Mi fate un tema sul bullismo?

Possibilmente non preso da internet.

Aggiornamento:

Per le simpaticisse che hanno commentato per farsi fighe.

Hanno inventato la sezione "compiti" per questo. Se ti dà fastidio puoi tranquillamente non rispondere.

Grazie a chi ha risposto.

4 risposte

Classificazione
  • 9 anni fa
    Risposta preferita

    Negli ultimi tempi, giornali e telegiornali trattano di vicende assai gravi:

    gruppi di ragazzini e ragazzine che picchiano e filmano l’ aggressione.

    Questi ragazzi, sono soggetti al bullismo.

    In Italia viene considerato “bullo” una persona esibizionista, molte volte sbruffone, che ama fare il gradasso e che la maggior parte delle volte si approfitta dei più “deboli”.

    In verità, il bullismo non è una forza, ma debolezza e il perché lo si capisce ragionando: se un ragazzo picchia o minaccia un altro individuo è per sentirsi forte, e gli fa piacere sentirsi così perché non riesce a esprimere in un altro modo

    le sue “doti”.

    Secondo me, non serve essere violenti per far vedere che si è forti: basta essere gentili ed educati; in questo modo si dimostra anche di avere un buon carattere.

    Una cosa però è certa: i bulli hanno i loro problemi e cosa ancor più certa, non sono seguiti dai loro genitori, i quali non stando vicini ai figli per diverse ragioni, hanno dei “sensi di colpa”.

    I bulli di solito cercano di attirare l’ attenzione di altre persone e perciò si comportano stupidamente.

    Infatti pensano che la prepotenza regni; in qualche scuola i prepotenti sono ammirati dagli altri, riescono ad ottenere ciò che vogliono e hanno meno problemi di essere vittime di altri simili.

    Sono aggressivi e impulsivi, compiono azioni senza pensare alle conseguenze; trovano divertente dominare sugli altri, soprattutto quando poi si fa parte di un gruppo che molesta qualcuno. Inoltre se un bullo continua a esser prepotente per un determinato periodo, perde la “paura e la compassione” per gli altri.

    Io un bullo lo definisco come ho appena scritto, e in parole più semplici, lo vedo come un debole che ha bisogno anche del giudizio degli altri per sentirsi più forte.

    Risono poi dei gravi episodi, accaduti sempre per mano dei bulli.

    A Bari, per esempio, un ragazzino di tredici anni è stato ricoverato in ospedale per una lesione al timpano dopo che cinque suoi compagni di scuola lo hanno bersagliato con petardi che sono esplosi addosso al tredicenne.

    Un altro episodio di bullismo si è svolto in un’ altra scuola di Bari dove altri sei ragazzini, tra cui tre ragazze, hanno costretto per più giorni una ragazzina, facendole fare docce fredde nei bagni degli spogliatoi della scuola.

    Quando ho sentito tutto ciò, sono rimasta inorridita, per di più delusa dall’ atteggiamento di altri adolescenti che anno all’ incirca la mia età.

    Più che altro, sono rimasta sorpresa nel sapere che anche tra le ragazze c’è il fenomeno del bullismo.

    Di sicuro, questo si nota di più nei maschi; per le femmine però è diverso: incominciano a creare i loro “gruppetti” fin dalle elementari e man mano che crescono diventano più cattive. Sembrerebbe che siano in “competizione” con i loro compagni maschi: infatti sono molto più aggressive e spietate.

    Ma tutto ciò deve pur avere un inizio!

    Questi ragazzi diventano così prendendo esempio dai loro coetanei, fratelli o genitori stessi.

    Se un bambino cresce in mezzo all’ aggressività e alla cattiveria, sarà molto difficile che da grande sia buono e gentile, ma anche perché gli manca l’ educazione.

