Anonimo
Anonimo ha chiesto in Animali da compagniaPesci · 9 anni fa

acquario nuovo con filtro nuovo e ho gia introdotto i pesci, mi hanno detto che moriranno, perche dovrebbero?

morire?se e vero come posso prevenire senza dover togliere i pesci?

Aggiornamento:

se i nitriti si alzano come provvedo per farli abbassare?solo attivatore batterico o cambi anche dell acqua?quanto attivatore e che percentuale di cambio acqua?quanto dura questo picco di nitriti?

4 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    E VERO....PERCHE DEVI FAR MATURARE IL FILTRO PER UN MESE SENZA PESCI NELL'ACQUARIO

    ti ho incollato pero vai nel link sotto e leggi bene tutto CAPITO//?????? A questo punto sistemeremo le varie rocce (mai calcaree per gli acquari d’acqua dolce) e ornamenti vari, in modo da ricreare un ambiente adatto per i nostri nuovi amici. Nel caso volessimo inserire dei legni, ricordatevi di farli bollire in modo che rilascino gli acidi umici ed evitino cosě di ingiallire troppo l’acqua.

    A questo punto accendiamo il filtro e aspettiamo che si vengano a creare nell’acquario le condizioni ideali per l’introduzione dei pesci e delle piante. Le piante č bene metterle dopo 24 ore, in modo che l’acqua raggiunga la temperatura impostata: le piů alte vanno sul lato posteriore dell’acquario, mentre quelle piů basse verranno sistemate davanti; questo va fatto soprattutto per rendere visibile ogni parte dell’acquario, in modo da controllare lo stato di salute di ogni pesce ed evitare che il pesce muoia e non venga piů trovato. Il discorso, quindi, si estende anche alle rocce che dovranno creare sě dei nascondigli, ma sempre visibili all’osservatore esterno.

    Solitamente l’attesa per l’introduzione dei pesci č di 3/4 settimane, e con la somministrazione di ceppi batterici si riesce ad ottimizzare al massimo questo periodo. Trascorse le tre/quattro settimane, dopo aver controllato che i nitriti siano definitivamente assenti, possiamo mettere i pesci da noi scelti nel nostro acquario, ma attenzione! L’errore piů grande č quello di inserire i pesci senza prima farli adattare gradualmente alla nuova temperatura e alle nuove caratteristiche chimico-fisiche dell’acqua. Il procedimento migliore č il seguente:

    http://www.acquaportal.it/Articoli/Dolce/Guide/acq...

  • 9 anni fa

    io ho commesso il tuo stesso errore. ti hanno già detto tutto quiindi non aggiungo altro.

    i miei pesci però non sono assolitamente morti e dopo alcuni mesi ho fatto il test dei nitriti che è risultato 0 il che mi è sembrato davver incredibile e non riesco ancora a spiegarmi il perchè! per come fare ti hanno già scritto tutto quindi non c'è bisogno che aggiunga niente però non ti agitare troppo e fai le cose fatte bene. è importante che un acquario venga avviato bene per non avere problemi in seguito.

  • Luisa
    Lv 7
    9 anni fa

    Ciao, i pesci rischiano di morire perchè il filtro non è ancora maturo; quando si avvia un acquario per la prima volta, bisogna infatti attendere 4 settimane (a prescindere dall'uso di attivatore batterico) utili alla maturazione del filtro ovvero alla colonizzazione e riproduzione dei batteri che si occupano del filtraggio biologico di trasformazione e neutralizzazione delle sostanze di scarto che si formano in vasca quali escrementi, residui di cibo ecc.... Inserendo i pesci in una vasca con filtro non maturo, i pesci vivono nell'acqua con valori alterati quindi costantemente sotto avvelenamento perchè se il filtro non lavora come dovrebbe le sostanze di scarto rimangono disciolte in acqua, inoltre, fra la seconda e la terza settimana dopo l'avviamento dell'acquario, si verifica il picco dei nitriti (NO2) che se investe i pesci, li uccide. I nitriti sono infatti altamente velenosi per i pesci ed il loro valore in acquario deve essere sempre assente ovvero pari a zero.

    Non c'è un modo per prevenire l'avvelenamento da nitriti, il picco avverrà ed i pesci essendo in vasca ne risentiranno; l'unica cosa che puoi fare per cercare di limitare i danni, è tenere sotto costante controllo gli NO2 ed appena ti accorgi che iniziano ad alzarsi, somministrare dosi giornaliere di attivatore batterico.

    Altra soluzione, che poi sarebbe quella sicura, è togliere i pesci, aspettare le 4 settimane; trascorso questo periodo controllare i nitriti, se sono assenti, popolare la vasca, diversamente, aspettare ancora un'altra settimana e rifare i test.

