promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 8 anni fa

Perche' la BCE ha elargito soldi Alle banche all1% ?

Non ho veramente capito qual e' stato la causa di questo regalo, visto Che le stesse banche non hanno facilitate l'accesso al credito ai privati e neanche diminuito il tasso

Aggiornamento:

PUORKALFORN:

hai molta confusione:

"visto che praticamente l'intero sistema bancario occidentale era sull'orlo della bancarotta, bisognava trovare un modo per salvarlo"

1. di quale crisi del l'intero sistema bancario occidentale ?

2. quello creato dai mutui subprime e delle rivendite in borsa dei mutui?

3. chi ha causato questo crack? se non loro stessi e la deregolamentazione del sistema creditizio in paesi come USA e UK?

4. le banche italiane non dovevano essere immune a questo perche' restie ai mutui subprime? hai mai chiesto un mutuo o un prestito ad una banca italiana? probabilmente no se speri caxxate del genere

5. "significa in sostante far loro guadagnare dei soldi " sicuri ""? quindi loro non sono della CARITAs mentre noi si?? caro il mio babbucchione, questi sono anche i tuoi soldi presi con le tasse, quindi prima gli imprestiamo i nostri soldi ad un tasso dell'1%, poi loro ce li reimprestano ad un tasso dell'8%??? non

Aggiornamento 2:

non vedi la perversita' del sistema ??

6."chi protesta ha mai regalato agli altri ciò che servirebbe a sè stessi per vivere ?" appunto il mio cretinetti, non ho mai regalato i miei soldi perche' dovrei cominciare adesso???

7. grazie ad IGNORANTI come te che ci troviamo con l'economia bloccata dai privilegiati.

Aggiornamento 3:

Jones: infatti quando la bce ha diminuito il tasso di sconto nel 2011 hai visto una diminuzione dei tassi di interesse nei prestiti o nei mutui, vero?? della serie quanto siamo cojoni mio povero imbecille smartass...

Aggiornamento 4:

@Jones (2): Forse non sai che, ignorando la realta', il dispetto lo fai a te stesso!!

Aggiornamento 5:

@Larry: conosco Leopardi e il concetto di liquidita’ forse meglio di te e non capisco perche’ dovrei fare un favore alle banche visto che a me non ne fa nessuno:

1. Io pago le spese anche sul conto corrente dove la banca paga ZERO interessi

2. I soldi che loro investo male NON e’ un mio problema, come non e’ il loro se io mando a putt@ne il prestito che mi ha concesso la banca

3. Le banche italiane e quelle piccole americane hanno anche un capitale fermo usato come recipiente di prestito ed investimenti nei casi tuoi citati (non e’ cosi’ per grosse banche internazionali come BOA o CITI...)

Bottom line il tuo discorso mi sembra un po’ naif... ma non e colpa tua visto il livello culturale e di educazione in Italia

BTW, i subprimes funzionano esattamente come i BTP perche’ sono convertiti il titoli di borsa...

Aggiornamento 6:

@Larry, non sparare caxxate la MIA liquidita' non e' quella BANCHE e viceversa! infatti dopo aver preso i soldi dalla BCE non hanno abbassato gli interessi perche'? perche' la BCE, se ci tiene alla liquidita' degli europei, non impresta direttamente ai cittadini? in Francia, per es, lo stato impresta ai cittadini per il mutuo e per avviare una attivita' in proprio.

Ti hanno pagato per proteggere i delinquenti o sei un ignorante presuntuoso??

Aggiornamento 7:

@larry: mi sembra di parlare con un deficiente. perche' non rispondi alle mie domande caro lakke' delle banche:

1. perche' dopo aver preso i soldi dalla BCE non hanno abbassato gli interessi?

2. perche' la BCE, se ci tiene alla liquidita' degli europei, non impresta direttamente ai cittadini?

10 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    8 anni fa
    Risposta preferita

    A parte che nessuno regala niente.

