Musulmani ed Ebrei possono denunciare i loro genitori per averli circoncisi senza il loro permesso?

Aggiornamento:

SON OF NOAH: figurati che vivo in Israele! Quindi sì, ne conosco tantissimi e la mia domanda è nata proprio dal fatto che un mio amico ebreo non credente mi ha detto che si deve informare se può denunciare i suoi genitori. Dubito che Israele gli dia ragione e dubito che lui lo faccia realmente (era ubriaco e scherzava e ama i suoi genitori) ma la domanda è naturale. Non porsi domande è tipico dei credenti. Porsele è tipico di chi ha sete di conoscenza.

Aggiornamento 2:

SON OF NOAH: il mio amico dice che prova meno piacere durante un rapporto sessuale poiché il suo glande non ha la sensibilità del glande di noi non circoncisi. Concludo dicendo che il messaggio che stai lanciando è pericolosissimo. Non basta essere circoncisi per essere immuni da HIV e altre infezioni. Non far passare questo messaggio! C'è solo una leggere differenza tra circoncisi e non circoncisi, di certo non tale da smettere di usare precauzioni. Sarebbe una follia!

Aggiornamento 3:

STEFANO GIANNINI: ti contraddici da solo. Dici, cito, " vaccinazione obbligatoria, l' istruzione obbligatoria, l' iscrizione all' anagrafe". Ma queste, in quanto obbligatorie, sono richieste dallo stato, non sono una scelta dei genitori a scapito del figlio. Al massimo si potrà denunciare lo stato in questo caso, mica i genitori. Io ringrazio lo stato di avermi fornito vaccini e istruzione. Se tu vuoi denunciarlo perché avresti preferito ammalarti di polio sei liberissimo.

Aggiornamento 4:

SON OF NOAH: è solo una sua opinione.

Aggiornamento 5:

MANNONSUPER: non dirmelo, dico spesso ai miei di non farmi arrabbiare se no li denuncio per avermi fatto andare a catechismo! Poi con la scusa che dovevo allenarmi (calcio) non andavo quasi mai, ma il trauma è stato irreparabile.

7 risposte

Classificazione
  • Lv 7
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Ne dubito. Tagliare un dito a un bambino è un crimine ma tagliargli altre parti, purché sia tutto giustificato da "motivi religiosi" è largamente accettato, per cui la legge si è adeguata,è stata fatta su misura per queste usanze barbare, salvo prevedere che il tutto avvenga in ospedale. Anzi la legge è così permissiva e compiacente con chi crede (creando così cittadini di serie A e di serie B) che la Cassazione, con la sentenza 43646/11 ha sancito che è un "errore scusabile" non ricorrere al medico per far circoncidere un bambino causando a quest’ultimo una emorragia grave.

    Se tu fai le stesse cose ad un bambino non per motivi religiosi, diventi un mostro da prima pagina.

    Queste concessioni sono una piaga di ogni società civile e sono dovute al peso che viene dato ai credenti.

    Non appena si muovono critiche alla circoincisione, ebrei e musulmani se ne escono con la lagna della "libertà religiosa", libertà di compiere abusi fisici sui bambini, cose altrimenti illegali...

    Cosa dobbiamo tutelare di più a tuo avviso, i bambini dagli abusi o la libertà di gente che crede oppurtuno tagliargli il pene?

    Altri esempi di simili eccezioni sono i sikh autorizzati a portare per strada un coltello per motivi religiosi. Prova a farlo tu.

    @Stefano Giannini: certo ci sono problemi maggiori, ma questa tua argomentazione serve solo a sminuire l'argomento, se ti piace tanto la circoincisione fattela, se non hai già provveduto. Vedrai quante malattie eviterai, saremo lieti per te.

    Permetterai però che una simile scelta spetti al singolo: le scelte religiose non vanno imposte, non importa che si tratti di genitori, spetta all'individuo e non ai genitori scegliere quali pratiche religiose praticare (Corte Costituzionale). Per cui la circoincisione dei neonati dovrebbe essere sospesa fino a che uno non possa decidere per conto proprio.

    Ma non è così oggigiorno. E' quindi corretto ed importante parlarne, ma tu no, tu occupati dei bambini sgozzati, che è un problema maggiore come ci fai notare saggiamente, che ci fai qui a parlare di circoincisione? Non perdere tempo.

  • ?
    Lv 4
    9 anni fa

    Ne devi aver conosciuti tanti se ti sei preso la briga di fare una domanda! Pure i telegiornali, non parlano d'altro!