  • Nicole
    Lv 4
    9 anni fa

    Certo non hai fatto maturare il filtro!! , ecco a te qualche consiglio :

    Primo giorno: posizionamento acquario sul mobile (è meglio porre sotto esso un foglio di polistirolo al fine di attutire colpi vari), preparazione filtro mediante immissione materiali filtranti (nel giusto ordine), posizionamento accessori (attenzione: non accendere ancora pompa e riscaldatore che, senza acqua, si romperebbero), immissione del terriccio fertilizzato che sarà ricoperto col ghiaietto, sistemazione della decorazione (rocce, legni) e delle piante (durante queste operazioni è importante non smuovere troppo il fondo in modo da non far salire il terriccio fertilizzato che intorbidirebbe l'acqua), riempimento con acqua (è meglio dirigere il getto d'acqua su un piatto o qualcosa di simile per non smuovere eccessivamente il fondo), collegamento degli accessori alla rete elettrica elettrica regolando pompa e riscaldatore sui valori desiderati (per il riscaldatore andranno bene 25°C, per la pompa vedi sopra), aggiunta del biocondizionatore (tipo Sera Aquatan o Tetra Aqua Safe).

    Giorni successivi: tenere accesa la luce per 8-10 ore al giorno, gli altri accessori, naturalmente, devono restare accesi di continuo, aggiungere, due giorni dopo l'allestimento un prodotto starter per il filtro (come Sera Nitrivec o Askoll Cycle) ed attendere: durante tale periodo avverrà la maturazione del filtro, caratterizzata da un aumento di nitriti nell'acqua con successivo abbassamento dovuto alla colonizzazione batterica del filtro, a noi, più che tante misurazioni, basterà sapere che dobbiamo aspettare 20-30 giorni prima di immettere qualsiasi pesce (che messo prima potrebbe morire)./LI>

    30 giorni dall'allestimento: acquisto ed immissione dei pesci; consiglio di immettere la popolazione dell'acquario divisa in vari scaglioni affinché non si abbiano sorprese col filtro (un improvviso, eccessivo, carico organico potrebbe superare le capacità "depurative" della popolazione batterica del filtro), durante l'immissione i sacchetti verranno immersi nell'acquario a luci spente per circa 15 minuti in modo da dare al sacchetto coi pesci la stessa temperatura dell'acquario, poi i pesci verranno raccolti con un retino dal sacchetto e immessi nell'acquario, l'acqua vecchia verrà gettata via (si limitano in tal modo le malattie)

    Giorni successivi: i pesci andranno alimentati regolarmente 2-3 volte al giorno (attenzione: somministrare poco mangime), la temperatura e la pompa andranno controllati costantemente, se tutto va bene (e di solito, se fate come ho detto, andrà bene) le piante cresceranno molto bene e non si dovrebbero avere molte perdite di pesci (qualcuna ci potrebbe anche essere), dopo una settimana iniziare a pulire, con cadenza settimanale, il materiale del filtro meccanico (lana di perlon).

    Tre mesi dall'allestimento: primo cambio dell'acqua in misura del 20% del volume dell'acquario con acqua lasciata stagionare uno o due giorni in un recipiente aperto e pulito (tale periodo serve a far evaporare il cloro presente nell'acqua potabile che arriva nelle nostre case) e successivamente biocondizionata. D'ora in poi tali cambi andranno fatti mensilmente.

    4-5 mesi dall'allestimento: inizio somministrazione di concimi per le piante (se crescono a dovere generalmente dopo questo periodo avranno esaurito le sostanze presenti nel terriccio concimato anche se questo esaurimento può avvenire anche prima o dopo in relazione a vari fattori quali la quantità di terriccio e la quantità di piante)

    Gli errori più comuni

    Scelta di vasche troppo piccole o con forme inadatte (che limitano gli scambi gassosi)

    Scelta di attrezzature inadeguate: illuminazione troppo povera o filtro sottodimensionato.

    Scelta di materiali inadatti: fibra di vetro al posto della fibra apposita, materiali calcarei (sebbene vi siano casi in cui possono essere usati), recipienti non puliti.

    Uso di acqua non decantata e, pertanto, ricca di cloro: il cloro danneggia la mucosa dei pesci rendendoli sensibili alle malattie e falcidia la flora batterica del filtro.

    Numero troppo esiguo di piante: spesso si vedono acquari con poche piante e molti pesci, niente di più sbagliato! Se si ospitano pesci compatibili con le piante è bene metterle in buona quantità (almeno 2/3 del fondo coperto dalle piante) infatti le piante apportano ossigeno, tranquillizzano i pesci, servono da rifugio per gli avannotti, eliminano sostanze alla lunga nocive, sono belle a vedersi e rendono molto più stabile l'equilibrio dell'acquario (cosa volere di più?).

    Fonte/i: Buona fortuna! ^^
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.