    La bce ha comprato i titoli ma noi dovremmo (in via teorica) ridare agli speculatori e ai compratori (bce compresa) ciò su cui hanno speculato o che hanno comprato: i nostri titoli...(i nostri rendimenti erano schizzati a oltre 600 pb)...quindi dovremmo corrispondere (se non falliamo) alla bce tale cifra (i nostri titoli fruttavano più di quelli di ogni paese emergente). Quindi ciò vuole dire più tasse

    Secondo Confcommercio avremo una pressione fiscale pari al 55% nel 2012 (maglia nera a livello globale)

    E a questo si aggiunge il peso del fiscal compact

    Naturalmente il governo non pensa alla crescita...Ma intanto chi se ne frega? saranno contenti tutti quelli di sinistra che desiderano la decrescita felice....La vedranno fra poco....E toccherà la carne viva del popolo italiano ....e non sarà uno spasso...Perchè non è uno spasso nè dare quel differenziale nè cercare di fare andare aziende senza credito in una situazione generale di recessione (perfino la Cina non cresce più come prima)

    Ma intanto che vuoi? meglio trastullarsi sull'articolo 18 facendone una bandiera ideologica inutile...Inutile perchè in Italia è già molto facile licenziare....Inutile perchè non serve la riforma del lavoro ma servirebbe creare nuovi posti di lavoro....Ma forse la Cgil pensa solo a nascondere la verità e a fare gli interessi dei suoi iscritti a tempo indeterminato o dei suoi pensionati che ai suoi non iscritti a tempo determinato....Insomma la Cgil sta solo che facendo l'interesse dei suoi iscritti (come la Cisl e la Uil)

    Cara Camusso racconta queste cose ad un precario che cerca lavoro o che lo ha perso!!

    Cara Camusso, solo con nuovi posti di lavoro e con la crescita si può affrontare un peso fiscale simile...ma che avete imparato l'Economia dalle suore carmelitane????

    Certo il Sistema è perverso....Ma siamo anche noi che non osiamo a protestare un po' i veri complici di tale sistema

    Certo l'Italia non ha colpa per i subprimes...Ma anche non è stata capace di crescere negli ultimi 10 anni

    Certo il sistema bancario italiano è forte secondo i nostri politici...ma è il più arretrato del mondo occidentale

    Certo stiamo pagando (e caro) tutto quello che non abbiamo fatto negli ultimi anni

    Insomma come sempre ci sono i pro e i contro: qui da noi pesano molto i contro e per questo siamo un po' tutti spaventati...Ma la paura fa più danni...dovremmo semmai abbandonare le paure e le certezze di ieri per ricostruire una nuova Italia...Per fare ci vorrebbe il sacrificio di tutti (sindacati compresi)

    Ma quelli che lo pagheranno di più saranno classe media e i poveri....Bella forma di equità! innovativa!!

    Ciao!!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Mettiamola così: Il sistema finanziario internazionale occidentale con le sue banche d' affari, insieme con la sovrapproduzione sono i primi responsabili della crisi in atto e le banche sono entrate in crisi a causa della crisi da esse stesse determinata. Le banche senza questi prestiti sarebbero fallite tutte, proprio come la Grecia, ma la politica attuata dalla BCE nei loro confronti è stata ben diversa di quella attuata con gli stati nazionali in difficoltà (prestiti a fronte di misure molto restrittive di politica economica stabilita e controllata per commissariamento nei casi più gravi). L' intento era quello di garantire la tenuta del sistema privato bancario applicando al prestito un tasso di interesse minimo affinché si realizzasse l' auspicio formale che con quei soldi le banche potessero svolgere un ruolo positivo per le imprese favorendone la ripresa economica produttiva (e se la crisi è crisi di sovrapproduzione lascio al buon senso rilevare la coerenza di questa logica).

