Ma cosa sono i partiti politici?

Ragazzi non ho capito una cosa: I partiti politici sono associazioni di persone con comunanza di ideologia e interessi e sono associazioni private non riconosciute, non soggette a controllo delle istituzioni.

Ma in che senso la forza dei partiti dipende dal fatto che gli atti politici che propongono sono fatti propri dal parlamento e quindi dal governo e acquistano perciò una forza giuridica vincolante?

Cioè i partiti non dovrebbero limitarsi a proporre una lista con dei candidati, votati dal popolo, che andranno poi in parlamento e faranno leggi?.

Ma poi i partiti politici si trovano in parlamento, o sono fuori dal parlamento?

Ho le idee un po' confuse. Mi aiutate a capire

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    9 anni fa
    Risposta preferita

    I partiti sono rappresentati in parlamento da loro componenti che sono entrati in esso attraverso le elezioni, tramite il meccanismo delle preferenze o attracverso scelte interne dei partiti stessi. Insomma, io posso votare il partito tale ed accanto al simbolo crocettato mettere una preferenza ovvero solo il simbolo. E' quindi ovvio che il parlamento è formato da rappresentanti dei partiti. I Partiti hanno sede fuori dal parlamento, ovvio. Essi però proponogono i "politici", cioè quelle persone le cui faccione riempiono i cartelloni durante le campagne elettorali. Ci sono poi altri che vengono mandati a Roma per quei meccanismi cui sopra che non conosco. Infatti, alle elezioni, un Partito presenta sia il personaggio di punta - ke mira al cadregone di capo del governo - ke una lista di altri personaggi, i famosi "parlamentari". Essi siederanno nell'aula svolgendo quelle attività di discussione e scelta o non scelta di cui si sente parlare.

    La forza di un Partito sta nel n° di voti che prende: più ne prende, più gente manda in parlamento e se gli va di cùlo, il suo capoccia o chi il partito ha designato diventa capo del governo. Allora egli va dal Presidente e gli presenta la lista dei parlamentari eletti o anche di esterni che vuole chiamare a formare il "Governo", cioè i Ministri. Ciò in quanto il suo partito ha superato gli altri per n° di voti. Ecco la forza dei partiti.

    Secoli fa, prima del 1848, non esistendo partiti, nè elezioni, comandava solo il Re ke nominava i Ministri che rispondevano solo a lui. Il popolo non aveva non solo il diritto di associarsi politicamente (era "sedizione e cospirazione") ma ovviamente nemmeno quello di influire sulla politica, nè i mezzi per farlo: eccetto sommosse e rivolte.

  • 9 anni fa

    Mai! Mai Marge! Non posso vivere una vita convenzionale come la tua, io voglio tutto, le discese ardite, e le risalite stordite, la crema in mezzo. Certo potrei offendere qualche naso dal sangue blu, col mio incedere vanitoso e il mio odore muschiato. Oh, io non sarò mai il prediletto dei così detti padri della città, che schioccano la lingua, si allisciano la barba, e parlano di quello che deve essere fatto, di questo Homer Simpson! [Risposta all'invito di Marge ad abbandonare la montagna di zucchero]

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.