni? Mangiando una fragola superpompata la quantità di vitamina A e C assunte valgono il gioco della candela rispetto ai veleni e farmaci agricoli utilizzati per ottenere una fragola di simile crescita e bellezza ? 10 punti, gradito il parere di un aperito agrario.

5 risposte

Classificazione
  • Angie
    Lv 6
    8 anni fa
    Risposta preferita

    non è sempre così. mi spiego: le fragole che trovi in commercio (e diciamolo tutta la frutta e verdura) possono derivare da molteplici strade. non sempre un frutto grosso vuol dire per forza avvelenato o pieno di fitofarmaci. spesso per far crescere un frutto basta dare moltissima acqua, associato a concime. ecco perchè il sapore è quasi assente, stai mangiato un frutto composto pricipalmente di acqua, che si è ingrossato troppo velocemente per sviluppare i zuccheri e gli altri componeti. spesso si tratta di piante ibridate, ovvero ottenute incrociando le varietà di fragole fino ad ottenere la cultivar con il frutto grosso. a volte, purtroppo, si tratta proprio di frutti trattati con ormoni della crescita. di per sè i fitofarmaci servono per proteggere la pianta da malattie e insetti, non per far ingrossare i frutti. tieni presente che le fragole attualmente sono spesso coltivate fuori terra, in terreni di coltura (in sostanza in ambienti sterili dove l'uso di veleni è praticamente zero), trattanto le piante con grandi quantitativi di acqua (spesso nebulizzata continuativamente) e concimi. tutto sommato possiamo dire che forse è meno contaminata una fragola di una arancia. capire l'origine del frutto è difficile.

    consiglio: la fragola è tutto sommato semplice da coltivare e soprattutto è perenne. compra delle piantine in qualche serra o delle sementi e potrai coltivare le tue fragole anche in vaso. tanto sole e avrai ottimi frutti con poca fatica...

    Fonte/i: perito agrario
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Il collega Marvino ha detto bene sugli attuali trattamenti alle varietà coltivate. Preciserei soltanto che le differenze nella dimensione tra le fragoline di bosco e le fragole coltivate derivano in partenza dalla poliploidia di queste ultime e solo secondariamente dalle modalità di coltivazione. La poliploidia è un fenomeno genetico ricorrente nelle piante coltivate, specialmente ortaggi e piante da foraggio, in quanto provoca spesso il gigantismo di tutti o alcuni organi della pianta.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    In questi anni si sono sviluppate piante di fragole con i frutti un pò più grandi, tuttavia mi è capitato di vedere in supermercato fragole molto più grandi del normale. Le piantine ibride (quelle appunto modificate geneticamente , ovvero ogm, che possiamo comprare anche noi o comunque trovi le fragole al supermercato) non fanno assolutamente male al contrario di quanto molti dicono. Come ti dicevo però in commercio trovi anche fragole molto grandi, di un bel rosso intenso molto polpose. Queste sono trattate con ormoni della crescita, concimi e fitofarmaci, e anche colorate con pigmenti facenti parte sempre della categoria dei fitofarmaci. Se ci pensi, è impossibile che una fragola cresca tantissimo e riesca inoltre a assorbire tutti quei pigmenti rosso intenso. Ovviamente non dico che sono nocive ma non possiamo certo definirle naturali. Ti faccio notare che in genere queste fragole costano la metà di quelle naturali.

    Fonte/i: Dottore agronomo
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Secondo me sono varietà diverse ottenute attraverso ibridazioni e non frutti gonfiati con fitofarmaci.

    Le fragole che ho nel mio orto sono grandi, ma ne ho comprata qualche piantina anni fa e si sono riprodotte per stoloni, non ho mai somministrato insetticidi o concimi chimici.

    L' unico problema che ho è che la metà mi vengono mangiate dai merli quando sono ancora in fase di maturazione. Non mi risulta che gli animali selvatici vadano a rubare frutti dannosi per la salute.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • P
    Lv 6
    8 anni fa

    Le vere fragole non le mangeremo mai più.

    Ritengo che tutti i prodotti industriali vendute nei supermercati siano dei surrogati di quelli veri, belli da vedere e col gusto adeguato ai nostri pensieri.

    Ad esempio il latte che beviamo non è latte ma una bevanda al gusto latte

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.