    Manteniamoci comunque all' interno dei parametri del sistema liberista per cui le banche avrebbero dovuto aiutare le imprese. Non l' hanno fatto e non l' hanno fatto perché è effettivamente troppo rischioso al di là di tutta la retorica sulla crescita del PIL, le banche sanno benissimo che la ripartenza delle imprese in questo contesto di crisi della domanda è assurda e non avevano nessuno (a differenza della Grecia o di altri stati nazionali) che esigesse delle contropartite al prestito tanto vantaggioso da loro ottenuto a spese di soldi pubblici, dunque nostri. Hanno quindi preferito foraggiare l' assai meno rischioso debito degli stati nazionali a un tasso del 5-6%, assai meno rischioso proprio perché basato sulla retorica dei sacrifici lacrime e sangue a cui non si può sfuggire pena l' oscura e ineluttabile minaccia della catastrofe del fallimento pubblico (che, si noti bene, è alimentato attraverso il debito a mezzo degli stessi meccanismi finanziari che si vanno a sovvenzionare).

    A fronte di questo è a mio avviso evidente che il debito pubblico, nel ricatto che induce, è attualmente un mezzo di profitto enorme e irrinunciabile per il sistema bancario e il prestito della BCE ha il senso di un prestito fatto a uno strozzino in difficoltà per la sua eccessiva avidità, affinché possa continuare a fare in tutta serenità e con sicura remuneraziozione i suoi affari. Questo per l' evidente intreccio di interessi tra organismi finanziari pubblici che esprimono attualmente l' unica politica della comunità europea e istituti finanziari privati.

    Dice bene chi dice che le banche non sono la Caritas, infatti sono strozzini, e proprio per questo se il prestito fosse stato fatto alla Caritas o a enti similari allo stesso tasso di interesse sarebbe stato molto meglio. Ma dopo chi avrebbe più retto al rabbioso risentitimento degli strozzini a cui viene tolto dalle mani il pollo da spennare?

    Leggendo la competente risposta di Larry mi viene da chiedere: ma ci rendiamo conto in che genere di follia siamo precipitati? Il meccanismo che Larry descrive (tecnicamente ineccepibile) funziona come se avendo la febbre alta ci preoccupassimo di mettere sul mercato termometri con le tacche più distanziate cosicché la febbre sembri ridursi. Il problema non è la scommessa sull' affidabilità della promessa finanziaria, ma il senso della scommessa stessa. Quei miliardi di euro regalati a spese nostre alle agenzie di raccolta scommesse per garantire il gioco fossero stati semplicemente restituiti ai cittadini degli stati ( anche con stesso tasso dell' 1% per tenere in piedi tutta la baracca burocratica) per investimenti di sviluppo reali e al limite per stimolare la domanda non sarebbe stato infinitamente meglio per tutti, scommettitori compresi? Ma probabilmente gli scommettitori hanno letto troppo poco Leopardi per capire il senso del gioco e il gioco demenziale che praticano li appassiona molto di più.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    l'usura ha sempre fatto miracoli da che mondo é mondo

    anche se illegale

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    LE BANCHE cosa sono se non dei speculatori dei risparmi dei cittadini lavoratori, tu paghi per tenere un conto e per i depositi ti danno il 0,1% e se li dovessi avere in prestito oggi paghi al 12% minimo, solo a rasentare il limite dello strozzinaggio. Con Quei soldini della BCE le banche ci acquistano titoli pubblici dai quali hanno un reddito almeno del 5%, tutto questo gestito dai grandi esperti della finanza oggi al governo. Prima hanno creato con la loro presunta cultura economica una situazione di sfacelo oggi sono chiamati a risolverla e per far questo che fanno IMPONGONO tasse su presunti redditi che non ci sono. Questa brava gente politici e non sta affamando un popolo dedito al risparmio ed al lavoro.