    Secondo me, sarebbe molto utile la presenza di un bravo psicologo nelle scuole: i ragazzi con questi problemi, segnalati dagli insegnanti e dal preside stesso, dovrebbero fare degli incontri con queste persone in modo da capire il perché del loro atteggiamento irresponsabile e cercare di correggerlo.

    Tempo fa avevo letto un libro di cui purtroppo non ricordo né l’ autore né il titolo, ma ricordo bene l’ argomento trattato: un ragazzino avendo un atteggiamento da bullo, fu mandato dalla psicologa scolastica.

    All’ inizio il ragazzo rifiutava di andarci, ma alla fine, era riuscito a ritrovare nella psicologa una figura materna; grazie all’ affetto della donna, quel ragazzino era diventato buono: tutta la sua cattiveria era sparita.

    È importante correggere l’ atteggiamento dei bulli: prima si provvede, maggiore sarà la probabilità che il ragazzo o la ragazza cambi.

  • virna
    Lv 6
    9 anni fa

    ...e poi??? domani ci facciamo interrogare al tuo posto???...

    se vuoi spunti vai su internet e datti da fare..da sola!! ce la puoi fare...ciao

  • ma secondo te chi è che si mette a farti un attimo un tema, nn è ke stai chiedendo una frase o un piccolo aiuto... ma mettiti a studiare e fallo da sola, nn è difficile

    CARISSIMA esiste la sezione compiti nn per fare i compiti a casa al posto tuo ma semplicemente per darti un piccolo aiuto su un punto in cui nn riesci... a me la cosa ke fa paura è che un giorno ci ritroveremo l'Italia piena di "ignoranti" che nn hanno mai studiato e nn hanno mai fatto nulla con la propria testa, ma hanno solo copiato ogni cosa da internet... impegnati vedrai che riesci in tutto, anche solo come soddisfazione personale

  • Anonimo
    9 anni fa

    Occorre prima di tutto stabilire che il bullismo è sempre esistito. E' la logica del branco che individua un soggetto debole o semplicemente diverso, lo isola, trae convinzione e forza dalla parte aggressiva di ciascun componente eliminando il dubbio relativo alla positività di un certo atteggiamento, e parte l'attacco che scatena l'ilarità idiota dei partecipanti bulli.

    Oggi a differenza di ieri la bullata è resa visibile dagli strumenti tecnologici e desta scandalo.

    E' un problema gravissimo, è vero, ma pretendere di risolverlo dall'oggi al domani è ridicolo.

    Il bombardamento mediatico a cui siamo esposti impone modelli sempre più aggressivi, la forza fisica è l'elemento fondamentale dal quale un uomo non può prescindere: se sei forte sei ascoltato, anche se spari delle minchiate incredibili. Vieni individuato quale maschio dominante all'interno di un gruppo e comandi fin quando non arriva uno più forte, perchè ce n'è sempre uno. Il bullismo trae la sua origine da questo aspetto animalesco dell'essere umano fin dai tempi antichi quando era organizzato in tribù. Non a caso la maggioranza dei tatuaggi sono tribali e tradotti nel loro significato evocano l' aspetto più belligerante della natura umana.

    Paradossalmente oggi che potremmo fare a meno di tale atteggiamento, preferendo allo Spartano l' Ateniese, insistiamo nel perseguire un comportamento che non ha più nessun significato se non quello di evidenziare la povertà morale di certe persone che traggono giovamento dalle sofferenze altrui.

    La soluzione al problema sta, secondo me, nel trattare l'argomento apertamente, coinvolgendo le istituzioni scolastiche, i genitori, gli amici, in assemblee aperte in cui manifestare tutti insieme il proprio libero pensiero dimostrando di non aver paura dei bulli. Tante esperienze condivise, perchè a tutti è capitato d'incontrare un bullo non solo ai ragazzi anche agli adulti, ci aiuteranno a mettere certi personaggi al posto che si meritano cioè in minoranza rispetto a tanta brava gente che invece, quotidianamente, lotta per cacciare lontano il buio prodotto da prepotenza e arroganza.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.