Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 8 anni fa

Lo strano caso dell'eolico pugliese?

Porto all'attenzione un fenomeno curioso.

In puglia, nella zona dell'alta murgia, sono state montate pale eoliche per una potenza complessiva di un GW.

Sorvolando sulle polemiche se siano brutte o belle, se siano state pagate troppo oppure no, rilevo un fatto inquietante.

Date le caratteristiche del territorio, le pale potrebbero funzionare TUTTE, erogando la potenza istantanea che si tirerebbe fuori da una centrale nucleare di media/grande dimensione.

Ma la metà circa vengono tenute ferme.

Perchè? Perchè la rete elettrica non è in grado di assorbire il carico di energia.

Da notare che anche le pale ferme, in base ai vigenti regolamenti, vengono remunerate, con una remunerazione che viene pagata dalle nostre bollette.

Potrebbero, insomma, produrre energia pulita a costo zero e invece producono solo spreco che paghiamo noi, perchè la rete elettrica è inadeguata.

Qualcuno dirà "ecco, vedi, le energie alternative sono una bufala, era meglio il nucleare". E questo non è vero, perchè, se lì ci fosse una centrale nucleare, si troverebbe esattamente nella stessa situazione. Dovrebbe "buttare" più o meno la metà dell'energia prodotta.

Ora, in italia abbiamo parlato tanto di piano energetico, di fare il solare piuttosto che il nucleare o il nucleare piuttosto che il solare, ma qualcuno si è mai preoccupato di verificare se le reti poi sono adeguate?

I "buchi" non ci sono solo negli acquedotti. Sono ovviamente di natura diversa, ma possono esserci anche in queste reti.

Aggiornamento:

@Giuseppe: ma i tuoi dati, li prendi da topolino? L'output medio di una centrale nucleare è intorno al gw, qualcuna un pò sotto (si parla di 7/800 kw), qualcuna un pò più vicina ai due gw.

Se esiste uno studio della westinghouse che dice una cosa del genere, LO LINKI!

Riguardo a Obama e le 52 centrali nucleari, mi scappa da ridere! Obama ha finanziato DUE centrali nucleari con la possibilità di costruirne in totale sei o sette nell'arco dei prossimi trent'anni!

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/dossier...

Se poi lui si vuole buttare dal precipizio, cavoli suoi.

E in ogni caso la domanda è sulle reti infrastrutturali, non sulla generazione dell'energia.

ma toglimi una curiosità che ho da tempo: sei un troll o sei veramente stupido?

3 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Migliore risposta

    Hai centrato un problema fondamentale di quello che è un argomento che l'Italia si sta portando dietro dai tempi di SALVEMINI: la questione meridionale!

    La mancanza o la insufficienza di INFRASTRUTTURE o la presenza di infrastrutture scadenti nel Meridione fanno il buon gioco di una piccola parte del Paese, corrispondenti alle regioni del Nord dell'Italia, che campano sul BISOGNO dei 2/5 del Paese, data la costante arretratezza o insufficienza.

    Nel Meridione ci sono eccellenze che, se sfruttate al meglio, porterebbero un po' di benessere e pace sociale.

    Invece, a fronte di strutture sanitarie all'avanguardia, si preferisce sottoutilizzarle per agevolare [in Puglia il fenomeno è in calo, ma altrove nel Sud è molto diffuso] il cosiddetto TURISMO DELLA SALUTE [ho saputo, per esempio, che le ASL del nord mandano giù medici specialisti per fare la RACCOLTA di pazienti da portare negli ospedali del nord dove il trattamento è praticamente uguale ma i costi sono tripli].

    Invece, a fronte di impianti eolici all'avanguardia [ce ne sono di più piccoli anche a Lecce e Brindisi, rispetto a quello della zona di Apricena, da te citato] non ci sono le infrastrutture secondarie [quelle che permettono il trasporto dell'energia] adeguate!

    E dove sono i finanziamenti della Stato???

    Infatti i privati possono finanziare solo l'impianto base, mentre il resto deve farlo ENEL, nel caso specifico!

    Diciamo pure la verità! Si preferisce spendere miliardi di euro per la TAV ed accontentare una esigua utenza ma ricca, piuttosto che rendere moderne le reti primarie e secondari usate dai pendolari, sfigati lavoratori che non possono permettersi di spendere 90 euro al giorno per fare i 150 km che li separano dal posto di lavoro!

    A ciò si aggiungono le bestialità e recriminazioni da parte dei PATANI, che aggiungono BEFFE ai DANNI!

    Quanto all'acquedotto, anche quella è una questione tutta politica.

    Perché nell'era politica pre-Vendola l'Acquedotto Pugliese stava per essere privatizzato perché [la solita scusa di chi non sa che pesci pigliare] ingestibile e con perdite superiori ai guadagni?

    Perché con Vendola c'è stato un netto risanamento dell'Acquedotto più grande d'Europa, con riduzione drastica delle perdite ed un piano di rientro, ormai avanzato nella realizzazione, per l'ammodernamento e il ripristino della condutture?

    E sto parlando di un Ente al 100% pubblico!

  • 8 anni fa

    Uno dei motivi di questo è che gli investimenti per impianti eolici e la rete di distribuzione non richiedono un' uso massiccio di Cemento.

    Tutte le grandi opere pubbliche degli ultimi decenni hanno visto sempre la lobby del cemento prevalere su qualsiasi altra vera necessità. In Italia le infrastrutture, soprattutto nel sud del paese, sono da terzo mondo.

    Si parla spesso della peculiarità tutta italiana nell' essere una piattaforma naturale nel Mediterraneo, però i porti del sud d' Italia non sono collegati decentemente, salvo il mettere a punto costosi progetti di intermodalità, i quali però restano sempre solo sulla carta. In realtà quei progetti servono solo a finanziare i ricchi studi del nord.

  • 8 anni fa

    Dici cose inesatte. Intanto per produrre l'energia di una CENTRALE NUCLEARE ci vorrebbero un paio di milioni di pale sempre in funzione.Come dimostrano ,in maniera inequivocabile, studi serissimi della WESTINGHOUSE.

    Poi non vedi il quadro generale. Il Piano Nucleare prevedeva ben altro che la costruzione di sole centrali. Li faranno in Albania ed alla lunga gli Albanesi diventeranno più ricchi di noi.

    La follia antinuclearista sta portando l'Italia alla rovina. Mentre ad esempio in America il democratico ed ambientalista nonchè NOBEL PER LA PACE , Barack Obama , sta costruendo 52 ,dicasi cinquantadue ,Centrali Nucleari di Nuova Generazione.

    Siamo o no ..... dei fessi .....memorabili ?

    Ciao.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.