ummagumma ha chiesto in Casa e giardinoGiardinaggio · 9 anni fa

quali sensazioni provate nel fare giardinaggio ?

lavoro tra l'erba i fiori e le piante e dimentico ,per qualche ora, i miei problemi .

grazie e ciao a tutti.

Aggiornamento:

@ ciao Mariangela, io sono un tabaccaio e mi dedico alla campagna nel dopo lavoro, a volte anche di notte con l'ausilio di un faro semovente che mi illumina 3000 mq di terreno. Cose da pazzi !ciao

13 risposte

Classificazione
  • John
    Lv 7
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Gentile Ummagumma,

    le ore più belle le passo in giardino, spesso con i nipotini che giocano a rubarsi il posto sull’amaca; dopo un po’ la moglie mi chiama che son pronti i piatti in tavola ma mi spiace rientrare anche perché devo cambiare gli zoccoloni così comodi.Lì in giardino evito anche i rimbrotti della mia Santippe perchè di giardino se ne intende poco.

    Credi a me, la scomparsa del lavoro manuale ha messo in crisi l’uomo. Ha il potere di appagare e tranquillizzare l’uomo il quale riconosce e vede riconosciuta la sua opera, la sua humanitas.

    Negli uffici e nelle fabbriche l’uomo dipende sempre da decisioni altrui, prese magari a distanza di centinaia di chilometri e diventa un numero; “qui in giardino vivaddio, comando io”…e anche se sbaglio qualcosa la natura non si ribella e i fagiolini (magari un po’ storti) ma crescono lo stesso e che gioia 15 gg. fa quando son spuntati i tulipani che avevo messo a dimora a novembre.

    Il maneggiare cose o utensili, risponde ad una precisa necessità della nostra natura umana. I tempi sono maturi per riflettere su questo disagio o finiremo tutti intossicati da pillole antiansia.

    Se a qualcuno interessa, c’è un bestseller, scritto da un filosofo americano che, da esperto di marketing ben retribuito, ha deciso di lasciare la sua attività e di aprire una officina meccanica, ritrovando l’equilibrio che aveva smarrito; ecco il titolo e casa editrice: “Il lavoro manuale come medicina dell’anima” di Matthew Crawford. Mondadori 2010. Sono solo 200 pagine ma vi assicuro che cambierete idea sul lavoro manuale e sulla sua importanza.http://www.librimondadori.it/web/mondadori/scheda-...

    Un libro che non dovrebbe mancare nella libreria di casa; un vero bestseller di quelli che faranno storia, visto il consumo di psicofarmaci, raddoppiato negli ultimi dieci anni:http://www.zazoom.it/blog_rsc/post.asp?id=2801

    Nonno Eugenio.

  • 9 anni fa

    Rilassamento e con piacevolezza.

  • 9 anni fa

    Fare giardinaggio mi trasmette pace, serenità e felicità, e poi quando sono nel mio giardino fra le mie piante mi sento protetta e sicura.

  • 9 anni fa

    La cosa che mi fa + piacere è veder nascere i semi che ho piantato .

    Senza trascurare il passatempo e la spensieratezza che ricevo .

    Inoltre trapianto tutti i figli che ricavo dalle piante grasse , e regalandoli sento 1 certa soddisfazione .

    Paolo barese doc

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    9 anni fa

    Molto rilassante specialmente dopo una giornata di lavoro chiusa in ufficio e'bello potr stare fuori all'aria....

  • 9 anni fa

    Nel totale silenzio, che pace !

  • 9 anni fa

    Serenità...spensieratezza...gioia...pace...completezza.

    Il contatto con la terra, il suo profumo, l'aria fresca, i colori naturali del prato, dei sassi...della terra, dei fiori...qualche piccolo insetto...

    Il giardinaggio riequilibria i miei sensi, regola il mio respiro e il mio battito cardiaco....

    Vista, tatto, udito, olfatto...vengono coinvolti e riportati ad un equilibrio naturale che mi mette un'imparagonabile pace nell'anima..

  • 9 anni fa

    Ciao,anche a me succede così; io ho giusto qualche piantina sul balcone,ma non posso starci dietro al 100% nel senso di ricercare i terreni con delle determinate composizioni,usare mille concimi,ecc. perché lavoro e studio e non avrei tempo e uso quindi terriccio universale e concimi ne ho uno per piante verdi e uno per piante fiorite e basta,e neppure mi ricordo di concimare tutte le settimane. Però mi piacerebbe visto che almeno da primavera in poi quando mi ci dedico di più mi sembra di trovare un po' di tranquillità visto che hanno colori e luce,oltre al fatto che non gridano e non fanno rumore e io invece lavoro nel traffico e con gente che urla in continuazione per qualunque stron za ta. Una curiosità: ma è il tuo lavoro vero o ci lavori nel senso che vivendo in campagna ti ci dedichi molto nel tempo libero? Comunque tra i lavori a cui avevo pensato nel cambiare professione,uno sarebbe proprio stato quello con le piante, e avevo chiesto a qualche vivaio ma mi avevano detto che non assumevano più per via della crisi e comunque avrebbero cercato delle persone che avessero fatto scuole tipo agraria o simili.

  • riri
    Lv 4
    9 anni fa

    Prima di iniziare avverto una specie di eccitazione a ...pensare che fra poco potrò stare con le mie amate! Poi un piacere rilassante (stacco il telefono e metto musica classica)...Le guardo, le curo, ci parlo ...quando ormai sono stanchissima, mi siedo con una buona infusione e...con la mente ripercorro

    il mio lavoro, faccio una diagnosi per ognuna di loro , appunto i bisogni di cura ecc...e sogno immaginandomi il loro sviluppo...ke meraviglia

  • Anonimo
    9 anni fa

    Adrenalina pura.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.