    Come si può ad esempio al cittadino che ha risparmiato per comprare una casa applicare una patrimoniale chiamandola IMU in sostanza mettono una tassa su un bene strumentale che è la casa dove abiti e non tassano i grandi patrimoni finanziari e "azionari" Aggiungo poi che alle cicale che si godono la vita la casa gli viene passata gratuitamente. Questa è la nostra amata Italia nelle mano di quei tecnici.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • e' stato semplicemente uno scambio di refurtiva fra associazioni mafiose . i soldi che le banche hanno preso all'1% verranno solo in minima parte distribuiti alle aziende -piccoli commercianti ed a chi chiede un mutuo

    ( comunque con interessi maggiorati al 6-7%) gli altri li investiranno in fondi - azioni - speculazioni

    per affossare questo o altro paese e rispecularci sopra.

    le banche fanno guadagni colossali gia' solamente con le spese occulte che ti mettono sul conto

    corrente e delle quali magari non ti accorgi nemmeno.

    ti faccio un piccolo esempio . se la tua banca ti frega 1 euro al mese in voci sulle quali non fai caso

    e non controlli nemmeno , in un anno fanno 12 euro moltiplicati per esempio per 2 milioni di clienti di una banca media fanno 24 milioni di euro !!!! capito come funziona ???

    nessuno vuole fare il moralista ma la realta' e' questa e vale anche per assicurazioni , compagnie telefoniche , bollette .

    pensa quanti soldi incassa lo stato solamente con il prelievo sui carburanti , il 65%! significa che se metti 50 euro di benzina , 32 se li rubano monti&c.e in italia si consumano milioni di litri ogni giorno.

    basterebbero quelli per salvare tutto il sistema solare e non solo l'italia .

    ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    per sostenere il sistema del credito.

    solo che le banche hanno comprato titoli di stato al 5% ed hanno così guadagnato il 4% senza rischiare niente.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    per svalutare un po' l'euro, però purtroppo stampare moneta è un'arma a doppio taglio perchè poi ci sono da pagare le bollette del gas e Putin e compagni non accettano carta straccia

    le svalutazioni sono giochetti che prima o poi li arrivi a pagare con gli interessi

    Fonte/i: governo ladro
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    Se vuoi una risposta te la posso dare, se poi stai facendo una "domanda" solo per trovare consenso nella tua lotta alle banche cattive non ci posso fare nulla....

    Quello che ti manca (non per colpa tua, visto che in Italia la cultura significa solo imparare le poesie di Leopardi) è il concetto di *liquidità* di un sistema.

    Ti faccio l'esempio con i nostri BTP (i subprime lasciali alle banche americane, in italia non funziona allo stesso modo per le banche "comuni").

    Io sono una banca e tu sei un correntista che mi porta 1.000€

    I tuoi 1.000€ li metto in un investimento sicuro, cioè titoli di stato dei paesi europei.

    Poniamo che io compri BTP a 3 anni italiani con un rendimento del 2%: ogni anno lo stato mi darà una cedola del 2% (20€ all'anno) e alla fine mi restituirà i 1.000€.

    Quei titoli possono essere venduti sul mercato, cioè se tu volessi chiedermi 1.000 euro io potrei vendere quel titolo (=scambiare titoli con denaro liquido) e darti i tuoi soldi anche prima della scadenza.

    Poniamo adesso che improvvisamente aumentino i tassi di interesse al 10%: i titoli nuovi rendono 100€ ogni 1.000€ di valore, mentre io ho un titolo che rende 20€.

    Se il mio titolo viene portato a scadenza mi riprendo i 1.000€ e semplicemente perdo un ipotetico guadagno che avrei avuto se tu mi avessi dato 1.000€ oggi; se però tu (o qualcuno) mi chiedesse 1.000€ io dovrei vendere dei titoli svalutati (l'acquirente non mi dà 1.000€ perché il mio titolo rende il 2% e ci perderebbe).

    Questo è il problema della liquidità: i tuoi soldi non sono spariti, li avrò tutti in futuro oppure oggi ne perderò una parte.

