Maghe111 ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 9 anni fa

Sindrome di Medea.........................?

Mia sorella, per arrotondare, ha cominciato a fare da babysitter al figlio della vicina, che è appena tornata a lavorare dalla maternità e ha bisogno che qualcuno le tenga il pargolo quasi tutti i pomeriggi.

Da quando quel poppante di 4 mesi gira per casa nostra per me è iniziato l'inferno. Per fortuna non sono a casa spesso, ma quando ci sono sono sommersa dai pianti, gridolini e gorgoglii di questo essere che, oltre a non rendersi simpatico sputrando e sbavando, mi impedisce pure di dormire se per caso devo fare il turno di notte in fabbrica. In particolare mi irrita quando piange, mi verrebbe da menarlo a sangue. Ma evidentemente sono l'unica a non essere estasiata dal pupo: mia madre si prodiga nel lavare tutine, sbattere sonaglietti e dire frasette insulse, e mia sorella è rimasta totalmente irretita da quel fagottino strillante, e lo cura come se lo fosse figlio suo, è felice e orgogliosa di portarlo a spasso ai giardini in carrozzina, di dargli da mangiare, di cantargli canzoncine. A me salterebbero i nervi dopo due minuti. Penso proprio di odiare i poppanti, e ho scoperto che mi piacciono poco pure i bambini più grandicelli, noiosi e lamentosi, oppure totalmente selvaggi. Guardo come brillano gli occhi di mia sorella, e mi rendo conto che il suo sogno nel cassetto, prima ancora di diventare architetto, è essere madre, anche se non ha ancora 21 anni. E allora mi chiedo se non sono io ad essere sbagliata... cavolo...sono una donna, dovrei avere almeno un po' di istinto materno, no? Conosco tante ragazze della mia età (26 anni) che hanno già sfornato uno o più figli e sono felicemente sposate. A me l'idea di avere un partner fisso con cui pianificare di avere dei bambini imbarazza. L'idea di mostrare il mio corpo nudo a un uomo mi mette vergogna. E poi pensare di stare nove mesi con una cosa che mi cresce nella pancia e ingrassare mi ripugna. E beh, l'idea di avere un pargolo palpitante che fa la pipì e la popù e dipende totalmente da me mi infastidisce. Io stessa mi sento un mostro a pensare queste cose...ma la verità è che non sarei assolutamente una buona madre, anzi. Confesso che la cosa, soprattutto pensando in prospettiva, un po' mi turba.

Per fortuna la natura è più assennata di me e ha fatto sì che non abbia più il ciclo (per averlo dovrei pesare una valanga di kg in più), così almeno evito di essere una nuova Medea.

3 risposte

Classificazione
  • ?
    Lv 5
    9 anni fa
    Risposta preferita

    Credo che il tuo vero problema sia il corpo. Non ti piaci. Hai paura di mostrare il corpo nudo perché non ti accetti. Hai paura che una possibile gravidanza ti faccia deformare il corpo e ingrassare.

    Se davvero il tuo problema sono i bambini ci sono un sacco di metodi per non averne e se sei proprio convinta più in là potrai fare un intervento definitivo per non averne. Ma non per questo ti devi rovinare la salute.

    Siccome non ti piacciono i bambini rinunci a essere una donna? No, non sta in piedi. Fai qualcosa per te stessa. Vivi la tua femminilità, che non include la maternità... quello è un altro discorso. Vai da uno psicologo e cerca di mangiare, fatti tornare queste cavolo di mestruazioni per favore!

  • 9 anni fa

    ...aldilà di tutto quello che hai scritto non avere più il ciclo significa che sei sottopeso,e questo può comportare problematiche a livelli di SALUTE per la tua persona.. non la prendere tanto alla leggera. Se non vuoi avere figli ok nessuno ti obbliga ma per favore magna qualcosa o crepi ancor prima di vedere tua sorella compiere 21 anni

  • Anonimo
    9 anni fa

    non tutti sono tagliati per essere genitori.

    Magari devi solo aspettare ancora un pochino e che come me potresti desiderarlo da morire. vorrei una femminuccia tanto

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.