Gjvic
Lv 5
Gjvic ha chiesto in Arte e culturaFilosofia · 9 anni fa

Vi è mai capitato di scoprire pensatori che avevano le vostre stesse idee?

L'altro giorno per curiosità ho iniziato a leggere un libro di filosofia e in alcuni passi ad esempio quelli riguardanti l'isola di Utopia o alcuni pensieri di Rosseau ho notato che pur non avendoli mai letti prima si trovavano pensieri ai quali ero arrivato autonomamente, è capitato pure a voi?se si, in quali filosofi vi siete ritrovati?

7 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Sono in molti a pensare che la filosofia sia solo un insieme di speculazioni poco pratiche e molto astruse o un'attività adatta per intellettuali privilegiati esonerati per estrazione sociale dai lavori manuali.Soprattutto al giorno d'oggi la filosofia è concepita come un qualcosa di lontano dalla vita quotidiana,uno sterile passatempo, qualcosa da cui stare lontani se si vuole essere lavorativamente efficienti e socialmente attivi.

    In realtà il trascurare la filosofia è la vera malattia dei nostri giorni, il fattore nel quale si può rintracciare la mancanza di vitalità e senso critico che affligge e soffoca la nostra quotidianetà.

    Non c'è cosa più naturale per l'uomo del filosofeggiare.

    Anche se non ce ne rendiamo conto in realtà siamo tutti dotati di spirito filosofico e le tue semplici parole lo confermano.

    Il porsi domande e il ricercare risposte è filosofia.

    Non accettare le imposizioni esterne senza prima vagliarle criticamente è filosofia.

    Ricercare la felicità è filosofia.

    Contemplare un'opera d'arte o musicale e indagare i fattori che la rendono bella è filosofia.

    Meravigliarsi di fronte all'ignoto è filosofia.

    Liberarsi dai pregiudizi è filosofia.

    Io mi sono laureata in questa splendida disciplina e ti dico che non c'è stato filosofo dal quale io non abbia tratto un insegnamento.Ti lascio comunque con un frammento:

    "La maggior parte degli uomini sono filosofi in quanto operano praticamente e nel loro pratico operare è contenuta implicitamente una concezione del mondo, una filosofia." (Gramsci, "Quaderni del carcere")

    @Un buon libro di filosofia non stona tra un pezzo e l'altro di musica rap!!!!!!!!

  • Anonimo
    9 anni fa

    Bà, io non sono d'accordo con il dottor surequa e con la sua visione ottimista e superficiale che prevede una progressione del quoziente intellettivo umano!Secondo me anzi è proprio il contrario e ad un progresso temporale non corrisponde un progresso mentale o etico. Poi, perchè l'uomo dovrebbe comprendere le grandi idee del passato fra migliaia e migliaia di anni?Perchè il trascorrere del tempo dovrebbe condurre a questo miracolo di illuminazione?I secoli sono passati anche per noi e non vedo intorno a me gente che dibatte di Aristotele al bar. E poi che cavolo significa "raggiungere un buon livello di "comprensione esistenziale" per Surequa?Guarda che l'esistenza è un campo aperto che non si chiude dentro una "buona comprensione",che ne sa Surequa dell'esistenza?Avrà esperienza solo del suo micro mondo, e dalle sue parole deduco solo arroganza.Che significa "il tema della filosofia richiama l'intelligenza"?Surequa è molto confusa sulla filosofia e si deduce dalla fragilità delle sue asserzioni.Se il silenzio è d'oro perchè non inizia con il tacere?Elogia il silenzio con un cubetto di parole?

    Perdonatemi la querelle ma siamo nell'ambito di una questione filosofica e non ne posso fare a meno!!

    Comunque si, mi è capitato di scoprire pensatori con le mie idee, solo che erano espresse meglio da loro!Mi piacciono molto i tre maestri del sospetto, Marx, Nietzsche e Freud. Ciao

  • 9 anni fa

    Ho pensato spesso che gente che è nata tanti anni prima di me ha avuto i miei stessi pensieri e mi fa passare per plagiatore, emulo o epigono soltanto perché sono nato dopo. Questa cosa mi fa rodere l'anima, poiché mi pare profondamente ingiusto che questi qua siano passati alla storia del pensiero e io no, soltanto perché loro sono nati prima di me.

  • 9 anni fa

    In genere tra me e i filosofi vi è una guerra aperta, ma capita che con alcuni condivida parte del loro pensiero.

    Mi è capitato con Eraclito per la questione del panta rei "tutto scorre" o con i sofisti.

    In tutto e per tutto sono d'accordo con Erasmo da Rotterdam e condivido il modello di stato liberale di John Locke.

    Ora, ho trovato analogie col mio pensiero circa la dialettica di Hegel e alcuni aspetti delle riflessioni di Marx.

    Con tutti gli altri è odio profondo! :D

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    ..si,si io mi rispecchio molto in schopenhauer ..lo adoro.

  • Deci
    Lv 6
    9 anni fa

    E' naturale. Il q.i. degli esseri umani aumenta decade dopo decade; fra molte migliaia di anni, nel caso l'uomo popoli ancora la Terra, tutti saranno consapevoli di quelle idee così originali passate alla storia. Quello che mi chiedo è (ipoteticamente) se tutti saranno arrivati allo stesso livello ci saranno sempre conflitti mentali, ideologici, e per quelli che come me sono riusciti ad arrivare ad un livello di comprensione esistenziale buono vanificando anche le idee di quei superficiali dei filosofi non so come riusciranno a gestire la cosa, credo solo che ci sarà un gran silenzio; il silenzio è d'oro, serve a rispondere alla stupidità che ci attacca. Però bisogna anche prendere in considerazione il fatto che (anche se i paragoni non sono certezze, né il paragonare stesso lo è) anche al giorno d'oggi gli adulti hanno la stessa esperienza quasi, ma vivono individualmente senza porsi il problema di "essere come gli altri". C'è da considerare anche che per quanto ci consideriamo intelligenti c'è qualcuno ancor più originale. Per quelli che poi (come all'utente sopra) rode l'animo per quel fatto, è solo questione di gelosia, di perdita di identità, perdita di unicità, insoddisfazione nel veder attaccato il proprio desiderio di considerazione da parte degli altri. E poi il tema della filosofia richiama l'intelligenza, che è una cosa molto combattuta, perchè è vista come grandezza di una persona dall'inizio dei secoli, nessuno vuole essere considerato stupido difatti. Quando c'è scritto "intelligente" accorrono tutti come pecorelle.

  • 9 anni fa

    Dificilmente si trova una persona cosí. La Storia in tutti i suoi ambiti ha avuto sempre una persona che, vedendo questo, ha dovuto finire la sua vita, predicando il bene e l'amore tra gli uomini. Se tutti pensassemo la stessa idea o i stessi principi, il mondo cadrebbe in totale caos. Tu, cerca di inoltrare la tua esistenza nella Verità. Saluti.,

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.