    Quando la BCE fa l'asta sulle banche immette liquidità che viene naturalmente usata per acquistare titoli di stato ad un rendimento più alto di quello che ci sarà in futuro (si spera) sul mercato, in modo che la media di vendita dei miei titoli sia allineata al valore dei depositi.

    Questo comporta che più il famoso spread cala, più c'è possibilità che le banche trasferiscano liquidità al sistema perché hanno risorse spendibili sul mercato senza generare perdite (o tassi proibitivi per l'investitore).

    Spero di essermi spiegato :-)

    @@

    Forse sono io che non mi sono spiegato bene: siccome i prestiti servono alle banche per garantirsi la loro liquidità (che poi è la tua) non è auspicabile un trasferimento di prestiti "protettivi" a basso rischio verso impieghi rischiosi come prestiti a famiglie e imprese in condizioni economiche pessime.

    Nel caso europeo sono *gli stati* che hanno fallito (alcuni stati) e il sistema bancario centrale protegge le banche dagli errori dello stato.

    Se la tua impostazione fosse vera (come i politici tendono a dirti, dimostrando ulteriormente la loro delinquenza) allora gli stati sarebbero liberi di spendere e spandere le loro finanze perché ogni ricaduta economica sarebbe comunque coperta dal sistema BCE; questa cosa è la negazione di un sistema finanziario libero dal sistema politico.

    La differenza tra BTP, subprime e altre tossicità non è legata alla loro forma ma al loro rischio intrinseco: se una banca si riempie di toxic allora sta rischiando su titoli poco garantiti, se investe in bond investe in titoli sicuri perché garantiti dal patrimonio di uno stato.

    Se salta il principio secondo cui uno stato garantisce economicamente un prestito finanziario allora il mercato di riferimento sicuro diventerebbe l'azionario...con effetti di liquidità spaventosi.

    @@@

    Non mi ha pagato nessuno.

    Quanto alla presunzione, permettimi di farti notare che ad altre due tue domande (quella sul prestito ai cittadini ritorna anche qui) infatti non ho nemmeno risposto per non creare litigi inutili.

    Le cose che dici purtroppo non sono reali perché non hanno alcuna base teorica relativa al mercato monetario (ben studiato negli ultimi 150 anni); visto quello che scrivi sono assolutamente convinto che tu non abbia chiara l'idea di liquidità come ho scritto da subito.

    Siccome nella mia presunzione ho provato a spiegartela almeno informati se sono presuntuoso oppure se dico cose giuste :-)

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 8 anni fa

    Quel 1%, si chiama "tasso di sconto", e serve a regolare il tasso di interesse bancario.

    E' forzatamente basso, per evitare che le banche commerciali applichino tassi di interesse immensi.

    Se il tasso di sconto fosse stato il 10%, le banche avrebbero prestato denaro a più del 10%, ti trovi?

    Tu a quanto lo avresti fissato il tasso di sconto? Al 40% solo per fare un dispetto al sistema finanziario?

    Forse non sai che, in questo modo, il dispetto lo fai a te stesso.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    8 anni fa

    Molto semplice risponderti ... Visto che praticamente l'intero sistema bancario occidentale era sull'orlo della bancarotta, bisognava trovare un modo per salvarlo ... Prestare all'1% denaro che le banche stanno investendo sl 5 / 6 / 7% comperando per esempio titoli pubblici , significa in sostante far loro guadagnare dei soldi " sicuri ", che vanno a sistemare i bilanci ed impediscono fallimenti a catena che non farebbero il bene di nessuno, neanche dei tanti IGNORANTI che gridano allo scandalo sottolineando che le banche non prestano soldi ( ma perchè dovrebbero farlo, visto che le insolvenze sono ai massimi storici e si puo' guadagnare altrettanto senza rischiare niente ??? Chi protesta ha mai regalato agli altri ciò che servirebbe a sè stessi per vivere ? Troppo comodo fare i moralisti ed i generosi a senso unico ... le banche di mestiere mica sono enti assistenziali o la Caritas ... )

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.