    @ Umberto: ottimo paragone, praticare la circoncisione e' uguale a tagliare un dito... se ci pensavi su almeno per 10 secondi ti saresti reso conto della castroneria che andavi scrivendo. Con rispetto parlando.

    Ok perfetto, ma scusa, quanti anni ha il tuo amico ebreo? No perche' se non gli hanno causato un danno non vedo per cosa debba denunciarli, la circoncisione non ti crea alcun deficit, anzi puo' prevenire infezioni e malattie varie, per cui..

    Artist, perdonami ma folle e' pensare che io volessi trasmettere quel messaggio, io non ho parlato di HIV, mi riferivo alle cose piu' leggere come funghi o infezioni simili, la circoncisione garantisce una maggiore pulizia, poi scusa ancora, ma il tuo amico come fa a sapere con esattezza cosa prova un non circonciso avendo un rapporto sessuale? Cosa, e' stato circonciso in eta' adulta? Punto interrogativo. Poi in fatto di rapporti sessuali non e' detto che la cosa dipenda tutta dalla circoncisione, ci possono essere differenze fisionomiche da persona a persona anche tra non circoncisi. Dici bene, le differenze sono piccole, non tali da stravolgere completamente l'orgasmo, anzi.. (e non farmi andare oltre)

  • Anonimo
    9 anni fa

    Certo, e spero che lo facciano in molti, in modo che smettano una volta per tutte di torturare i bambini.

    Fonte/i: Cheldamura
  • 9 anni fa

    In occidente si, a casa loro non so. (risposta molto banale)

    Come va? :)

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 9 anni fa

    In teoria sì. ma solo in paesi come l'Italia , o altri dove certe scelte devono essere consenzienti. A maggior ragione una ragazza sottoposta all'infibulazione avrebbe il diritto di pretendere un enorme risarcimento danni dai suoi genitori, poichè l'hanno privata per tutta la vita della possibilità di avere una soddisfacente vita sessuale.

  • Gnè
    Lv 4
    9 anni fa

    hahahaha!!Bella questa!

    Comunque si...possono farlo!Secondo la legge italiana possono...ma fà parte della loro religione ed i genitori sono responsabili della vita spirituale del proprio figlio in tenera età.

    è come dire...arresteresti i tuoi genitori per averti mandato a catechismo?

    Ho letto di uno che ha denunciato i genitori per averlo battezzato...non sò in che paese.HAHAHA!!

  • Anonimo
    9 anni fa

    Certo che, in tempi come questi in cui non si sente altro che di bambini sgozzati, in Siria, bruciati nelle chiese, in Nigeria, non mi sembra un gran problema.

    Aggiungo che, a quanto pare, la circoncisione riduce del 50% il rischio di contrarre STD e, di recente annuncio, riduce anche l' insorgenza del tumore della prostata, alla cui origine sembra ci siano ripetute infezioni virali.

    @Umberto: La circoncisione non è una mutilazione genitale, non dire scemenze!

    La circoncisione ha probabilmente motivazioni sanitarie (tribù nomadi nel deserto senza accesso ad acqua incontaminata).

    Comunque: se permetto che la scelta spetti al singolo maggiorenne e non ai genitori, o allo stato, allora non ammetto neppure la vaccinazione obbligatoria, l' istruzione obbligatoria, l' iscrizione all' anagrafe. Rifiuto il codice fiscale (recapitato ai bambini appena nati) e l' obbligo di rispettare le leggi dello stato. Rifiuto in toto ogni forma di imposizione.

    L' equlibrio tra poteri (dello stato, della famiglia, delle convenzioni sociali, della religione) sono ineluttabili. Tutti i tentativi fatti per eliminarne alcuni (rivoluzione francese, totalitarismo nazista e comunista) hanno inevitabilmente portato a immani tragedie umanitarie.

    Per questo motivo ho paragonato la circoncisione alle stragi in corso in diverse parti del mondo, per definire una scala di priorità e di intervento, nella quale la denuncia dei genitori per circoncisione neonatale è decisamente risibile.

    *** ADD ***

    Se avessi letto la risposta... ho parlato di poteri che esercitano il loro controllo sui minori: quello dei genitori, quello dello stato, quello delle convenzioni sociali.

    Le vaccinazioni possono avere controindicazioni anche serie per la salute e, diversamente da quello che credi servono a tutelare la società e non il singolo.

    Errore mio non aver compreso che questa domanda appartiene alla categoria della propaganda e non cerca opinioni differenti.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.